Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

30 agosto, concerto Fisorchestra città di Castelfidardo, energia psichica, birra e gelato

Giovedì 30 agosto ultimo appuntamento con Sensi d’estate 2007, la rassegna culturale estiva organizzata dal Museo Omero.

La serata è a scopo benefico per il Centro Oncologico dell’ospedale di Macerata diretto dal Dott. Luciano Latini.

Concerto: La Fisorchestra Città di Castelfidardo

Sulla terrazza del Palazzo Leopardi si esibirà ”quanto di meglio oggi esiste in Europa”: la Fisorchestra Città di Castelfidardo fondata dal maestro Orfeo Burattini e composta da circa 16 fisarmonicisti, provenienti anche da altre città italiane ed estere, fra cui vari solisti. L’orchestra, usando come base la fisarmonica e speciali strumenti elettronici costruiti appositamente, riesce ad ottenere effetti ricchi di sonorità e timbriche sorprendenti: si ha la sensazione di ascoltare una grande orchestra sinfonica.

La Fisorchestra ha partecipato a tutte le più note trasmissioni televisive e ha eseguito concerti non solo in ogni regione d’Italia, ma anche all’estero in paesi quali Russia, Spagna, Francia, Austria, Jugoslavia, Argentina, ottenendo ovunque un gradissimo successo sia di pubblico che di critica.

Il programma della serata si suddivide in due parti: una prima classico – sinfonica che comprende le più celebri sinfonie e brani orchestrali di Verdi, Rossini, Bizet, Strauss ed altri, una seconda parte dedicata alla musica popolare, etnica e di folklore, con brani di musica francese, spagnola, napoletana, sudamericana, celebri tanghi argentini ecc.

Durante l’intervallo sarà proiettato il video ”La grande Luce” realizzato e prodotto dall’editore Gabrio Marinelli, presente alla serata.

L’albero delle emozioni: energia psichica.
Lungo le sale del museo sarà allestito, come di consueto, un percorso interattivo con spazi laboratoriali aperti al pubblico per riflettere e ”mettere in atto” le nostre emozioni, tutte originate dall’energia psichica, alla base dell’albero delle emozioni, cresciuto durante Sensi d’estate grazie al contributo emotivo e creativo di tutti i visitatori.

Degustazioni: birra artigianale ceca e gelato venezuelano.
Nel cortile del Museo Omero sarà possibile assaporare gusti internazionali con la Birra ”Cerna Hora” prodotta con metodo artigianale, originaria della Boemia, Repubblica Ceca, e il gelato al gusto di gran cioccolato extra-amer del Venezuela della Gelateria artigianale Al Belvedere di Agugliano.

L’appuntamento è al Museo Omero, via Tiziano 50, da dove si accede alla Terrazza del Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche. La serata ha inizio alle ore 21.30. L’ingresso è libero.

Per informazioni: Tel. 0712811935, Email: info@museoomero.it
Orario estivo apertura Museo: martedì – venerdì 9-13; sabato e domenica 17-22.

23 agosto, Poesie di Nazim Hikmet, orrore e bellezza verso l’interno

Giovedì 23 agosto ottavo appuntamento con Sensi d’estate 2007 la rassegna culturale estiva organizzata dal Museo Omero.
La serata è dedicata alle emozioni Orrore – Bellezza.

Teatro: ”Poesia” di Nazim Hikmet con Vincenzo Di Bonaventura

Sulla terrazza Leopardi, sede della regione Marche, va in scena il recital di Vincenzo Di Bonaventura
(Compagnia Teatr-laboratorium 27 aikot) dedicato alle Poesie di Nazim Hikmet.

Come e perché? è forse questo principio di un lungo cammino l’unica cosa che uno scrittore può cercare di spiegare: perché col tempo l’arte diviene il modo più naturale di comunicare, per permettere all’altro di entrare in comunione con il sé. Non ci sono spiegazioni plausibili per cercare di dire cosa cambi tra poesia e musica, cosa voglia dire dipingere un quadro: l’anima emerge poco a poco seguendo dolcemente l’inclinazione che le è propria. Tant’è che persino nella piena maturità Nazim non riesce a spiegare perché scriva poesie se non partendo dalla prima volta, e passando dai ricordi giungerà a dire che ora no può più farne a meno: la poesia diviene in lui parte del suo modo di essere al mondo, di viverlo, di conoscerlo.
E allora, com’è la poesia di Hikmet? È un colloquio con l’uomo, una partecipazione di tutto ciò che succede al mondo e a tutto ciò che succede: una partecipazione ”di stomaco”, un legame emozionale profondo.

L’albero delle emozioni: Orrore – Bellezza.
Percorso interattivo lungo le sale del museo dedicato a orrore e bellezza e in conclusione l‘albero delle emozioni.

Degustazioni: gelato al gusto di crema al limone.
Nel cortile del Museo Omero la serata si conclude con il gelato al gusto di crema al limone della Gelateria artigianale Al Belvedere di Agugliano.

L’appuntamento è al Museo Omero, via Tiziano 50, da dove si accede alla Terrazza del Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche. La serata ha inizio alle ore 21.30. L’ingresso all’iniziativa è libero.

Per informazioni: www.museoomero.it, Tel. 0712811935, Email: info@museoomero.it
Orario estivo apertura Museo: martedì – venerdì 9-13; sabato e domenica 17-22.

16 agosto, Viaggio attraverso il Mediterraneo, odio e amore

Giovedì 16 agosto settimo appuntamento con Sensi d’estate 2007 la rassegna culturale estiva organizzata dal Museo Omero.

La serata è dedicata alle emozioni Amore – Odio.

Concerto: Viaggio attraverso il Mediterraneo con il Trio Elachim
Melodie medio-orientali invaderanno la terrazza del Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche: un viaggio musicale tra cultura ebraica, araba, turca e greca capace di trasmettere tutto il fascino di tali tradizioni millenarie. Riscoprire e divulgare queste melodie è il progetto del Trio Elachim – Michele Scipioni, clarinetto, Giovanni Seneca, chitarra, Eolo Taffi, contrabbasso.

In questo programma il trio volge lo sguardo alla musica del Nord-Africa: dalla Tunisia alla Turchia fino alle coste meridionali italiane per esplorare i timbri, i colori, le immagini e le emozioni delle terre lambite dal Mar Mediterraneo, crocevia di scambi economici e politici ma soprattutto culturali, crogiuolo di contaminazioni che, più che dividere, ha permesso l’incontro e la nascita di fenomeni molto vicini malgrado le naturali diversità.

L’albero delle emozioni: Amore – Odio.
Percorso interattivo lungo le sale del museo dedicato ad amore e odio che si conclude con l’albero delle emozioni.

Degustazioni: gelato.
Nel cortile del Museo Omero la serata si conclude con il gelato al gusto di pistacchio di Bronte della Gelateria artigianale Al Belvedere di Agugliano.

L’appuntamento è al Museo Omero, via Tiziano 50, da dove si accede alla Terrazza del Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche. La serata ha inizio alle ore 21.30. L’ingresso all’iniziativa è libero.

Per informazioni: www.museoomero.it, Tel. 0712811935, Email: info@museoomero.it
Orario estivo apertura Museo: martedì – venerdì 9-13; sabato e domenica 17-22.

9 agosto, The sponges in concerto, paura e coraggio di esprimersi

Giovedì 9 agosto sesto appuntamento con Sensi d’estate 2007 la rassegna culturale estiva organizzata dal Museo Omero.

La serata è dedicata alle emozioni Paura – Coraggio di esprimersi.

Saranno tre giovani anconetani ad armarsi di coraggio ed esprimere la loro musica sulla terrazza di Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche. Il gruppo The sponges, nato nel 2005, è composto da Lorenzo Ricci, chitarrista dalla solida tecnica e principale compositore, Francesco D’Alessio bassista molto originale, una vera e propria seconda voce con la chitarra e Federico Occhiodoro, batterista, cuore ritmico della band nonché percussionista. I brani musicali composti e arrangiati dai ragazzi spaziano dal jazz al latin, passando per il rock e il blues, il funk e la fusion.

L’albero delle emozioni: Paura e coraggio di esprimersi.
Percorso interattivo dedicato a paura e coraggio di esprimersi lungo le sale del museo e albero delle emozioni finale.

Degustazioni: verdicchio DOC e gelato.
Nel cortile del Museo Omero la serata si conclude con il Verdicchio DOC dei Castelli di Jesi della Fattoria San Lorenzo di Montecarotto e il gelato al gusto di stracciatella con gran cru venezuelano della Gelateria artigianale Al Belvedere di Agugliano.

L’appuntamento è al Museo Omero, via Tiziano 50, da dove si accede alla Terrazza del Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche. La serata ha inizio alle ore 21.30. L’ingresso all’iniziativa è libero.

7 agosto, Cantiere Borges 1986 – 2006

Martedì 7 agosto ore 22 presso la corte del Fortino Napoleonico, Portonovo di Ancona, sarà possibile assistere a CANTIERE BORGES. 1986-2006, una Lettura Teatrale di Luca Violini con musiche originali di Fausto Farroni.

Lo spettacolo, è una produzione del Museo Tattile Statale Omero, un omaggio nel ventennale della morte di Jorge Luis Borges, il celebre scrittore argentino divenuto progressivamente cieco in età adulta. Proposto dal Museo lo scorso dicembre al Ridotto Teatro delle Muse di Ancona, e successivamente anche alla Mole Vanvitelliana, riscontrò un tale successo di pubblico che molti non poterono assistervi.

Il lavoro interpretativo è affidato a ”Quelli che con lo voce” produzioni, ovvero alla voce di Luca Violini, celebre attore e doppiatore di fama nazionale che farà rivivere le suggestioni dei versi di Jorge Luis Borges, agli gli effetti audio sono di Gabriele Esposto e al suono di Raffaele Petrucci. Il lavoro ha visto la consulenza letteraria Stefania Zolotti.

La parte musicale dello spettacolo è una delicata sequenza di ”Romanze senza parole” composte e arrangiate appositamente da Fausto Farroni ed eseguite da Stefano Santoni al pianoforte, Marco Ferretti al violoncello e Lorenzo Luciani all’oboe e corno inglese.

I versi sono tratti dalle opere più celebri dell’autore, selezionate estrapolando quella produzione letteraria che avesse come filo rosso la condizione di cecità che crea il ponte culturale con il Museo stesso: ”La moneta di Ferro”, ”L’artefice”, ”L’oro delle tigri”, ”La rosa profonda”, ”Fervore di Buenos Aires”, ”Elogio dell’ombra” e ”L’altro, lo stesso” sono i titoli che racchiudono in maniera più significativa la simbologia poetica e narrativa di Borges.

”Cantiere Borges” come poesia del pensiero, come metafora di condizioni esistenziali spesso in ombra. Una cecità, la sua, capace di trasformarsi in realtà o in metafora della vita. Pensieri tramutati in immagini e parole divenute veri e propri simboli di una letteratura universale.

Per ulteriori informazioni relative alla serata:
Hotel Fortino, Portonovo di Ancona, tel. 071 801 450 , fax. 071 801 454
e-mail: info@hotelfortino.it

8 agosto, laboratorio di scultura con Felice Tagliaferri

Dopo la positiva e affollata esperienza della Notte dei Musei, Felice Tagliaferri torna al Museo Omero per un nuovo laboratorio di scultura al buio.
Mercoledì 8 agosto ore 20,00 il pubblico potrà cimentarsi con la creta modellando aiutato e guidato dall’energia e dalla voce di Felice.

Felice, affetto da cecità dall’età di 14 anni, ha intrapreso un percorso artistico molto personale e particolare che ha riassunto nello slogan “Dare forma ai sogni” è lo slogan di questo artista che affetto da cecità dall’età di 14 anni è riuscito a seguire un percorso artistico molto personale che lo ha portato oggi ad essere riconosciuto a livello nazionale e ad essere direttore della prima scuola di arte plastica condotta da un artista cieco La chiesa dell’arte.

Le sue creazioni sono sculture che prendono forma attraverso l’uso sapiente delle mani che lavoro abilmente diversi materiali: creta, marmo, legno o pietra. Oltre a lavorare alla realizzazione delle forme dei suoi sogni artistici, Felice Tagliaferri riesce ad essere anche un ottimo maestro, soprattutto quando la formazione è rivolta ai bambini o ai ragazzi.

Ospite lo scorso giovedì di Sensi d’estate ha voluto ribadire di fronte a una sua opera intitolata ”Maternità”: ”Raffigura la vitalità che ho dentro e che cerco di sprigionare attraverso i corsi per i bambini”.

Partecipare al laboratorio sarà dunque un’esperienza unica. Il costo di partecipazione è pari a 10 euro. Sono ancora liberi alcuni posti. Per prenotarli chiamare il Museo Tattile Statale Omero al numero telefonico 071.2811935 o inviando una e-mail a info@museoomero.it .