Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Tizio

Oggetto di Design

Tizio

Originale

Spazio
Collezione design
Designer
Richard Sapper
Azienda
Artemide
Data
1972
Periodo
Novecento
Produzione
attualmente in produzione
Dimensioni
lunghezza 78 cm, altezza 66 cm
Materiale
parti elettriche, policarbonato verniciato, alluminio verniciato
Sezione
abitare
Premi
Richard Sapper ha vinto 11 volte il Compasso d'Oro di cui 1 alla Carriera 23° Edizione - 2014

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Mi piace la luce che cade solamente sul foglio di carta davanti a me”, Richard Sapper.

La lampada Tizio, disegnata da Richard Sapper e presente dal 1972, è oggi prodotta in serie da Artemide in diverse dimensioni e finiture. Una lampada che risponde alle esigenze di chi designa: con ampio raggio di movimento, ma al contempo poco ingombrante.

La Tizio è un prodigio di illuminotecnica, assolutamente innovativo e ancor oggi insuperato: la corrente elettrica passa attraverso la struttura, senza fili. Geometricamente la sua caratteristica è di lavorare con elementi a pesi e contrappesi, in perfetto equilibrio. Si compone di due bracci mobili in equilibrio tra loro, che possono essere allungati sul piano di lavoro. Per orientarli su tutte le direzioni orizzontali occorre ruotare la base della lampada. Ciascuno braccio, in policarbonato verniciato, si presenta come due linee rette parallele vuote al centro. La testa in alluminio verniciato contiene la lampada, oggi a led. In collezione abbiamo la versione di colore nero, alta 66 e lunga 78 centimetri in tutta la sua estensione.

“È quello della lampada Tizio, uno che non ha ancora fatto un oggetto sbagliato”, Ettore Sottsass su Richard Sapper.

Audio racconto: parole di Chiara Alessi, voce Gianluca Paliotti

Luce Tizio – durata 1:02
Biografia sonora dell’oggetto a cura di Paolo Ferrario

Approfondimenti: Tizio sul sito Artemide