Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Francesco Landini: l’occhio del cor

miniatura medievale che ritrae una giovane china su un ragazzo appoggiato al suo grembo

Sabato 10 aprile ore 18:00 Conversazione su Landini musico e poeta.
Martedì 13 aprile ore 21:00 Concerto dell'Ensemble laReverdie
.

"Francesco Landini: l'occhio del cor" è un concerto insolito ed originale, che nasce dalla collaborazione tra la Società Amici della Musica "Guido Michelli" e il Museo Tattile Statale Omero: si tratta di un ritratto a tutto tondo di Francesco Landini (1325/35 -1397), il maggiore esponente dell'Ars Nova, autore di quasi un quarto di tutta la musica del Trecento italiano arrivata fino a noi. Non vedente fin dall'infanzia a causa di una epidemia di vaiolo, Landini divenne tuttavia intellettuale raffinato, poeta, musicista e grande virtuoso dell'organo, al punto da essere soprannominato "cieco degli organi". Nelle sue composizioni, in cui ricorrono i temi caratteristici dell'amor cortese, la mancanza della vista si traduce spesso nell'impossibilità di vedere la donna amata: ma se i sensi sono inaffidabili, la loro carenza è compensata dall'occhio del cor, l'occhio dell'amore, quasi un terzo occhio che riesce comunque a percepire ciò che si ama.

Il concerto è affidato all'Ensemble laReverdie, un gruppo unico per l'affiatamento, l'entusiasmo e l'acclamato virtuosismo vocale e strumentale dei propri componenti: Claudia Caffagni, voce, liuto, Livia Caffagni, voce, viella, flauti, Elisabetta De Mircovich, voce, viella, ribeca, Teodora Tommasi, voce, arpa, flauti, Matteo Zenatti, voce, arpa, tamburello. Forte di un'attività ormai trentennale, laReverdie continua a stupire e coinvolgere pubblico e critica per la sua capacità di approccio sempre nuovo ai diversi stili e repertori del vasto patrimonio musicale del Medioevo europeo. Con laReverdie si esibisce il musicista Christophe Deslignes. Di formazione classica, Deslignes intraprende lo studio della musica medioevale presso la prestigiosa Schola Cantorum di Basilea, dove scopre l'organo portativo: ispirandosi, tra gli altri, al bandoneon di Astor Piazzolla, Deslignes ha ricostruito da autodidatta il modo di suonare questo strumento dimenticato. Il suo disco I Maestri dell'Organetto Fiorentino del XIV secolo è stato designato Disco dell'Anno per il 1998.

Il concerto sarà trasmesso martedì 13 aprile, a partire dalle ore 21:00, in diretta live streaming sul canale YouTube degli Amici della Musica di Ancona. L'accesso è gratuito. Per ulteriori informazioni: info@amicimusica.an.it.

Il programma del concerto e i testi di Landini.

Conversazione su Landini musico e poeta

Per completare l'offerta e rendere questo concerto più facilmente fruibile dal pubblico contemporaneo, sabato 10 aprile alle ore 18:00 si terrà una conversazione incentrata sulla figura di Landini come musico e poeta.
La conversazione sarà introdotta dal Direttore Artistico degli Amici della Musica, Guido Barbieri, e vedrà coinvolte Manuela Martellini, docente universitaria e storica della letteratura italiana, e Mariella Martelli, organista e cembalista. La conversazione si terrà online sulla piattaforma zoom del Museo Omero: per partecipare è necessario prenotarsi alla mail conferenze@museoomero.it oppure si può seguire la diretta streaming sulla pagina YouTube dello stesso Museo Omero.