Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Corso di Formazione Le immagini attraverso il tatto: aspetti pedagogici e metodologici

Gli approfondimenti del Museo Omero

Periodo:
Il corso si svolgerà Lunedì 12 e Martedì 13 luglio 2010.

Le iscrizioni sono aperte da Lunedì 24 maggio fino ad esaurimento posti. Iscrizioni chiuse.

Sede: Museo Tattile Statale Omero, Ancona.

A chi sono destinati:

  • Alle persone che hanno frequentato il Corso di Formazione Nazionale “L’accessibilità al patrimonio museale e l’educazione artistica ed estetica delle persone con minorazione visiva”;
  • Ai docenti di sostegno;
  • A coloro che hanno esperienza documentata di educazione con minorati della vista.

Finalità:
Trattare in maniera dettagliata alcuni argomenti del Corso di Formazione “L’accessibilità al patrimonio museale e l’educazione artistica ed estetica delle persone con minorazione visiva”, motivo per il quale la partecipazione è riservata un numero ristretto di corsisti.

Programma

Primo giorno (11 – 13 e 14 -18); secondo giorno (9.30 – 12.30 e 13.30 – 16.30).

Durata complessiva 12 ore. Attestato con un minino di 9 ore.

  • Presupposti pedagogici
  • Metodi e strumenti per la realizzazione di rappresentazioni a rilievo
  • I libri tattili per bambini
  • La rappresentazione dello spazio
  • La grammatica del linguaggio visivo attraverso il tatto
  • La traduzione a rilievo dell’architettura
  • La traduzione e rilievo della pittura
  • Nell’ottica dell’integrazione e della multisensorialità: il progetto Totem sensoriali
  • Attività didattiche e laboratoriali per un approccio multisensoriale alla storia dell’arte
  • Esercitazioni

Quota di iscrizione: 90 euro.
Gratuità: Disabili.
Sconto: 20% per i soci Coop Adriatica e per gli associati ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti Storia dell’Arte), costo: 72 euro (allegare fotocopia della tessera nominativa).
In caso di fattura intestata ad Ente pubblico, il costo sarà esente IVA (art.10 p.20 DPR 33/72), cioè 72 euro.

Modalità di iscrizione:
Il corso sarà attivato con un numero minimo di 6 corsisti fino ad un massimo di 9.
Per l’iscrizione al corso è necessario far pervenire alla Segreteria Servizi Educativi del Museo la scheda di iscrizione scaricabile dal sito.
La spedizione potrà essere effettuata tramite:

  • e-mail: didattica@museoomero.it
  • fax: 071 28 18 35 8

Modalità di pagamento:

Il pagamento dovrà essere effettuato solo dopo la conferma dell’avvio del corso da parte della Segreteria del Museo, che contatterà direttamente gli iscritti. Il primo giorno di corso la fotocopia della ricevuta del versamento va consegnata alla Segreteria del Museo.
Si può pagare tramite:
Versamento sul conto corrente postale intestato a:
Comune di Ancona – Museo Tattile Statale Omero
Ancona; c/c n° 84747070;
oppure
Bonifico a Banco Posta – Ufficio Centrale Piazza XXIV Maggio, 60123 Ancona
IBAN IT 89L07601026000 00084747070;
dall’estero IBAN IT 89L0760102600000084747070; Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX CIN L;

Causale (obbligatoria): “Iscrizione Corso Approfondimento Lettura tattile – Museo Omero”.

Note

Le adesioni seguiranno un criterio di ammissione riferito all’ordine cronologico delle domande di iscrizione.
I corsi di formazione sono realizzati in collaborazione con l’Ufficio Regionale per le Marche e l’Ufficio Scolastico Provinciale di Ancona e costituiranno crediti formativi, riconoscibili ai sensi delle disposizioni vigenti.

Corso di Formazione La lettura tattile delle opere d’arte: metodi, strumenti e risorse

Gli approfondimenti del Museo Omero

Periodo:

Martedì 22 e Mercoledì 23 giugno 2010.
Le iscrizioni sono aperte da Lunedì 24 maggio fino ad esaurimento posti.

Sede: Museo Tattile Statale Omero, Ancona.

A chi è destinato:

Alle persone che hanno frequentato il Corso di Formazione Nazionale “L’accessibilità al patrimonio museale e l’educazione artistica ed estetica delle persone con minorazione visiva”;
Ai docenti di sostegno;
A coloro che hanno esperienza documentata di educazione con minorati della vista.

Finalità:

Trattare in maniera dettagliata alcuni argomenti del Corso di Formazione “L’accessibilità al patrimonio museale e l’educazione artistica ed estetica delle persone con minorazione visiva”, motivo per il quale la partecipazione è riservata un numero ristretto di corsisti.

Programma

Primo giorno (11 – 13 e 14 – 18); secondo giorno (9.30 – 12.30 e 13.30 – 16.30).
Durata complessiva 12 ore. Attestato con un minino di 9 ore.

  1. Aspetti tecnici
    • Aspetti fisiologici del tatto;
    • Aspetti della percezione tattile;
    • Percezione tattile e percezione visiva;
    • Cenni sull’educazione del tatto;
    • La formazione dell’immagine tattile;
    • Il valore estetico dell’immagine tattile;
    • Estetica e tatto nel dibattito storico-artistico;
    • L’arte tattile del Novecento;
  2. Il metodo: esplorazione tattile della forma e supporto verbale
    • La lettura dell’opera scultorea;
    • La lettura dell’opera architettonica;
    • La lettura dell’opera pittorica;
    • La lettura del reperto archeologico;
  3. Per una nuova didattica dell’arte
    • Attività didattiche e laboratoriali per un approccio multisensoriale alla storia dell’arte.
  4. Esercitazioni

Quota di iscrizione: 90 euro.
Gratuità: Disabili.
Sconto: 20% per i soci Coop Adriatica e per gli associati ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti Storia dell’Arte), costo: 72 euro (allegare fotocopia della tessera nominativa).
In caso di fattura intestata ad Ente pubblico, il costo sarà esente IVA (art.10 p.20 DPR 33/72), cioè 72 euro.

Modalità di iscrizione:

Il corso sarà attivato con un numero minimo di 6 corsisti fino ad un massimo di 9.
Per l’iscrizione al corso è necessario far pervenire alla Segreteria Servizi Educativi del Museo la scheda di iscrizione scaricabile dal sito.
La spedizione potrà essere effettuata tramite:

  • e-mail: didattica@museoomero.it
  • fax: 071 28 18 35 8

Modalità di pagamento:

Il pagamento dovrà essere effettuato solo dopo la conferma dell’avvio del corso da parte della Segreteria del Museo, che contatterà direttamente gli iscritti. Il primo giorno di corso la fotocopia della ricevuta del versamento va consegnata alla Segreteria del Museo.
Si può pagare tramite:
Versamento sul conto corrente postale intestato a:
Comune di Ancona – Museo Tattile Statale Omero
Ancona; c/c n° 84747070;
oppure
Bonifico a Banco Posta – Ufficio Centrale Piazza XXIV Maggio, 60123 Ancona
IBAN IT 89L0760102600000084747070;
dall’estero IBAN IT 89L0760102600000084747070; Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX CIN L;

Causale (obbligatoria): “Iscrizione Corso Approfondimento Lettura tattile – Museo Omero”.

Note

Le adesioni seguiranno un criterio di ammissione riferito all’ordine cronologico delle domande di iscrizione.
I corsi di formazione sono realizzati in collaborazione con l’Ufficio Regionale per le Marche e l’Ufficio Scolastico Provinciale di Ancona e costituiranno crediti formativi, riconoscibili ai sensi delle disposizioni vigenti.

3 giugno: presentazione del libro Oltre il Limite di Antonio Passaro

Copertina Oltre il limite di Antonio Passaro

Giovedì 3 giugno alle ore 17.00, presso il Museo Tattile Statale Omero, Patrizia Ceccarani della lega del Filo d’Oro presenta il libro di Antonio Passaro “Oltre il Limite. Riflessioni sulla pluridisabilità visiva”, Edizioni Borla, Roma, 2009.

L’autore Antonio Passaro, che presenzierà all’iniziativa, è stato dapprima docente presso l’Istituto “A. Romagnoli” di specializzazione per gli alunni minorati della vista, di Roma e poi Dirigente Scolastico del 5° Circolo Diadattico di Guidonia e del 16° Circolo Didattico di Roma.
Laureato in Pedagogia presso l’Università La Sapienza di Roma, abilitato in Psicologia sociale e specializzato per l’insegnamento ai soggetti minorati della vista e psicofisici, ha sempre cercato di trasmettere le sue competenze nelle scuole di metodo e nei corsi di specializzazione per insegnanti di sostegno.
I suoi studi e le sue ricerche nel campo della tiflologia, lo hanno portato a produrre numerosi articoli su riviste specializzate ed a pubblicazioni editoriali sul tema della pluridisabilità visiva.

Membro della Commissione nazionale dell’UICI sui problemi della Pluriminorazione, attualmente è consulente-formatore presso il Centro Regionale Sant’Alessio Margherita di Savoia per i ciechi, di Roma.

Il Libro “Oltre il limite. Riflessioni sulla pluridisabilità visiva”

Il suo ultimo libro, Oltre il limite, vuole rappresentare una guida per riflettere sulla complessità e sulla eterogeneità della pluridisabilità con compromissione totale e parziale della funzione visiva.
E’ rivolto, in particolare, a chi opera nel settore, agli insegnanti, agli assistenti domiciliari, agli educatori ed ai terapisti della riabilitazione, con la finalità di promuovere, nel lettore, spunti per un agire personalizzato ed il convincimento che, di fronte al soggetto pluridisabile occorre essere capaci di andare oltre il limite, di superare il frastornamento di non sapere cosa fare ed il senso di non adeguatezza, per non creare la situazione paradossale del doppio limite.

Incontrare Otello Giuliodori

Incontrare Otello Giuliodori

Giovedì 27 Maggio ore 17,30
Museo Tattile Statale Omero

Il Museo Omero intende rendere un doveroso omaggio all’Uomo e all’Artista Otello Giuliodori, con un giorno di grande festa voluto per testimoniargli la gratitudine e l’affetto della sua città, Ancona.

Alla presenza del Maestro sarà proiettato un video “Otello in arte Amleto”, documentario inedito di Fabio Manini sul grande artista.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. L’ingresso è gratuito.

Roberto Farroni, Presidente del Museo Omero: “Le sue figure dipinte, cariche di umanità, incisive e indimenticabili icone, e i paesaggi vibranti di materia, di luce e di colore manifestano la grande arte di un solitario protagonista del Novecento. Incontrare ora Otello Giuliodori può essere un dono prezioso e inaspettato. Nella sua intensa pittura e nella sua avvincente testimonianza, di nuovo, ritroveremo, con stupore, le intime tenerezze, le atroci distruzioni e le sofferenze mortali, le rinascite e i bagliori della ribellione, la vita e l’amore, le sensuali passioni e i sogni. Incontrare Otello Giuliodori sarà come piangere, sorridere, riconoscersi.”

Il Museo Omero e la città di Ancona celebrano l’artista con la sua nostalgia di un linguaggio pittorico pieno, allora come ora, carico di suggestioni, colori, luci, ombre ed esperienze di vita.

Biografia Otello Giuliodori: pittore, restauratore, ex insegnante delle scuole medie Tommaseo e del liceo scientifico Luigi di Savoia, è un artista versatile, passato dal manierismo all’espressionismo dopo gli eventi bellici cui ha partecipato dal 1939 al 1945, pur continuando a dipingere e a esporre (Palazzo Barberini a Roma e Triennale di Milano nel 1942).
Fin da giovanissimo Giuliodori dimostra spiccata attitudine per la pittura e riesce ad acquisire discrete capacità tecniche frequentando gli studi di diversi artisti. Frequenta la Scuola d’Arte di Perugia e inizia a partecipare a varie mostre; si trasferisce a Roma e, a 22 anni, è assunto come collaboratore per restauri di pittura e architettura dall’architetto Tornaghi di Milano per i lavori di Palazzo Ferretti.
Nel 1932 partecipa, dopo rigorosa selezione, insieme a Carrà, Carena, Mafai, Sironi e altri alla 1ª Nazionale del Parterre di San Gallo a Firenze ed è iscritto all’Archivio storico di Venezia.
Nel 1936 è presente alla Quadriennale e continua con successo la partecipazione a mostre regionali e nazionali.
Nel 1938 si diploma all’Istituto superiore d’Arte di Urbino e l’anno successivo è richiamato alle armi dove resta fino al 1945 quando torna in Italia dopo essere stato prigioniero in campi di concentramento in Polonia e Germania. Nel frattempo, il suo atelier di Palazzo Ricotti, nel cuore antico di Ancona, era stato distrutto dai bombardamenti di Ancona del 1943 e poche opere si salvarono: tra queste l’Angelo biondo del 1935, attualmente alla Pinacoteca di Ancona.

Giancarlo Trapanese presenta il libro Il valore delle orme nel cuore di Maria Lampa

Copertina del libro Il valore delle orme del cuore di Maria Lampa

Sabato 22 Maggio 2010 ore 17.00
Museo Tattile Statale Omero

Interverranno

Roberto Farroni, Presidente del Museo Omero
Aldo Grassini, Presidente dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti della provincia di Ancona
Paolo Marcelli Editore

Il Libro “Il valore delle orme nel cuore”

Note di positività quotidiane, pensieri e nutrimento per l’anima per raccontarsi al mondo e raccontare il mondo. Maria Lampa crea uno straordinario girotondo di metafore in cui ciascuno può ritrovare le proprie verità di vita.

L’autrice Maria Lampa

“Quando scrivo sono in contatto con le mie emozioni e i miei pensieri, parlo di me e del mio vissuto… Al lettore voglio far arrivare il messaggio di speranza: migliorare si può, superare le difficoltà si può, vivere una vita dignitosa si può nonostante tutto”.

Maria Lampa nasce a Castelfidardo e studia in collegio conseguendo il diploma di maturità magistrale. Oggi è in pensione ma da venticinque anni si occupa di comunicazione, promuovendo seminari per il benessere psicofisico dell’uomo. Continua ad essere impegnata a fare volontariato nel settore sanitario e culturale. E’ coordinatrice di un “Salotto Culturale” ad Ancona in cui i partecipanti hanno la possibilità di confrontarsi su temi di attualità, di interesse comune, condividendo la personale “cultura di vita”. E’ inoltre moderatrice all’interno del sito www.inktolink.info il portale nazionale di cultura letteraria. Conduce una rubrica su “Agoradio”, un’emittente locale in cui si occupa di argomenti di interesse sociale che vengono ulteriormente approfonditi attraverso l’intervista a personaggi impegnati nei vari settori culturali, sanitari, istituzionali. Nel 2006 pubblica il suo primo libro “Il valore nelle orme del cuore”.

L’ingresso è gratuito. Il Museo Omero si trova in Via Tiziano 50 Ancona.

Il Museo Omero partecipa all’iniziativa Il Mondo della Pesca incontra il Mondo della Scuola

The Fishing World Meets the School – 2010

“Scambi interculturali sul tema del mare, della pesca e delle pari opportunità in Europa e nell’area del Mediterraneo”

Il Presidente del Museo, Roberto Farroni, parteciperà Martedì 18 Maggio alle ore 9.00 alla Conferenza inaugurale dell’iniziativa “Il Mondo della Pesca incontra il Mondo della Scuola” che coinvolge le Scuole, i Comuni, le Istituzioni e le Associazioni del Mondo della Pesca.

Dal 18 al 23 maggio 2010 presso il Centro Congressi della Fiera di Ancona e presso il Cinema Teatro “Italia” di Ancona si svolgeranno incontri, conferenze, laboratori per conoscere il mare e la sua vita.

L’iniziativa è promossa da: Comune di Ancona, Assessorato alle Politiche Giovanili, la II Circoscrizione del Comune di Ancona e l’Ente Regionale per le Manifestazioni Fieristiche, organizzano, nell’ambito della 70° Fiera Internazionale della Pesca, la XIII edizione de “Il mondo della pesca incontra il mondo della scuola”.

All’interno del programma è prevista anche la visita animata al Museo Omero nei giorni del 20 e del 21 Maggio di quattro classi dell’Istituto Montessoriano di Chiaravalle.

Presentazione in anteprima nazionale del video Fuori Campo di Matteo Antonini

Mercoledì 19 Maggio 2010 ore 16,00
l’Accademia delle Belle Arti di Macerata

Presso l’Auditorium Svoboda dell’Accademia viene presentato in anteprima il video di Matteo Antonini “Fuori Campo” (italia 2010 – 40′).

Coordina il Presidente della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Macerata prof. Francesco Adornato.

Fuori Campo è un progetto di video ricerca ideato dal filmaker Matteo Antonini, realizzato in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti della Provincia di Ancona, di seguito denominata U.I.C.I., rappresentata dal suo Presidente Francesco Mandolini, prodotto dalla Regione Marche Assessorato alle Politiche Sociali e Ambientali e co-prodotta dalla Mediateca delle Marche.
Il progetto si avvale del patrocinio del Museo Tattile Statale di Ancona, rappresentato dal Presidente Roberto Farroni, del patrocinio della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Macerata, rappresentato dal Preside Francesco Adornato.

Fuori Campo si avvale della collaborazione di esperti del settore quali Pierpaolo Loffreda (consulenza scientifica) Federica Ricci (sceneggiatura, montaggio e fotografia) e Marco Di Battista (post produzione), Fabrizio Giovanetti (color correction) Gianluca Gentili (musicista compositore).

Soggetto

Ciechi e Ipovedenti, residenti in provincia di Ancona, narrano le esperienze scaturite dal vivere il proprio handicap. Essi focalizzano l’attenzione sulla quotidianità delle relazioni, sulle interazioni con la società in cui vivono e “agiscono”. Attraverso il racconto dei propri sentimenti, dei valori, dei sogni, delle speranze e delle paure narrano i gesti del proprio vivere. Il tema della ricerca è la diversità, il significato che si attribuisce a questa parola e ai tanti modi di interpretarla, ai tanti modi di vedere e di osservare ciò che ci circonda.
Le opinioni dei protagonisti sui vari aspetti della società, lasciano trasparire le incongruenze della vita sociale ed evidenziano in modo mirabile i nostri giudizi sugli altri.
Il progetto vuole essere anche un’introspezione sul nostro essere “normali”, offrendo così spunti critici di riflessività sul come spesso il vedere dei nostri sensi ci renda schiavi della più certa comprensione delle cose, come se il percepire visivo rappresentasse la via maestra per la verità e non il punto di partenza. Più in generale, questa ricerca vuole offrire l’abbrivio per porre l’accento sui pregiudizi che hanno gli uomini nel dover accettare ciò che nel mondo c’è di diverso da noi e dalla frenetica, compulsiva e consumistica normalità.
Il film è strutturato sul dialogo articolato attraverso delle interviste e riesce per questa via a porre l’ambito visivo in secondo piano, quasi sullo sfondo di una ricerca orientata ad enfatizzare “il sentire” degli stati d’animo che alimentano vite “diverse”, tali solo perché più difficili da vivere o semplicemente perché più attente e puntuali. Le interviste sono state montate totalmente in fuori sincrono creando così una discrepanza fra la parola e l’immagine di chi parla.

Un’opera del Museo Omero in mostra a Tracce nascoste nei sentieri dell’arte

Mostra tattile d’Arte Contemporanea
Esposizione dal 15 al 29 maggio 2010

Inaugurazione Sabato 15 maggio – ore 16,30
Cittadella del Carnevale – Museo della Cartapesta, Viareggio

Il Museo Tattile Statale Omero ha prestato una propria opera, la riproduzione della Tavola Tattile “Sudan Parigi” di Filippo Tommaso Marinetti per la mostra tattile d’Arte Contemporanea “Tracce nascoste nei sentieri dell’arte” organizzata dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Lucca.

Allegato

Locandina (PDF, 840 kb)

Tavola rotonda I Musei per l’armonia sociale

Depliant

Martedì 18 maggio 2010, ore 16.00
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

In occasione della Giornata Internazionale dei Musei.
In collaborazione con Coordinamento Regionale Marche di ICOM Italia (Organizzazione Internazionale dei Musei presso l’Unesco) e il Settore Musei Regione Marche.

Istituzioni museali, professionisti museali e chi, a diverso titolo, opera per il patrimonio culturale delle Marche sono invitati alla tavola rotonda che si svolgerà martedì 18 maggio alle ore 16.00 presso il Museo Tattile Statale Omero di Ancona.

L’incontro sarà l’occasione per confrontarsi sul tema della Giornata Internazionale dei Musei, “I Musei per l’armonia sociale”. Nelle Marche il tema è stato declinato come opportunità per raggiungere nuove tipologie di pubblico, per rendere accessibili fisicamente ma ancor più psicologicamente i musei, ma anche per avviare percorsi che sperimentino come il patrimonio culturale locale possa essere elemento di integrazione interculturale e di coesione sociale nel territorio marchigiano.

Sarà presente la dott.ssa Stefania Benatti, in rappresentanza dell’Assessore Marcolini, alla quale potremmo presentare i nostri progetti ed aprire con lei un dialogo costruttivo e pragmatico.

La giornata del 18 maggio è l’appuntamento conclusivo della seconda edizione di  “GRAND TOUR MUSEO MARCHE” che ha visto varie iniziative speciali promosse nel weekend del 14 e 15 maggio da oltre 50 strutture museali dei capoluoghi provinciali (Ascoli – Fermo – Macerata – Ancona – Pesaro), le reti museali (Musei Piceni e Musei Sistini), i sistemi museali di Ancona e Macerata, i musei di Camerino, Urbania, Matelica, Saltara, le numerose e piccole ma significative realtà come Serra de’ Conti.

Informazioni

Museo Tattile Statale Omero
Via Tiziano 50 – Ancona
Telefono: 0712811935
Email: info@museoomero.it

Tiziana Maffei, Direttivo Icom Italia
Telefono: 335.8416367
Email: tiziana.maffei@progettozenone.it