Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Concluso con una grande festa il tour Dare forma ai sogni di Felice Tagliaferri

Il parco di Villa Terracini sede della Chiesa dell'arte affollato di studenti, autorità e giornalisti

Dare Forma ai sogni

Si è concluso il 29 aprile con una grande festa nel parco di Villa Terracini a Sala Bolognese, sede della Chiesa dell’Arte, il tour "Dare forma ai sogni 2007/2008", con il quale lo scultore non vedente Felice Tagliaferri ha portato in diverse scuole d’Italia il suo particolare modo di fare arte, che porta in sé il messaggio che gli ostacoli possono essere superati quando si è realmente motivati a realizzare i propri sogni.

Studenti da tutta Italia

All’evento hanno preso parte oltre quattrocentocinquanta studenti, alcuni dei quali hanno affrontato un lungo viaggio in pullman per essere presenti, come nel caso degli studenti provenienti dall’Abruzzo e dal Veneto. Alla cerimonia conclusiva sono intervenuti Valerio Toselli, sindaco di Sala Bolognese, Maurizio Cevenini, Presidente del consiglio provinciale di Bologna, Andrea Stella, presidente dell’associazione "Lo Spirito di Stella", Candidò Cannavò, ex direttore della Gazzetta dello Sport e autore di "E li chiamano disabili", e Roberto Farroni, presidente e direttore del Museo Tattile Statale Omero di Ancona, oltre a tante autorità dei comuni limitrofi.

La riuscita dell’evento è stata resa possibile dall'impegno del comune di Sala Bolognese e di tutti i suoi volontari, dell’associazione "Lo Spirito di Stella" e dello Studio Sorato.

Mostra

Al termine della cerimonia è stata inaugurata l’esposizione delle opere realizzate dagli studenti durante i laboratori scolastici, che resterà aperta al pubblico fino al 4 maggio. Tra i primi graditissimi visitatori alcuni ragazzi della Lega del Filo d'Oro di Modena, che hanno potuto apprezzare tattilmente i lavori esposti.