Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

8 marzo 2011: L’Arte in testa

Locandina L'Arte in testa

Martedì 8 marzo, dalle 17 alle 18.30

Il Museo Tattile Statale Omero partecipa anche quest’anno alla “Festa della Donna” promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali per celebrare il binomio Donna e Arte, organizzando un’iniziativa che coinvolge i parrucchieri professionisti del salone Teste d’autore Shampoo di Ancona e le studentesse dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Podesti Calzecchi Onesti” di Ancona – indirizzo Operatore del Benessere, accompagnate dalle professoresse Stella Carletti e Adriana Bellezza:

L’Arte in testa

A partire dalle ore 17 sarà possibile trascorrere al Museo Omero un pomeriggio dedicato all’arte dell’acconciatura con un percorso per esplorare le teste di grandi dame e divinità e scoprire la centralità della capigliatura nell’esaltazione della femminilità attraverso i secoli.

Le partecipanti dovranno poi mettersi in gioco affidando le loro chiome alle mani di parrucchiere in erba che si adopereranno con creatività per rendere speciale ed elegante la Festa della Donna. Un pomeriggio di piacere estetico e culturale da vivere in compagnia, accompagnate dai sapori di calde tisane.

Info

Via Tiziano 50 Ancona;
Telefono 071 28 11 93 5.
E-mail: info@museoomero.it
Prenotazione obbligatoria. Posti limitati.
Costo: 6 euro.
Gratuito: non vedenti, ipovedenti, diversamente abili e loro accompagnatori.

Il santuario di Loreto alla prova dei non vedenti

Aldo Grassini esplora una scultura del Museo Antico Tesoro del Santurario

Sabato 12 febbraio 2011, Loreto

Si è svolta lo scorso sabato, 12 febbraio, la visita guidata al Santuario della Santa Casa di Loreto organizzata dalla Sezione di Ancona dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti: oltre 30 persone arrivate da tutte le Marche hanno potuto conoscere da vicino le bellezza della città mariana.

Oltre alla Basilica, la visita ha incluso gli antichi camminamenti di ronda, dette Rocchette, e il Museo Antico Tesoro del Santuario, dove gli ospiti hanno avuto la possibilità di toccare per l’occasione alcune preziose sculture, fra cui il modello ligneo della Basilica della Santa Casa e gli arredi dove ha dormito Papa Giovanni XXIII. Supporti in Braille e l’aiuto di guide esperte hanno agevolato la visita. Con l’occasione Andrea Sòcrati, autore della mostra accessibile “20 vedute della basilica di Loreto”, presente all’interno del Museo, ha illustrato a non vedenti e ipovedenti le sue opere.

Visto il successo, l’iniziativa verrà proposta alle altre sezioni provinciali della regione Marche. L’esperienza rientra in un progetto di più ampia portata che coinvolge altri musei è collezioni di arte contemporanea, con l’intento di proporre le Marche come modello di accessibilità.

Alcune fotografie:

Esplorazione tattile di sculture del Museo Antico tesoro del Santuario

Esplorazione tattile di sculture del Museo Antico tesoro del Santuario
Le rocchette o camminamenti di ronda della Basilica di Loreto
Visita alle rocchette o camminamenti di ronda della basilcia di Loreto
Visita alla mostra 20 vedute ella Basilica di Loreto di Andrea Socrati

A Napoli il Cristo rivelato: scultura tattile di Felice Tagliaferri

Mani toccano il Cristo rivelato

dal 26 febbraio al 13 marzo 2011;
Napoli, Museo Archeologico Nazionale.

Giunge a Napoli, presso il Museo Archeologico Nazionale, nella sala accanto alla prestigiosa Collezione Farnese, il 26 febbraio e fino al 13 marzo, il “Cristo Rivelato” di Felice Tagliaferri. Per la prima volta questa sede, che è uno dei primi museo archeologici costituiti in Europa tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento, accoglie una nuova forma d’arte a forte valenza sociale.

L’inaugurazione si apre con il convegno sull’accessibilità e fruibilità del patrimonio artistico-culturale del territorio, “L’arte è uguale per tutti” alle ore 9.00.

Una scultura che nasce con una storia speciale. Sua fonte di ispirazione è infatti il “Cristo velato” di Giuseppe Sanmartino, nella Cappella Sansevero di Napoli, uno dei maggiori capolavori della scultura, che fu impedito di vedere a suo modo, cioè con le mani, allo scultore Felice Tagliaferri, cieco dall’età di 14 anni. Questo episodio accadde nell’aprile del 2008 e da questo divieto nasce l’idea di Tagliaferri: realizzare una sua personale versione della scultura, il “Cristo Rivelato”, una scultura tattile dal doppio significato, “velato per la seconda volta” e “svelato ai non vedenti”, che possono leggere la pietra toccandola con le mani.
La scultura, 180 x 80 x 50 cm, è realizzata a partire da un blocco di marmo sbozzato da artigiani con la supervisione dell’artista, che l’ha portata a compimento tra il 2009 e la fine del 2010. La tattilità permette di penetrare la durezza del marmo, con una percezione totale che va dalle superfici scabre e tormentate a quelle nitidamente levigate; inoltre rendere disponibile questa scultura alla fruizione tattile significa dimostrare che un blocco di pietra non può rovinarsi a causa dello sfioramento effettuato da mani esperte. Per questo motivo le guide sono non vedenti, formate dallo stesso scultore non vedente Felice Tagliaferri.

La mostra è organizzata dall’Unione Nazionale Italiana Volontari Pro Ciechi (UNIVOC) di Napoli e dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Napoli. L’UNIVOC, dopo la positiva esperienza di tre anni fa con il Museo Omero e la rassegna Toccare l’arte “Vedere con le mani”, ripete l’esperienza di mostra tattile con il Cristo Rivelato.

Il convegno “L’arte è uguale per tutti” prevede interventi di Roberto Farroni e Aldo Grassini, rispettivamente Presidente e Fondatore del Museo Tattile Statale Omero, Giampiero Griffo, responsabile della Sezione sulle diversità della Biblioteca Nazionale di Napoli, Loretta Secchi, Curatrice e Responsabile del Museo Tattile di Pittura Antica e Moderna “Anteros” di Bologna, Marco De Gemmis, Museo Archeologico Nazionale, e Annalisa Porzio, responsabile Servizio Educativo Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Napoli e Provincia.

Info

Orari: tutti i giorni, escluso il martedì, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.
Telefono: 347.8449887 oppure scrivere a univocna@univoc.org.
Le visite sono rivolte anche alle scolaresche. Museo Archeologico Nazionale: 081 29 28 23.

Proposta di viaggio in occasione della mostra dal 26 febbraio al 13 marzo 2011:

Accoglienza di tre giorni

  • Arrivo nel pomeriggio (del venerdì o di altro giorno);
  • Visita alla sala tattile del Palazzo Reale di Napoli ed alle zone di via Toledo, Galleria Umberto, piazza Plebiscito, il borgo di Santa Lucia ed il lungomare del Castel dell’Ovo;
  • Accoglienza a partire dalle ore 15,30 presso l’ingresso della Galleria Umberto, davanti al Teatro San Carlo;
  • Sistemazione in albergo con visita di adattamento alla struttura;
  • Cena presso osteria tipica napoletana;
  • Proseguimento delle attività come dal seguente programma di due giorni.

Accoglienza di due giorni

  • Arrivo nella mattina (del sabato, o di altro giorno), accoglienza a partire dalle ore 10,30 presso Azienda Turismo di Piazza del Gesù;
  • Visita ai decumani della città e ad alcune chiese significative;
  • Pranzo in taverna tipica napoletana;
  • Pomeriggio visita agli scavi archeologici di Ercolano, itinerario multisensoriale;
  • Cena in pizzeria del quartiere Sanità;
  • Sistemazione in albergo con visita di adattamento alla struttura.

Giornata successiva (domenica o altro giorno)

  • Visita alla mostra “Il Cristo Rivelato” ed itinerario tattile di visita alle opere del Museo Archeologico Nazionale di Napoli;
  • Pranzo in ristorante della zona di Santa Lucia;
  • Partenza.

Costi previsti e servizi offerti

  • Da 1 a 9 persone adulte, accoglienza di 3 giorni 210 euro, accoglienza di 2 giorni 150 euro, gruppi di oltre 10 persone, accoglienza di 3 giorni 180 euro, accoglienza di 2 giorni 120 euro con sistemazione in camera doppia, trattamento Bed & Breakfast, cene e pranzi descritti inclusi, visite guidate tattili e multisensoriali, presenza della guida nelle ore diurne;
  • Da 1 a 9 giovani, accoglienza di 3 giorni 160 euro, accoglienza di 2 giorni 125 euro;
  • Gruppi di oltre 10 giovani, accoglienza di 3 giorni 135 euro, accoglienza di 2 giorni 100 euro con sistemazione in camerata da 6-8 letti a castello, trattamento Bed & Breakfast, cene e pranzi descritti inclusi, visite guidate tattili e multisensoriali, presenza della guida nelle ore diurne.

Tipologie e quantità ospiti

Adulti da 1 a 9:
3 giorni (prezzo x persona): 210 euro in camera doppia B&B;
2 giorni (prezzo x persona): 150 euro in camera doppia B&B.

Adulti, gruppo di oltre 10:
3 giorni (prezzo x persona): 180 euro in camera doppia B&B;
2 giorni (prezzo x persona): 120 euro in camera doppia B&B.

Giovani da 1 a 9:
3 giorni (prezzo x persona): 160 euro camerata 6/8 in letti a castello;
2 giorni (prezzo x persona): 125 euro camerata 6/8 in letti a castello.

Giovani, gruppo di oltre 10
3 giorni (prezzo x persona): 135 euro camerata 6/8 in letti a castello;
2 giorni (prezzo x persona): 100 euro camerata 6/8 in letti a castello.

Informazioni

Organizzazione: Unione Italiana dei ciechi e degli Ipovedenti e Unione Nazionale Italiana Volontari pro ciechi ONLUS – sezioni provinciali di Napoli.
Maria: 347 844 9887.
Email: univocna@univoc.org.
Per la prenotazione occorre inviare fax AL NUMERO 081 19915172 con copia del versamento del 50% dell’importo concordato sul conto IBAN: IT09R0623003536000035422465.

A Lezione di Braille sui banchi di … Museo

Ragazzi che leggono e scrivono in Braille

Domenica 20 febbraio 2011,
dalle 17 alle 18.30.

Il Museo Tattile Statale Omero festeggia con un giorno di anticipo la Giornata Nazionale del Braille, che si celebra annualmente il 21 febbraio ed è stata istituita con la legge n. 126 del 2007 in coincidenza con la Giornata mondiale della difesa dell’identità linguistica promossa dall’Unesco: il Braille è infatti il codice che consente ai non vedenti di accedere al patrimonio culturale scritto dell’umanità.

Domenica 20 febbraio dalle ore 17 alle 18.30 bambini, mamme, papà, nonni, zii o chiunque voglia sedersi sui banchi del Museo potrà imparare a leggere con le dita e scrivere con tavolette e punteruoli. A far da maestri saranno Daniela Bottegoni e Aldo Grassini, fondatori del Museo Tattile Statale Omero. Si racconterà la storia di Louis Braille e di come è nato questo codice speciale che ha permesso ai non vedenti di poter leggere e scrivere.

Un’iniziativa voluta per sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti delle persone non vedenti, così come vuole la legge istitutiva e così come è nella mission del Museo Omero.

Informazioni

Museo Tattile Statale Omero
Via Tiziano 50, Ancona.
Costo: 6 euro.
Gratuito: diversamente abili e loro accompagnatori.
Prenotazione obbligatoria. Posti limitati.
Telefono 071 28 11 93 5
E-mail: info@museoomero.it

Sabato 12 febbraio: Anteprima di San Valentino, Un tavolo per 2 al Museo!

Locandina San Valentino

Posti esauriti. Prenotazioni chiuse.
Sabato 12 febbraio 2011
dalle 17.00 alle 18.30

il Museo Tattile Statale Omero, nell’ambito dell’iniziativa “Giornata di San Valentino” promossa dal Ministero dei Beni e delle attività culturali, e in collaborazione con la Fattoria Petrini, lo Chef Elis Marchetti, il Mastro Fornaio Claudio Lorenzini, l’Accademia Musicale di Ancona organizza:

Anteprima di San Valentino: Un tavolo per 2 al Museo!

Appuntamento dedicato alle coppie d’innamorati, che potranno “prenotare un tavolo” per due nelle cornice unica del Museo Tattile Statale Omero, dove vivere un’esperienza insolita.

Il pomeriggio sarà dedicato a gustose e genuine proposte culinarie elaborate ad hoc dagli chef che parteciperanno all’evento. Nelle sale del Museo con l’ausilio di una benda ogni coppia potrà assaporare gli assaggi a sorpresa, mettendo alla prova il senso del Gusto, dell’Olfatto e del Tatto.

L’atmosfera ideale per trascorrere un pomeriggio da innamorati dell’arte e del gusto!

Info

Via Tiziano 50 Ancona;
Telefono 071 28 11 93 5.
E-mail: info@museoomero.it
Prenotazione obbligatoria. Posti limitati.
Costo: 8 euro.
Gratuito: non vedenti, ipovedenti, diversamente abili e loro accompagnatori.