Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Incontro con Francesco Rèpice: il radiocronista RAI che fa “vedere” il calcio

3 dicembre 2021 ore 17:00.
Auditorium “O. Tamburi” La Mole, Ancona.
Il Radiocronista della Rai intervistato da Andrea Carloni e Paolo Papili.

Diretta youtube.

Una grande giornata di calcio e di riflessione sul racconto sportivo, con alcuni dei massimi protagonisti.

L’ospite principale sarà Francesco Rèpice, il più importante radiocronista della RAI per il calcio, che possiede la rara capacità di far “vedere” il gioco più popolare anche a chi non possiede l’uso della vista. Per questa sua pregevole capacità verrà premiato dal Museo Omero e dalla Consulta Regionale per la disabilità della Regione Marche con una scultura dal titolo “Radiovisione“, appositamente realizzata da Felice Tagliaferri, presente alla premiazione.

Alla giornata parteciperanno, nel ruolo di intervistatori, altri due giornalisti sportivi, Andrea Carloni, Presidente dell’Unione della Stampa Sportiva Italiana, e Paolo Papili, radiocronista di Radio Tua.
Un’occasione per riflettere sul calcio e sull’importanza di saperlo raccontare.
L’evento verrà trasmesso in diretta Youtube sulla pagina del Museo Omero. Traduzione in LIS.

Come scrive Aldo Grassini, Presidente del Museo Omero e grande appassionato di calcio, a proposito di Rèpice: “la sua descrizione, sempre puntuale e in tempo reale, riesce a fondere la percezione del gioco con gli effetti emotivi prodotti dalle reazioni rumorose del pubblico; descrive con precisione i movimenti dei giocatori sul terreno di gioco, precisa e addirittura prevede come il pallone viene calciato, racconta con partecipazione il contatto anche fisico dei giocatori, riferisce criticamente sugli interventi dell’arbitro e, soprattutto, modula sempre la voce sulla pericolosità dell’azione di gioco sicché l’ascoltatore vive con la dovuta intensità emotiva ogni momento della partita. Insomma, Rèpice è il radiocronista che ogni sportivo che non può integrare l’ascolto con la visione, vorrebbe avere come compagno nella fruizione del gioco più bello del mondo!”

Il Museo Omero e la Consulta Regionale per la Disabilità della Regione Marche, con la Presidente Marzia Brandi, vogliono celebrare così la Giornata internazionale delle persone con disabilità che non riguarda soltanto l’arte e la cultura “alta”, ma anche la vita quotidiana e le attività ludiche e ricreative. Saranno presenti all’incontro anche la Presidente della Commissione Regionale per le Pari Opportunità, Maria Lina Vitturini, e l’assessore regionale alla Sanità e Servizi Sociali Filippo Saltamartini.

Incontro aperto alla cittadinanza, non occorre prenotare.

Info
Green pass obbligatorio.
Tel. 071. 28 11 93 5
email info@museoomero.it

Molteplici iniziative per la Giornata internazionale dei diritti per le persone con disabilità

I giorni attorno al 3 dicembre, Giornata Internazionale dei diritti per le persone con disabilità, sono sempre ricchi di appuntamenti per il nostro Museo.

Incontro con Francesco Rèpice

Come evento principale quest’anno organizziamo all’Auditorium della Mole Vanvitelliana il 3 dicembre alle ore 17:00 l’incontro con il radiocronista di Rai Uno Francesco Rèpice per una giornata di sport e narrazione del calcio.

Geo & geo

Giovedì 2 dicembre alle ore 17:00 ci collegheremo con Sveva Sagramola conduttrice della popolare trasmissione di Rai 3, Geo & Geo, per una diretta di 8 minuti in cui la coordinatrice Annalisa Trasatti racconterà il Museo, insieme al Presidente Aldo Grassini e sua moglie Daniela Bottegoni.

Open Access Hackathon

Andrea Socrati, referente dell’accessibilità del Museo Omero, sarà giovedì 2 e venerdì 3 dicembre al MUSE – Museo delle Scienze di Trento. Parteciperà ad un pomeriggio di laboratori, presentazioni e incontri incentrati sul tema dell’Accessibilità e un Open Access Hackathon, una maratona di 24h, per la progettazione e la realizzazione, al MUSE FabLab, di dispositivi di ausilio alle persone con disabilità senso percettiva per la fruizione della Nuova Galleria delle Sostenibilità. Ingresso a pagamento, attività gratuite su prenotazione, per prenotare t. 0461 270391.

Proprio lì davanti a me

Monica Bernacchia, responsabile dell’Ufficio comunicazione del Museo Omero, interverrà il 3 dicembre alle ore 17:00 alla presentazione online del progetto “Proprio lì davanti a me”, promosso dalla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia. Una rassegna di video e cortometraggi che raccontano il territorio e i suoi beni culturali attraverso uno sguardo aperto, attento e sensibile. I video sono stati realizzati da cittadini con difficoltà di accesso e fruizione al patrimonio culturale (disabilità sensoriali, motorie o cognitive, malattie rare, marginalità linguistiche o culturali, ecc.) che attualmente vivono, lavorano, studiano o soggiornano temporaneamente in Friuli Venezia Giulia. Diretta su Google meet.

I linguaggi della sensorialità: progetti ed esperienze a confronto

Cristiana Carlini interverrà, mercoledì 1 dicembre, al Seminario organizzato dall’Università Tor Vergata di Roma “I linguaggi della sensorialità: progetti ed esperienze a confronto” con un “Workshop sulla tattilità e sulle esperienze del Museo Tattile Statale Omero”. Per prenotare:federica.bertini@uniroma2.it

Biennale Arteinsieme

Dicembre è anche il mese conclusivo per la nona edizione della Biennale Arteinsieme – Musei e Luoghi della cultura: molte sono le iniziative accessibili proposte da luglio 2021, ma dicembre è sempre un mese ricco di proposte.

Mostra “Terra sacra”

L’arte necessaria. Luoghi, comunità, esistenze.
27 novembre 2021 – 8 maggio 2022
.
Ancona, Mole Vanvitelliana.

A cura di Flavio Arensi.

Il Museo Tattile Statale Omero organizza e produce, con il Comune di Ancona e il Fondo Mole, la mostra “Terra sacra – L’arte necessaria”, alla Mole Vanvitelliana di Ancona dal 27 novembre 2021 all’8 maggio 2022.

Il progetto

Il progetto, a cura di Flavio Arensi, nasce con l’intento di mettere in dialogo l’arte contemporanea con le opere antiche, restaurate dopo il sisma di cinque anni fa che ha colpito le Marche e il Centro Italia.
“Terra sacra – afferma Flavio Arensi – non ha tuttavia alcuna intenzione di confrontarsi con i fatti materiali, con le perdite e i crolli del terremoto, con il lutto o la paura in senso stretto. Si tratta, invece, di un recupero e di una restituzione della vita”.

Il percorso

Il percorso espositivo che si dispiega per tutti i luoghi della Mole Vanvitelliana, dalle mura alla corte, dal Magazzino Tabacchi al deposito della Soprintendenza delle Marche, presenta le 120 opere di 36 artisti, portavoce di linguaggi espressivi, spesso molto diversi tra loro: Claudio Abate, Guido Airoldi, Giovanni Albanese, Peppe Avallone, Gianfranco Baruchello, Matteo Basilè, Mirella Bentivoglio, Renato Birolli, Gregorio Botta, Andrea Bruno, Silvia Camporesi, Maurizio Cannavacciuolo, Leonardo Cremonini, Gino de Dominicis, Franco Fanelli, Flavio Favelli, Piero Fogliati, Paolo Icaro, Titina Maselli, Pietro Masturzo, Marco Mazzoni, Zoran Music, Gina Pane, Luca Pancrazzi, Filippo Piantanida, Franco Piavoli, Franco Pinna, Pasquale Palmieri, Roberto Pugliese, Davide Quayola, Salvo, Giorgio Santucci, Giuseppe Spagnulo, Pierantonio Tanzola, Alessandro Tesei, Ascosi Lasciti, (Z)Zerocalcare.

Il contributo del Museo Omero

Il Museo Omero, oltre a gestire il servizio di accoglienza e visite guidate, si occupa dell’accessibilità della mostra: una vera sfida, essendo la maggior parte delle opere per lo più fotografie e video. Per le persone con disabilità visiva, dunque, è previsto un percorso ad hoc con sei opere da toccare e cinque riproduzioni a rilievo accompagnate dalle rispettive traduzioni Braille. Verranno inoltre realizzate audio descrizioni per favorire la lettura delle opere selezionate: saranno fruibili tramite audiopen e auricolari da Gennaio 2022. L’ascolto sarà un viaggio: la narrazione accompagnerà le mani nell’esplorazione tattile e suggestioni musicali permetteranno al cieco di entrare in contatto con il tema della sezione in cui si trova. Nei contenuti audio saranno presenti anche le opportune indicazioni di contesto che lo aiuteranno a muoversi nello spazio. Non mancheranno infine i contributi audio degli artisti lungo il percorso.

La mostra è organizzata in collaborazione la Soprintendenza delle Marche, con il sostegno della Regione Marche e della Fondazione Cariverona attraverso il bando Valore Territori, con il patrocinio di ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Informazioni

Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio 28 – Ancona
tel. 071 9257388
Tutte le informazioni sul sito La Mole Ancona.
email terrasacra@lamoleancona.it
Ufficio Stampa – Comune di Ancona 071 2222316

Orari

Lunedì e Martedì: chiuso.
Da Mercoledì a Venerdì: 15:00 / 19:00.
Sabato e Domenica: 10:00 / 19:00.
Ultimo ingresso: ore 18:15.
Aperture straordinarie: 8 dicembre, 26 dicembre, 6 gennaio, 25 aprile, domenica e lunedì di Pasqua 10:00 / 19:00;
1° gennaio 15:00 / 19:00.
Chiusure: 24, 25 e 31 dicembre.

Biglietti

Puoi acquistare il tuo biglietto anche online sul sito Coopculture.
Ingresso: € 8.00.
Ingresso ridotto: € 6.00. Under 25, over 65, Arci Ancona, Arci nazionale, Biblioteca Benincasa di Ancona, Coop, FAI Ancona, FAI nazionale, Festival Corto dorico, Grotte di Camerano, Italia Nostra, Touring Club.
Gratuito: fino a 14 anni, persone con disabilità e accompagnatori, giornalisti accreditati, guide turistiche abilitate, tesserati ICOM.
Green pass obbligatorio.

Visite guidate

A partire da GENNAIO 2022.
Offerta per le scuole: visita guidata mostra + Museo Omero € 130 a classe.
Gruppi (minimo 10 persone): ingresso mostra + visita guidata € 10,00 cadauno.
Le visite guidate si attivano ogni sabato e domenica alle ore 11.00 e alle ore 16.00.
Persone con disabilità e loro accompagnatori: ingresso mostra + visita guidata gratuiti.
PRENOTAZIONE obbligatoria: Cell. e WhatsApp 342 50 60 364 (in orario apertura mostra).
didattica@museoomero.it
Il servizio di accoglienza e di visite guidate è svolto dal Dipartimento Educazione del Museo Tattile Statale Omero – Cooperativa Opera.

Il Museo Omero nel Piano per l’Arte Contemporanea

Progetto M’illumino d’Immenso.

Il Piano per l’Arte Contemporanea (PAC), dal 2001 arricchisce il patrimonio pubblico di arte contemporanea. Il piano si estendende a tutti gli ambiti di competenza della Direzione Generale Creatività Contemporanea, dall’arte all’architettura, dal design alla moda.

La Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura attraverso questo strumento destina due milioni di euro per le proposte di acquisizione, produzione e valorizzazione di opere dell’arte e della creatività contemporanea anche internazionale.

Il Piano per l’Arte Contemporanea 2020 si sviluppa attraverso tre specifiche linee di azione: acquisizione, committenza e valorizzazione di donazioni.

Il Museo Tattile Statale Omero (TACTUS – Centro del Museo Omero per le arti contemporanee, la multisensorialità e l’interculturalità) è stato selezionato per questa edizione.

Tra i trentatré progetti scelti dalla commissione c’è “M’illumino d’Immenso” dell’artista Felice Tagliaferri. Tale progetto rientra nella linea Committenza e possiede tutti i requisiti richiesti nell’avviso pubblico.

Arteinsieme: pubblicati i concorsi rivolti alle scuole italiane

Scadenza: 31 marzo 2022.

Pubblicati i concorsi destinati alle scuole italiane della nona edizione della Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere.

Concorso Anime Animali
Destinatari: le scuole primarie e secondarie di primo grado.
Realizzazione di un’opera, con caratteristiche multisensoriali, ispirate alla poetica di Cracking Art, testimonial di questa edizione della Biennale.

Concorso Arti figurative
Destinatari: Licei artistici e Accademie di Belle Arti.
Realizzazione di un’opera, con caratteristiche multisensoriali, ispirate alla poetica di Cracking Art, testimonial di questa edizione della Biennale.

Cracking Art

“Il movimento Cracking Art nasce nel 1993: l’intenzione è quella di cambiare radicalmente la storia dell’arte attraverso un forte impegno sociale e ambientale che unito all’utilizzo rivoluzionario dei materiali plastici mette in evidenza il rapporto sempre più stretto tra vita naturale e realtà artificiale. La dimensione corale del gruppo non limita l’espressione individuale delle singole voci: gli artisti lavorano anche in modo indipendente interpretando, ciascuno secondo le proprie esigenze, le problematiche e le tensioni del nostro tempo.” Dal sito istituzionale.

Novembre: fuori e dentro il Museo

Mercoledì 10 novembre 17:30
IncluBembo 2021
Pensare accessibile con il Museo Tattile Statale Omero

Monica Bernacchia e Manuela Alessandrini del Museo Omero intervengo a “Inclubembo Autunno 2021 – L’Arte in tutti i Sensi” parlando di Educazione e Comunicazione accessibili. L’iniziativa, gratuita e su piattaforma zoom, è organizzata dall’Università Ca’ Foscari di Venezia – Dipartimento di studi linguistici e culturali comparati, dall’Associazione Lisabilità e da Venice Accessibility Lab.

Iscrizione gratuita: https://forms.gle/B4WY9MFcp5e8kHVa7
È garantito il servizio di interpretariato LIS.
Info: inclubembo@unive.it cell. 3317219761.

Giovedì 11 novembre
Nuove accessibilità e inclusione
Finalborgo – Finale Ligure (SV)

10:30 – 12:30 Visita guidata al Forte San Giovanni con presentazione del nuovo plastico 3D del forte.
14:00 – 18:30 Giornata di studi sui temi dell’accessibilità presso l’Oratorio dei Disciplinanti di Finalborgo.
L’incontro sarà trasmesso in diretta Facebook

Gli incontri, organizzati nell’ambito della Biennale Arteinsieme 2021, vedranno la partecipazione di Aldo Grassini e Andrea Sòcrati del Museo Omero. Saranno presenti all’inaugurazione del modello 3D del forte e interverranno alla Giornata di studi pomeridiana con una relazione dal titolo “I valori della tattilità per una esperienza estetica”.

Domenica 21 novembre ore 10:00
Laboratorio: Ritratto di famiglia
Museo Omero

Qui al Museo ci sono moltissime facce. Potrete toccare con attenzione visi, occhi, nasi e bocche per scoprire come sono fatti soffermandovi nei dettagli. Proverete ad indovinare le loro espressioni e capire le loro emozioni. Navigherete tra i ritratti più noti della storia dell’arte da Omero ai Manichini di Giorgio De Chirico per approdare in laboratorio e realizzare i vostri visi nella sua espressione migliore con l’argilla! Se vorrete potremmo cuocere i vostri manufatti ed avere delle vere e proprie facce di terracotta!

Prenotazione obbligatoria: 3355696985 (telefono e whatsApp).
Costo: 4,00 euro a partecipante. Gratuito: bambini 0 – 4 anni, disabili e loro accompagnatori.
Green pass obbligatorio.

Arteinsieme: concorso per le scuole italiane all’estero

Al via i concorsi destinati alle scuole della nona edizione della Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere.

Si parte con il Concorso ArteOltreConfine destinato alle scuole italiane all’estero – primaria e secondaria di primo e secondo grado, un’iniziativa promossa insieme alla Direzione Generale per la promozione del sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con l’Ufficio V e l’Ufficio VIII – Sezione Collezione Farnesina, e alla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Obiettivo del concorso: produzioni accessibili e multisensoriali sulle opere della Collezione Farnesina del MAECI – Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.