Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

L’ Art Days of the Blind (DUN) – Giorni d’Arte dei non Vedenti

Una visitatrice accarezza con la mano sinistra il volto della scultura Madonna con bambino (marmo) di Felice Tagliaferri

Moravia, Repubblica Ceca da maggio a luglio 2008

Il Festival internazionale dell’Unione dei Ciechi della Repubblica Ceca

“La perdita della vista non è un ostacolo, se tu puoi vedere attraverso il cuore. Noi non siamo un’organizzazione che decide e agisce a nome dei non vedenti. Noi siamo dei cittadini non vedenti che decidono e agiscono per se stessi.”

Ogni anno l’Unione dei Ciechi della Repubblica Ceca (SONS) organizza un importante Festival internazionale in Moravia: l’Art Days of the Blind (DUN). La manifestazione giunta alla 13° edizione promuove artisti ciechi e ipovedenti di tutto il mondo: ogni anno è prevista una nazione di riferimento e per il 2008 è stata invitata l’Italia. Il Festival, che dura da maggio a luglio, attraversa varie città della regione Moravia – Ostrava, Zlin, Vsetin, Kromeriz, Bystrice pod Hostynem, Vizovice, Kyjov, Blansko – portando con sé mostra itineranti, spettacoli e molto altro.

Il Museo Omero e gli artisti italiani non vedenti

L’interlocutore diretto scelto dall’Unione dei Ciechi della Repubblica Ceca per l’indicazione di validi artisti italiani non vedenti è stato il Museo Omero di Ancona, unico museo tattile in Italia da anni sensibile alla diffusione di una cultura senza barriere. Il Museo Omero ha suggerito gli artisti Felice Tagliaferri per la scultura, Giuseppe Noferi per la pittura, Armando Battiston per la musica: quest’anno dunque sono loro i protagonisti in Repubblica ceca del Festival internazionale Art Days of the Blind.

Felice Tagliaferri è presente in mostra con dieci sculture fra cui la delicata “Maternità” in bronzo, la “Madonna con bambino” in marmo, il “Volto di Cristo” in terracotta, mentre del giovane pittore fiorentino Giuseppe Noferi, prematuramente scomparso, sano esposti circa 120 acquerelli: la traduzione in pittura dei colori della sua cecità.

Lunedì 26 maggio Presentazione a Vsetin

Il 26 maggio il Festival intinerante fa tappa a Vsetin dove ci sarà la presentazione ufficiale con la partecipazione, su invito della Sons (Unione dei Ciechi della Repubblica Ceca), di una delegazione del Museo Omero composta dal Presidente Roberto Farroni e dai coniugi Grassini. Parteciperanno anche l’artista Tagliaferri con la madre e il fratello del pittore Noferi.
La sera stessa è previsto il primo concerto di Armando Battiston, straordinario musicista jazz già invitato dal Museo Omero a Sensi d’estate lo scorso agosto. Il tour di Battiston proseguirà in Moravia per un totale di sei concerti.

Le foto della presentazione ad Ostrawa

Platea alla presentazione del Festival a Ostrawa con Massimiliano Trubbiani del Museo Omero in prima fila e  dipinti di Giuseppe Noferi sullo sfondo
La città di Otrawa in Moravia (Repubblica Ceca) panoramica sui palazzi colorati

Mostra “DiversArte”. 1200 bambini espongono la loro creatività

Locandina Diversarte

dal 24 maggio al 1 giugno
Inaugurazione Mostra
Sabato 24 Maggio ore 16

Sabato 24 maggio alle ore 16 presso l’Aula Didattica del Museo Tattile Statale Omero di Ancona sarà allestita la mostra “DiversArte”.
DiversArte è un progetto ideato dalla Dott.ssa Benedetta Orsetti per integrare gli alunni diversamente abili attraverso l’esperienza artistica e il processo creativo.
Il progetto, patrocinato dalla Provincia di Ancona, è stato realizzato in collaborazione con il CTI, Centro Territoriale per l’Integrazione di Osimo (Dirigente Giri Giovanni e referente Prof.ssa Francesca Capici), il Museo Omero di Ancona, il Lions Club di Recanati – Loreto.

Le scuole coinvolte sono dunque quelle della rete del CTI “Impossibile” di Osimo: oltre 1200 bambini per 58 classi provenienti da Osimo, Loreto, Castelfidardo, Camerano, Filottrano, Sirolo, che hanno abbinato le attività artistiche a scuola con quelle creative al Museo Omero, pensate appositamente sulle caratteristiche di ogni alunno diversamente abile coinvolto.
Al Museo Omero i bambini hanno partecipato a laboratori su ceramica, poesia, intercultura, animali, corpo, mito e molto altro al fine di sviluppare le loro capacità percettive, manipolative, visive e tattili.
L’esperienza artistica è divenuta quindi uno strumento di integrazione sociale, dando la possibilità a ciascuno di comunicare ed esprimere, secondo le capacità, la propria identità.

La mostra DiversArte, che sarà allestita da sabato 24 maggio a sabato 1 giugno presso l’Aula Didattica del Museo Tattile Statale Omero di Ancona, esporrà i lavori finali delle classi coinvolte nel progetto. L’inaugurazione della mostra prevista alle ore 16 prevede gli interventi di Giovanni Giri, Benedetta Orsetti e Andrea Socrati responsabile dei progetti didattici del Museo Omero.

Il Museo Omero alla Festa del Volontariato di Napoli

Esplorazione tattile del Busto di Omero da parte di un ragazzo bendato

Mostra “Toccare l’arte Vedere con le mani”
dal 23 al 25 Maggio 2008
Piazza del Plebiscito, Napoli

La Festa

Da venerdì 23 maggio a domenica 25 maggio l’affascinante Piazza del Plebiscito, nel pieno centro storico di Napoli, accoglierà la Festa del Volontariato, una manifestazione organizzata e promossa dal Centro per il volontariato di Napoli e Provincia.
L’obiettivo è “portare in piazza” le buone prassi del volontariato coinvolgendo la cittadinanza con stand espositivi delle associazioni, seminari, mostre, tavole rotonde, esibizioni e concerti.

La Mostra

In questa cornice l’Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi (U.N.I.Vo.C.) ONLUS Napoli, in collaborazione con il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, organizza la mostra “Toccare l’arte Vedere con le mani”.
Il Museo Omero è stato invitato dal Presidente dell’Univoc di Napoli Salvatore Petrucci, dopo lo strepitoso successo della mostra dal medesimo titolo organizzata nel Monastero di Santa Chiara lo scorso marzo.

La seconda volta del Museo Omero a Napoli prevede l’esposizione di diverse opere legate alla collezione della Mimica del Volto umano come il busto di Omero, del Laocoonte, di Abacuc, il volto di Gattamelata, la Testa di Cristo di Donatello e di Santa Teresa d’Avila di Bernini. Sarà inoltre esposta la “Vergine di Bruges” di Michelangelo e una scultura originale in terracotta dello scultore Felice Tagliaferri: “Judoca col compagno”.

Anche questa sarà una mostra dedicata a tutti, in cui sarà possibile toccare volti, corpi, gesti, espressioni, scoprire volumi e prospettive attraverso le proprie mani e comprendere i capolavori dell’arte attraverso il canale della percezione tattile.

Promuovere il volontariato

Secondo le intenzioni degli organizzatori la presenza della mostra “Toccare l’Arte” a Napoli non solo sarà un’occasione per coinvolgere cittadini e soprattutto giovani in un evento culturale di sensibilizzazione verso i problemi dell’handicap visivo ma sarà anche un’opportunità di promozione del volontariato in un ambito sociale che necessita di sempre maggiore divulgazione e informazione.

Informazioni

Saranno disponibili visite per gruppi di 10 persone della durata di circa 30 minuti con i volontari dell’U.N.I.Vo.C. (formati per l’occasione) che illustreranno le opere ai visitatori bendati che, tolte le bende, potranno mettere a confronto tatto e vista: due modi diversi di percepire l’arte.

Ingresso: libero.
Periodo: 23 – 24 – 25 Maggio 2008.
Orario di apertura: Venerdì 23 Maggio 16:00 – 21:00 ; Sabato 24 Maggio 10:00 -13:00 e 16:00 – 21:00; Domenica 25 Maggio: 10:00 – 14:00.
Dove: Piazza del Plebiscito Napoli.
Visite: ogni 30 minuti: Venerdì 23 Maggio dalle ore 16:00 alle 21:00 ; Sabato 24 Maggio dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 21:00; Domenica 25 Maggio dalle ore 10:00 alle 14:00.

Info

347 84 54 58 1.
I visitatori possono ritirare un buono sconto per ristoranti e pizzerie convenzionati della zona.

Giornata Internazionale dei Musei

la sala greca con un allestimento multisensoriale

Domenica 18 maggio

Il Museo Omero partecipa alla giornata internazionale dei Musei promossa dall’ICOM (International Council of Museums) con il tema “I musei come attori del cambiamento sociale e dello sviluppo”.

Il Museo Omero darà il proprio contributo organizzando un percorso interattivo dedicato ai cinque sensi e alle loro specificità nella conoscenza della realtà.
Vista, udito, olfatto, gusto, tatto saranno i protagonisti degli spazi museali, sollecitati o esclusivi a seconda delle esigenze e in relazione alle opere d’arte.

Un’esperienza finalizzata alla sensibilizzazione nei confronti delle persone con minorazioni sensoriali in linea con lo scopo d’integrazione sociale e culturale che il Museo persegue da anni nonché con la sua primaria finalità ovvero “promuovere la crescita e l’integrazione culturale dei minorati della vista e di diffondere tra essi la conoscenza della realtà” come recita l’articolo 2 della Legge numero 452.

La Giornata Internazionale dei musei beneficia del sostegno de la Réunion des Musées Nationaux (RMN) e dalla Direction des musées de France (DMF).
Apertura: dalle 16 alle 19.30. Ingresso: libero.

Giornata Internazionale dei Musei

la sala greca con un allestimento multisensoriale

Domenica 18 maggio

Il Museo Omero partecipa alla giornata internazionale dei Musei promossa dall’ICOM (International Council of Museums) con il tema “I musei come attori del cambiamento sociale e dello sviluppo”.

Il Museo Omero darà il proprio contributo organizzando un percorso interattivo dedicato ai cinque sensi e alle loro specificità nella conoscenza della realtà.
Vista, udito, olfatto, gusto, tatto saranno i protagonisti degli spazi museali, sollecitati o esclusivi a seconda delle esigenze e in relazione alle opere d’arte.

Un’esperienza finalizzata alla sensibilizzazione nei confronti delle persone con minorazioni sensoriali in linea con lo scopo d’integrazione sociale e culturale che il Museo persegue da anni nonché con la sua primaria finalità ovvero “promuovere la crescita e l’integrazione culturale dei minorati della vista e di diffondere tra essi la conoscenza della realtà” come recita l’articolo 2 della Legge numero 452.

La Giornata Internazionale dei musei beneficia del sostegno de la Réunion des Musées Nationaux (RMN) e dalla Direction des musées de France (DMF).
Apertura: dalle 16 alle 19.30. Ingresso: libero.

Parigi – Ancona: Una notte sensazionale al Museo Omero

Primo piano della nike di Samotracia

Nuit des musées. Sabato 17 maggio.

Quarto appuntamento in tutta Europa con la “Notte dei musei”!

Ideata nel 2005 dal Ministero della Cultura e della Comunicazione Francese, la “Notte dei Musei” è un evento libero e amichevole, che ha lo scopo di attirare nuovo pubblico alla scoperta delle città e delle loro offerte culturali.
Per le famiglie e per i bambini, da 0 a 99 anni, per i curiosi e gli intraprendenti, per i gruppi di amici e per gli interessati dell’arte, la “Notte dei Musei” è un’occasione unica per visitare il Museo Tattile Statale Omero, senza il vincolo del tempo.

Happy Hour

La serata ha inizio alle 19.30 con l’Happy Hour al Museo!
Un momento di relax dove non avreste mai immaginato. Nel luogo in cui potersi incontrare con amici e conoscenti, fra bibite e stuzzichini, da una sala all’altra per discutere e fare nuove esperienze sensoriali senza dimenticare il divertimento.

Esperienza al buio

All’interno del Museo verrà allestito un ambiente domestico dove ciascun visitatore potrà sperimentare e vivere un luogo familiare, a condizione di non usare il senso della vista. Un’esperienza per cambiare il nostro “punto di vista”, per vagliare e provare tutti i nostri sensi e la loro importanza nella nostra vita quotidiana.

Sale del Museo

Nelle sale del Museo, invece, i visitatori saranno coinvolti in curiose atmosfere sensoriali che permetteranno loro di vivere l’Arte in modo totale.

Favola tattile “Risotto con i funghi” e laboratorio creativo

I bambini seguiti da un’operatrice potranno assaggiare una saporita favola al gusto di sorriso e “pastrocchiare” tra colori e materiali vari. Inizio ore 21. Durata 1ore e 30 circa.

After dinner

Dalle ore 22 prosegue la serata “tra allegre bevute” (grazie alla ditta Mariano Cecconi) e al gelato artigianale del Ristorante Al Belvedere di Agugliano.

Informazioni

Chiusura ore una. Ingresso: a offerta libera. E’ consigliata la prenotazione.
Per ulteriori informazioni è possibile contattarci al Museo Tattile Statale Omero al numero 071 2811935 o via email all’indirizzo info@museoomero.it.

Parizo – Ankono: Sensacia nokto ĉe Muzeo Homero

Primo piano della nike di Samotracia

Nokto de Muzeoj! Sabaton la 17an de Majo.

Kvara rendevuo en la tuta Eŭropo kun la “Nokto de Muzeoj”!
Elpensita en la jaro 2005 de la franca Ministerio pri Kulturo kaj Komunikado, la “Nokto de Muzeoj” estas okazaĵo libera kaj amikema, celanta allogi novan publikon al malkovro de la urboj kaj de ties kulturaj ofertoj.

Por familioj kaj infanoj, de 0- ĝis 99-jaraj, por uloj scivolaj kaj entreprenemaj, por amikaj grupoj kaj por interesiĝantoj pri arto la “Nokto de Muzeoj” estas unika okazo por vizito de la Ŝtata Palpsenta Muzeo Homero sen la limigoj de l’ tempo.

Interne de la Muzeo estos aranĝita hejma medio, kie ĉiu vizitanto povos sperti kaj travivi familiecan lokon, sub la kondiĉo rezigni pri la utiligo de vidpovo.
Travivaĵo por ŝanĝi nian vidpunkton, por traesplori kaj elprovi ĉiujn niajn sentojn kaj ties gravecon en nia ĉiutaga vivo.

En la salonoj de la Muzeo la vizitantojn ĉirkaŭos kuriozaj
sens-atmosferoj, kiuj ebligos al ili tutecan ĝuadon de arto.
La infanoj, prizorgataj de deĵorantino, povos ekfrandi bongustan fabelon kun ridet-aromo, kaj eblos por ili libere umadi per farboj kaj diversaj materialoj.

La vesperprogramo komenciĝas je la 19.30 per la Ĝoja Horo ĉe l’ Muzeo!
Momento de malstreĉiĝo kie vi neniam ĝin imagus. Loko, kie renkontiĝi kun amikoj kaj konatoj, inter trinkaĵoj kaj tiklaĵoj, de salono al salono, por diskuti kaj renkontiĝi kun novaj sensospertoj, ne preterlasante amuziĝon.
Ekde 22.00 Postvespermanĝo ĉe la Muzeo: por daŭrigi kune la vesperon kun “gaja trinkado” (danke al la firmao Mariano Cecconi) kaj tradicia glaciaĵo de Restoracio Al Belvedere de Agugliano.

Fermo je la unua horo. Enirprezo: libervola donaco.
Antaŭmendo konsilata.

Por pliaj informoj eblas kontakti nin ĉe la Ŝtata Palpsenta Muzweo Homero, telefonnumero 071 2811935 aŭ retpoŝte ĉe la adreso info@museoomero.it.

Concluso con una grande festa il tour Dare forma ai sogni di Felice Tagliaferri

Il parco di Villa Terracini sede della Chiesa dell'arte affollato di studenti, autorità e giornalisti

Dare Forma ai sogni

Si è concluso il 29 aprile con una grande festa nel parco di Villa Terracini a Sala Bolognese, sede della Chiesa dell’Arte, il tour “Dare forma ai sogni 2007/2008”, con il quale lo scultore non vedente Felice Tagliaferri ha portato in diverse scuole d’Italia il suo particolare modo di fare arte, che porta in sé il messaggio che gli ostacoli possono essere superati quando si è realmente motivati a realizzare i propri sogni.

Studenti da tutta Italia

All’evento hanno preso parte oltre quattrocentocinquanta studenti, alcuni dei quali hanno affrontato un lungo viaggio in pullman per essere presenti, come nel caso degli studenti provenienti dall’Abruzzo e dal Veneto. Alla cerimonia conclusiva sono intervenuti Valerio Toselli, sindaco di Sala Bolognese, Maurizio Cevenini, Presidente del consiglio provinciale di Bologna, Andrea Stella, presidente dell’associazione “Lo Spirito di Stella”, Candidò Cannavò, ex direttore della Gazzetta dello Sport e autore di “E li chiamano disabili”, e Roberto Farroni, presidente e direttore del Museo Tattile Statale Omero di Ancona, oltre a tante autorità dei comuni limitrofi.

La riuscita dell’evento è stata resa possibile dall’impegno del comune di Sala Bolognese e di tutti i suoi volontari, dell’associazione “Lo Spirito di Stella” e dello Studio Sorato.

Mostra

Al termine della cerimonia è stata inaugurata l’esposizione delle opere realizzate dagli studenti durante i laboratori scolastici, che resterà aperta al pubblico fino al 4 maggio. Tra i primi graditissimi visitatori alcuni ragazzi della Lega del Filo d’Oro di Modena, che hanno potuto apprezzare tattilmente i lavori esposti.