Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Museo Omero e Coop Adriatica: attivata una convezione per l’anno 2009

logo coop adriatica

9 febbraio 2009.

La convezione permette a tutti i soci di Coop Adriatica di usufruire di uno sconto pari al 20 % sul costo dei Corsi di formazione e aggiornamento e delle Pubblicazioni del Museo Tattile Statale Omero.

Da oggi i soci potranno conoscere le iniziative promosse dal Museo Omero attraverso radiocoop, la rivista consumatori, i depliant pubblicitari e negli appositi spazi delle Coop di Ancona e provincia.

La convezione rappresenta un altro importante tassello nel mosaico dei rapporti con il territorio nazionale che il Museo Omero sta costruendo da anni.

Il Museo Omero al Convegno Nuovi Pubblici e Musei

logo iniziativa

Andrea Socrati, responsabile dei progetti educativi del Museo Omero, interverrà al convegno “Nuovi Pubblici e Musei”  che si svolgerà a Torino, dal 3 al 5 marzo 2009.

Organizzato dalla Fondazione Fitzcarldo il convegno si propone di mettere a confronto e discutere il tema dell’allargamento dei pubblici dei musei.

Rivolto a operatori museali italiani e stranieri, il convegno si articola in un incontro internazionale e in working group volti a presentare soluzioni di eccellenza per ampliare il bacino di utenza.

In uno di questi working group, il laboratorio 4 dedicato al pubblico disabile, Andrea Socrati presenterà il programma per disabili visivi del Museo Omero.

Info

Data 3 marzo 2009.
Orario: 14,30 -19,30.
Sede: GAM (Galleria Arte Moderna), via Magenta, 31, Torino.
Lingua: Italiano.
Modera: Nicoletta Gazzeri, Fondazione Fitzcarraldo.
Museo Omero, Ancona, Programmi per disabili visivi.
(secondo caso di studio in definizione).

Il Museo Omero al ciclo di incotri Imparare ridendo

Venerdì 6 marzo, dalle 16,30 alle 19,30
Aula Magna Scuola “Marconi”
Via Verga 2, Ancona

Andrea Socrati, responsabile dei servizi educativi del Museo Omero, parteciperà ad un ciclo di incontri promossi dall’Istituto Comprensivo e rivolti alle scuole del Comune di Ancona.

L’iniziativa dal titolo “Imparare ridendo: i laboratori di arte nella scuola come luoghi di apprendimento, accoglienza e integrazione” si articolerà in momenti di conferenza e di laboratorio così come segue:

  • Venerdì 27 febbraio: Marco Dallari “Arte per le rime”:
  • Lunedì 2 marzo: Beba Restrelli: “Il gioco di Alfa e Beta. Tra segni e scrittura secondo il metodo di Bruno Munari®”;
  • Venerdì 6 marzo: I Laboratori d’arte come luoghi di integrazione e benessere
    Tavola rotonda con:
    Fare dal nulla: laboratori secondo il metodo di Bruno Munari® e la Grammatica della fantasia di Gianni Rodari,
    Centro territoriale per l’integrazione di Osimo: “Progetto Diversarte”,
    I Servizi Educativi del Museo Omero: per una didattica inclusiva dell’arte,
    Istituto Statale d’arte Mannucci di Ancona: progetto “Arte Insieme”.
  • Lunedì 9 marzo: Imparare facendo (workshop).

Il progetto Totem sensoriali: la scuola che include

La Basilica di Loreto

Il Museo Tattile Statale Omero, con il patrocinio ed il sostegno dell’Ufficio Scolastico Provinciale delle Marche e del Comune di Loreto promuove, nell’anno scolastico 2008/2009, il progetto “Totem sensoriali”, finalizzato all’integrazione scolastica e sociale degli alunni con minorazione visiva.

Il progetto si attua presso l’Istituto Comprensivo “Lorenzo Lotto” di Loreto, con il coinvolgimento di alcune classi della Scuola Media “Lotto” e della Primaria “G. Marconi”, impegnate nella realizzazione di ausili tattili e descrizioni audio utili a facilitare agli alunni con minorazione visiva la conoscenza e la fruizione del principale monumento architettonico della città: la Basilica. Tali ausili verranno collocati permanentemente all’interno della Basilica stessa, in un apposito Totem sensoriale fornito dal Museo Omero.

Gli alunni, oltre a sperimentare un approccio didattico attivo e multisensoriale all’arte, vengono sensibilizzati alle questioni inerenti una minorazione importante come quella visiva. Sulla scorta dell’esperienza pilota dell’Istituto Comprensivo di Loreto, il progetto verrà esteso, nel prossimo anno scolastico, alle scuole e ai relativi comuni che vorranno aderire.

21 febbraio: Carnevale in Braille con le Favole a Cordiandoli

Locandina

Carnevale e Giornata Nazionale del Braille

Sabato 21 febbraio alle ore 17 i bambini sono invitati al Museo Tattile Statale Omero di Ancona per festeggiare il Carnevale in modo insolito.

Potranno infatti ascoltare le storie magiche diventare voce dalle dita di una persona non vedente speciale: sarà, infatti, la nostra Daniela Bottegoni, a leggere tre favole in Braille nelle sale appositamente allestite del Museo.

Dalle Dita alla Voce: un modo diverso di leggere e ascoltare che suscita domande e curiosità, cui Daniela risponderà con piacere. I bambini, se vogliono, possono venire mascherati: non mancherà una pausa carnascialesca a base di castagnole e succhi di frutta.

Un’iniziativa che coniuga due feste: il Carnevale e la Giornata Nazionale del Braille, il metodo di scrittura per non vedenti ideato da Louis Braille.

Info

Dove:Museo Tattile Statale Omero, Via Tiziano 50, Ancona.
Ingresso al Museo
:gratuito.
Laboratorio: 3 euro a bambino; gratuito disabili e accompagnatori.
Orario: 17.00 – 19.00.
Telefono: 071 28 11 93 5.
Email: didattica@museoomero.it .
Prenotazione gradita entro il 19 febbraio.

21an de Februaro: Karnavalo en Brajlo kun la Konfetaj Fabeloj

Locandina

Sabaton la 21an de Februaro je la 17° horo, infanoj estas invititaj al la Ŝtata Palpsenta Muzeo Homero en Ankono por festi la karnavalon en nekutima maniero.

Ili ja povos aŭskulti kiel la magiaj rakontoj fariĝas voĉo el la fingroj de nevidanta homo speciala: Estos ja nia Daniela Bottegoni, kiu legos tri fabelojn en Brajlo en la tiucele aranĝitaj ĉambroj de la Muzeo.

De fingroj al voĉo: nekutima maniero de legado kaj aŭskultado, naskonta demandojn kaj scivolemon, al kiuj Daniela plezure respondos.

Infanoj povos laŭvole prezentiĝi en karnavalaj kostumoj: ne mankos frandopaŭzo kun tradiciaj karnavalaj benjetoj kaj fruktosukoj. Iniciato kuniganta du festojn: Karnavalon kaj la Nacian Tagon de Brajlo, la skribo por nevidantoj elpensita de Louis Braille.

Informoj kaj sinanoncoj:

Kie: Museo Tattile Statale Omero – Via Tiziano 50 – Ancona.
Eniro al la Muzeo: senpaga.
Kunagado kaj laborejo: 3 eŭrojn por ĉiu infano; senpage por handikapuloj kaj iliaj akompanantoj.
Horoj: 17.00 – 19.00.
Telefono: 071 28 11 93 5.
Retpoŝto: didattica@museoomero.it

14 febbraio: Pozioni d’Amore al Museo Omero

Locandina

Innamorati dell’Arte – Festa di San Valentino

Sabato 14 febbraio alle ore 17, il Museo Museo Tattile Statale Omero di Ancona partecipa all’iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali “Innamorati dell’Arte”, ovvero la Festa di San Valentino come occasione per continuare o iniziare ad amare il patrimonio artistico.

Il Museo Omero organizza un percorso e un laboratorio dedicato a riscoprire il culto del Santo e le sue secolari tradizioni: le serenate, il Vicolo del Bacio e le pozioni, a base di arance, capaci di far innamorare.

Un modo per parlare attraverso l’Arte – musica, scultura, dipinti e disegni a rilievo – di un sentimento come l’Amore che porta due corpi a cercarsi, sfiorarsi, abbracciarsi e baciarsi.
Le attività sono rivolte a famiglie, giovani e bambini e sono accessibili ai disabili.

Info

Dove:  Museo Tattile Statale Omero, Via Tiziano 50, Ancona.
Ingresso
: gratuito.
Percorso e laboratorio: 3 euro a persona; gratuito disabili e accompagnatori.
Orario: 17.00 – 19.00.
Telefono: 071 28 11 93 5.
Email: didattica@museoomero.it .
Prenotazione gradita entro il 13 febbraio.

7 febbraio: Presentazione DVD e Catalogo Arte Insieme 2008

Locandina

Sabato 7 febbraio alle ore 16.00 , presso l’Aula Magna dell’Istituto Statale d’Arte “E. Mannucci” di Ancona, verrà presentato il catalogo dell’iniziativa “Arte Insieme”, svoltasi dal 15 al 31 maggio 2008, e il
il DVD dell’Happening Ancona.

Il Museo Omero ha partecipato alla Manifestazione collaborando con gli Istituti Statali d’Arte di Ancona, Jesi e Fabriano e con l’ARISM (Associazione Regionale Insegnati Specializzati delle Marche).

Si è conclusa la mostra Umano Divino, Conoscere La Forma: un prezioso commento

Roberto e i ragazzi esplorano tattilemente il Satiro danzante

Come testimonianza del successo della mostra “Umano Divino, Conoscere La Forma”, ospitata presso l’Istituto Italiano di Cultura di Praga (dal 18 novembre 2008 al 31 gennaio 2009) riportiamo il commento di un’insegnante che ha visitato l’esposizione con la sua classe.

Relazione della professoressa Delogu, insegnante di italiano presso l’Istituto Italiano di Istruzione di Praga.

Lunedì 19 gennaio 2009.

Un’occasione davvero preziosa e significativa ci è stata offerta dalla mostra “UMANO DIVINO, Conoscere la forma”, allestita presso l’Istituto Italiano di Cultura di Praga. Sono state esposte infatti alcune tra le opere scultoree più significative provenienti dal Museo Tattile Statale Omero di Ancona.

La visita da parte dei miei alunni, di cui uno non vedente, è stata per tutti un’esperienza particolarmente emozionante: innanzitutto per Roberto, 12 anni, che non aveva mai avuto occasione di fare un’esplorazione tattile di un’opera d’arte, ma anche per gli altri ragazzi che, dopo qualche attimo di esitazione, hanno voluto avvicinarsi tattilmente alle sculture riuscendo , a mio avviso, a sentire più concreto, più vicino, più intimo il contatto con le opere d’arte.

Io stessa ho potuto fare un’esperienza nuova e interessante, (ero piuttosto preoccupata ed emozionata inizialmente da una mostra con modalità diverse dal solito…) perché ho guidato i ragazzi e ho proposto loro un’analisi delle sculture tramite spiegazioni vocali completate dall’esplorazione tattile delle stesse. Mi sono stati di grande aiuto e di supporto il sito del Museo Omero, la Dott.Trasatti (segreteria organizzativa) che ho contattato telefonicamente, la Dott. Da Piz dell’Istituto Configliachi di Padova con la quale avevo avuto un’illuminante conversazione la settimana precedente. Mi sono avvalsa anche delle schede, scaricate dal sito del Museo, di alcune delle opere esposte che ho consegnato ai ragazzi e su cui hanno potuto aggiungere ulteriori informazioni e loro impressioni durante la visita.

Tra i momenti più significativi ed emozionanti segnalo la reazione di Roberto, che, ad una seconda esplorazione tattile della Pietà ha esclamato: “Come è bello il viso della Madonna!” Verso la fine della visita, io stessa ho visto e sentito le sue mani molto più sciolte, più autonome, più capaci nell’esplorare e nel “sentire” le espressioni dei volti, nel cogliere particolari e differenze. Marco, 16 anni, ha invece commentato, tornando a scuola, “Forse se non ci fossimo soffermati di piu’ per permettere un’analisi tattile non avremmo fatto caso a molti particolari…” Era rimasto infatti colpito, per esempio, quando aveva sentito, con le sue stesse mani, le vene sulla fronte del Cristo di Donatello. Maria, un’altra alunna, quasi 13 anni, è stata anche la nostra fotografa e, insieme a Marco mi ha aiutato nel gestire le luci del Satiro Danzante, i fogli con i miei appunti, le schede, un piccolo dizionario ceco-italiano per tradurre a Roberto qualche parola che non conosceva, mentre io ero tutta intenta a guidarne la conoscenza tattile.

Si è creata anche una piacevole atmosfera di collaborazione, talvolta non sempre raggiungibile in classe.

Per sintetizzare ed esprimere il valore di questa visita alla mostra Umano Divino si può dire che sono stati raggiunti i seguenti importanti obiettivi educativi e didattici:

  • creare un’occasione di integrazione, di socializzazione e di arricchimento per studenti ed insegnante
  • apprendere informazioni culturali sulle opere della mostra e sul periodo storico cui esse appartengono
  • avvicinarsi a copie di sculture famose esposte nei principali musei del mondo attraverso un percorso innovativo e multisensoriale che ha favorito l’esplorazione tattile.
  • permettere a Roberto di conoscere e di imprimere nella sua memoria, attraverso l’analisi tattile, le forme di alcune sculture famose di arte greca e italiana.
Roberto con l'insegnante legge la Pietà di Michelangelo
Roberto legge le didasclie in Braille
Foto di gruppo