Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Richard Sapper

Richard Sapper nasce nel 1932 a Monaco di Baviera, dove si laurea in economia dopo aver compiuto studi in ingegneria, grafica e filosofia. Attivo principalmente in Italia, Sapper è considerato uno dei designer più importanti del panorama internazionale del secondo Novecento. Dal suo genio creativo ha avuto origine una vasta gamma di prodotti, come mezzi di trasporto, elettronica di consumo, oggetti per la casa, mobili.

La sua carriera ha inizio nel centro stile della Mercedes-Benz, dove lavora dal 1956 al 1958. In seguito si trasferisce a Milano, lavorando prima per l’architetto Gio Ponti e poi per il grande magazzino La Rinascente. Nel 1959 comincia a lavorare in modo indipendente e a inizio anni ‘60 avvia una duratura e prolifica collaborazione con l’architetto Marco Zanuso. È a loro che l’azienda italiana di elettronica Brionvega affida l’incarico di realizzare prodotti in grado di competere con i concorrenti tedeschi e giapponesi: nascono così prodotti iconici, come il televisore Algol e la radio TS 502 (1964).
Durante gli anni ‘70, Sapper è consulente per FIAT, per la quale realizza prototipi di automobili, e Pirelli. Realizza progetti anche per molte altre aziende italiane e straniere: tra i tanti, il telefono Grillo per Siemens (1965), la lampada Tizio per Artemide (1972), la caffettiera 9090 (1978) e il Bollitore 9091 (1983) per Alessi.

Dal 1980, Sapper è consulente per IBM e successivamente per Lenovo, progettandone il design di molti computer. Portano la sua firma il prototipo di tablet Leapfrog (1992) e il primo storico computer portatile della serie ThinkPad, il 700C (1992), nonché i successivi modelli di quest’ultimo.

Sapper è attivo anche nel mondo accademico: tiene conferenze e insegna in molte prestigiose università di tutto il mondo, come l’Università di Yale, il Royal College of Art di Londra, la Domus Academy di Milano, l’Università di Arti Applicate di Vienna.

Richard Sapper muore nel 2015 a Milano. Le sue creazioni gli sono valse molti prestigiosi premi internazionali di design, tra cui 10 Compasso d’oro tra il 1960 e il 1998, ai quali si è aggiunto nel 2014 quello alla carriera. Numerosi i musei di fama mondiale che espongono oggetti nati dalla sua mente, ad esempio il Victoria and Albert Museum di Londra e il MoMA di New York.

Elenco opere: Pagina 1 di 1