Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Le professioni per l’Educazione al Patrimonio: problemi e prospettive

29 aprile ore 16:30 – 18:30.

Domani pomeriggio ci sarà un incontro online organizzato da Icom Italia sul tema “Le professioni per l’Educazione al Patrimonio: problemi e prospettive”.

Tra i relatori: Silvia Mascheroni, Storica dell’arte e ricercatrice nell’ambito dell’educazione al patrimonio culturale Università Cattolica, Milano, Romina Quarchioni, Musei Civici di Jesi | Coordinatrice ICOM Marche, Giuliana Pascucci, Musei Civici di Palazzo Bonaccorsi di Macerata | GDL Scuole e Musei di ICOM Marche, Patrizia Dragoni, Marta Brunelli e Marina Sabatini, Università di Macerata, Annalisa Trasatti e Simona Cardinali, Museo Omero, Musei Civici di Jesi e GDL Scuole e Musei di ICOM Marche.

Partecipa alla riunione da computer, tablet o smartphone. Appuntamento alle ore 16:30.

L’intervento di Annalisa Trasatti Migliorare la normalità: musei e scuole, un dialogo educativo.

Il Museo Omero riapre al pubblico

Dal martedì al sabato ore 16:00 – 19:00, domenica e festivi ore 10:00 – 13:00 e 16:00 – 19:00
Chiuso lunedì.

Il Museo Tattile Statale Omero riapre al pubblico, grazie all’ingresso della Regione Marche in zona gialla.
Sarà possibile visitare in sicurezza le sale e la collezione rispettando le norme di contenimento dell’epidemia da Covid-19.

Da martedì 27 aprile torna a scoprire il piacere di toccare l’Arte, ma con le dovute precauzioni

Ecco alcune indicazioni per una visita in sicurezza:

  • Prenotazione obbligatoria al 335 56 96 985 (cell. e whatsapp) o inviando una e-mail a didattica@museoomero.it
  • Ingresso gratuito e contingentato (massimo 10 persone per sala).
  • Personale accogliente e dotato di tutti i dispositivi di protezione individuale.
  • Fornitura di gel igienizzante all’ingresso e in ogni sala.
  • Obbligo di indossare correttamente la propria mascherina e i guanti da noi forniti, per tutta la durata del percorso.
  • Mantenere la distanza di sicurezza di 2 metri.
  • Entrata ed uscita sono differenziate.

IMPORTANTE

  • ogni visitatore si assume la responsabilità di contenere il contagio
  • sono vietati gli assembramenti
  • le persone con disabilità, che ne necessitano, devono venire con i propri accompagnatori.
  • è consentita la visita senza distanziamento per le famiglie.

Ti ricordiamo i nostri orari di apertura: dDal martedì al sabato ore 16:00 – 19:00, domenica e festivi ore 10:00 – 13:00 e 16:00 – 19:00. Chiuso: lunedì.

Il digitale per l’educazione al patrimonio: uno sguardo d’insieme

Venerdì 23 aprile 2021 sarà possibile partecipare gratuitamente al terzo webinar curato dalla Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura e organizzato dall’associazione The Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School.

Il webinar si terrà in diretta su canale youtube Diculther dalle 15:30 alle 18:00 e verterà sul seguente tema: Il digitale per l’educazione al patrimonio: uno sguardo d’insieme con un contributo anche della nostra responsabile Comunicazione Monica Bernacchia.

Programma, relatori, iscrizione.

Roberto Papini: un ricordo a due anni dalla scomparsa

22 aprile 2021.

A due anni dalla scomparsa dell’artista Roberto Papini (Ancona, 1917 – 2019) lo ricordiamo attraverso le parole di Marilena Pasquali, curatrice della mostra antologica curata dal Museo Omero e a lui intitolata nel 2011-2012.

La Pasquali in questo video, realizzato per l’anniversario dello scorso anno, ci ricorda Papini come uomo autorevole, le sue opere come frutto di una profonda meditazione spirituale e il suo studio come antro delle meraviglie.

I noti eventi ci hanno impedito di organizzare una Giornata di Studi a lui dedicata, che abbiamo sempre intenzione di mettere in pratica non appena sarà possibile.

In occasione della prossima riapertura, vi invitiamo a tornare al Museo Omero anche per Roberto Papini, un artista originale di cui conserviamo il nucleo di opere più corposo.

A disposizione nel bookshop il catalogo della citata mostra “Roberto Papini Opere 1952 – 2011” con 196 pagine a colori e saggi critici di Marilena Pasquali, Roberto Cresti, e testimonianze di Manuela Alessandrini, Walter Angelici, Monica Bernacchia, Roberto Farroni, Fiorello Gramillano, Aldo Grassini, Andrea Nobili, Associazione Culturale Galleria Puccini.

Una panoramica sulla nostra attività scientifica

Oggi vogliamo raccontarvi una parte della nostra attività scientifica che in questo anno di chiusura non si è mai interrotta, anzi ha continuato a fiorire grazie a nuovi corsi di formazione online e consulenze tiflologiche a vari Enti.

Formazione

Nell’anno accademico 2020/21 presso l’Accademia Santa Giulia di Brescia abbiamo curato un innovativo corso di formazione dedicato alle “Tecnologie dell’educazione”. Fortemente voluto dalla direttrice dell’Accademia, Cristina Casaschi, il corso ha visto il Museo portare la propria esperienza su molteplici temi inerenti la disabilità e l’integrazione culturale, l’accessibilità ai musei e ai luoghi della cultura, i valori estetici della tattilità, le tecnologie tiflodidattiche e quelle per l’accesso alla comunicazione e all’informazione, i metodi e gli strumenti per l’educazione e l’apprendimento inclusivi. Si tratta del primo corso universitario dedicato interamente a questi temi, che ha impegnato gli studenti in 15 moduli per un totale di 45 ore complessive. Il prossimo anno sarà probabilmente riproposto e vedrà aumentare le ore dedicate alla produzione dei sussidi tiflodidattici e alla sperimentazione di forme d’arte accessibili.

Vari sono stati anche gli interventi in corsi di laurea come all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, all’Accademia di Belle arti Urbino e prossimamente alla Scuola di specializzazione Beni culturali di Macerata.

Lo scorso febbraio siamo stati invitati dall’associazione “La Lumière” di Liegi per tenere un corso di formazione in lingua francese dedicato agli operatori museali e ai mediatori culturali belgi sui temi legati all’accessibilità e all’estetica dell’arte. Nello stesso mese abbiamo tenuto un corso sul turismo accessibile per l’associazione di guide turistiche toscane “Libero Accesso APS”.

Appena avviato è il lavoro come formatori e consulenti per l’ideazione di percorsi ed attività educative accessibili per la rete museale di Senigallia nell’ambito del bando finanziato dalla Regione Marche “Aggregazioni museali”.

Consulenze e servizi tiflodidattici

Al contempo il nostro laboratorio sta lavorando alla produzione di disegni a rilievo per i Musei Civici di Venezia e altre collaborazioni sono in atto con la Fondazione Tercas di Teramo, la Banca d’Italia, la società Historian di Lugano, il Mart di Trento e Castel Sant’Angelo a Roma per consulenze su percorsi accessibili e realizzazioni di supporti tiflodidattici come disegni e traduzioni a rilievo e didascalie Braille.

Numerose sono anche le richieste di consulenza per audioguide e descrizioni di opere attente alle esigenze delle persone con disabilità visiva, nonché interventi e consigli sull’accessibilità digitale.

Officina della voci: intervista ad Aldo Grassini

21 Aprile 2021 ore 19:00.

Aldo Grassini racconterà il nostro museo e la nostra collezione nella trasmissione “Officina delle voci” a cura dell’Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi (Univoc) di Napoli.

L’intervista sarà condotta da Gianni Urso e dal Presidente Univoc di Napoli Salvatore Petrucci e sarà presente anche Loretta Secchi del Museo Tattile Anteros di Bologna.

“Officina delle Voci” è una trasmissione nata per rompere l’isolamento sociale in un momento delicato e mettere la tecnologia al servizio di chi non ne ha dimestichezza, attraverso una semplice telefonata.

Per collegarsi basta comporre il numero 02 00667245 ed inserire il codice id 99612574837 seguito da # oppure collegarsi a zoom tramite link https://zoom.us/j/99612574837. La trasmissione sarà in diretta anche sulla pagina Facebook Univoc di Napoli.

L’iniziativa si propone di offrire un momento di comunità e supporto, per non interrompere l’importante dialogo vitale e non perdere la preziosa opportunità di trasformazione, solidarietà e coesione sociale.

Per informazioni
Univoc di Napoli 081 19915172 081 19915173
email info@univocdinapoli.org

“Tracciamo la rotta” con Icom Italia

Abbiamo aderito con piacere al progetto Tracciamo la rotta proposto da Icom Italia con le nostre riflessioni per orientarsi tra le nuove costellazioni definite dalla pandemia.
Seguendo le linee guida del progetto abbiamo realizzato un mini-podcast dal titolo 𝗨𝗻 𝗳𝘂𝘁𝘂𝗿𝗼 𝗮𝗰𝗰𝗲𝘀𝘀𝗶𝗯𝗶𝗹𝗲, narrato da Monica Bernacchia, Responsabile della comunicazione, e da Aldo Grassini, Presidente del Museo, e un testo analitico, con lo schema delle riflessioni che hanno portato alla narrazione vocale.

Per partecipare al progetto Tracciamo la rotta contattate tracciamolarotta@icom-italia.org

Aldo Grassini intervistato da Radio Cina Internazionale

Aldo Grassini ha accettato con entusiasmo di rilasciare un’intervista in esperanto su China Radio International, il servizio radiofonico internazionale in sessantacinque lingue della Repubblica Popolare Cinese.

Ad intervistare il Presidente del Museo Omero è stata Alessandra Madella e ancora una volta il protagonista è il Museo Omero, la sua missione, il suo essere un esempio di inclusione, integrazione e accessibilità, obiettivo raggiunto con non pochi sacrifici e lunghe attese.

Aldo Grassini, oltre ad essere il fondatore e il presidente del Museo Omero, è stato presidente della Federazione Esperantista Italiana e questo ha permesso il contatto diretto con la radio cinese, che ha pubblicato l’intervista con foto e video.

L’intervista sta riscuotendo l’interesse degli esperantisti di tutto il mondo e sarà presto tradotta in cinese dal gruppo esperantista di Tianjin. La speranza è quella di aprire future collaborazioni con i musei cinesi.

Francesco Landini: l’occhio del cor

Sabato 10 aprile ore 18:00 Conversazione su Landini musico e poeta.
Martedì 13 aprile ore 21:00 Concerto dell’Ensemble laReverdie
.

Francesco Landini: l’occhio del cor” è un concerto insolito ed originale, che nasce dalla collaborazione tra la Società Amici della Musica “Guido Michelli” e il Museo Tattile Statale Omero: si tratta di un ritratto a tutto tondo di Francesco Landini (1325/35 -1397), il maggiore esponente dell’Ars Nova, autore di quasi un quarto di tutta la musica del Trecento italiano arrivata fino a noi. Non vedente fin dall’infanzia a causa di una epidemia di vaiolo, Landini divenne tuttavia intellettuale raffinato, poeta, musicista e grande virtuoso dell’organo, al punto da essere soprannominato “cieco degli organi”. Nelle sue composizioni, in cui ricorrono i temi caratteristici dell’amor cortese, la mancanza della vista si traduce spesso nell’impossibilità di vedere la donna amata: ma se i sensi sono inaffidabili, la loro carenza è compensata dall’occhio del cor, l’occhio dell’amore, quasi un terzo occhio che riesce comunque a percepire ciò che si ama.

Il concerto è affidato all’Ensemble laReverdie, un gruppo unico per l’affiatamento, l’entusiasmo e l’acclamato virtuosismo vocale e strumentale dei propri componenti: Claudia Caffagni, voce, liuto, Livia Caffagni, voce, viella, flauti, Elisabetta De Mircovich, voce, viella, ribeca, Teodora Tommasi, voce, arpa, flauti, Matteo Zenatti, voce, arpa, tamburello. Forte di un’attività ormai trentennale, laReverdie continua a stupire e coinvolgere pubblico e critica per la sua capacità di approccio sempre nuovo ai diversi stili e repertori del vasto patrimonio musicale del Medioevo europeo. Con laReverdie si esibisce il musicista Christophe Deslignes. Di formazione classica, Deslignes intraprende lo studio della musica medioevale presso la prestigiosa Schola Cantorum di Basilea, dove scopre l’organo portativo: ispirandosi, tra gli altri, al bandoneon di Astor Piazzolla, Deslignes ha ricostruito da autodidatta il modo di suonare questo strumento dimenticato. Il suo disco I Maestri dell’Organetto Fiorentino del XIV secolo è stato designato Disco dell’Anno per il 1998.

Il concerto sarà trasmesso martedì 13 aprile, a partire dalle ore 21:00, in diretta live streaming sul canale YouTube degli Amici della Musica di Ancona. L’accesso è gratuito. Per ulteriori informazioni: info@amicimusica.an.it.

Il programma del concerto e i testi di Landini.

Conversazione su Landini musico e poeta

Per completare l’offerta e rendere questo concerto più facilmente fruibile dal pubblico contemporaneo, sabato 10 aprile alle ore 18:00 si terrà una conversazione incentrata sulla figura di Landini come musico e poeta.
La conversazione sarà introdotta dal Direttore Artistico degli Amici della Musica, Guido Barbieri, e vedrà coinvolte Manuela Martellini, docente universitaria e storica della letteratura italiana, e Mariella Martelli, organista e cembalista. La conversazione si terrà online sulla piattaforma zoom del Museo Omero: per partecipare è necessario prenotarsi alla mail conferenze@museoomero.it oppure si può seguire la diretta streaming sulla pagina YouTube dello stesso Museo Omero.

Un filo rosso tra Oriente e Occidente

“Toccare l’arte alla radio”
8 aprile 2021
dalle 15:20 alle 16:00

Ultima puntata della seconda edizione di “Toccare l’arte alla radio”, ideata dal Museo Omero e Slash Radio Web, la radio ufficiale dell’Unione Ciechi ed Ipovedenti italiana.

Alessia Varricchio presenterà alcune opere della collezione del museo che hanno un collegamento con l’Oriente.
Il percorso è nato all’interno del progetto “Ancona Porta d’Oriente”, in collaborazione con Mira (Musei In Rete Ancona). Il progetto unisce i cinque musei cittadini per valorizzare la città di Ancona dal punto di vista culturale e turistico.

A condurre la puntata sarà la giornalista Chiara Gargioli in diretta dalle ore 15:20 alle 16:00 sulla pagina Facebook di Slash Radio Web, la radio ufficiale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, e del Museo Omero.