Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

I 25 anni del Museo Omero nei ricordi dei protagonisti

La giornata si è conclusa con la proiezione di un video collage con i saluti da parte dei volontari e collaboratori del Museo.

Il 29 maggio 2018 il Museo Tattile Statale Omero ha compiuto i suoi primi 25 anni con una serie di festeggiamenti, inclusa la giornata speciale del 24 maggio, in cui ha invitato amici, collaboratori e autorità che nel tempo hanno contribuito alla concretizzazione dell’idea dei suoi fondatori, Aldo Grassini, attuale Presidente del Museo, e di sua moglie Daniela Bottegoni.

1985: l’idea

Idea nata nel 1985 che ha trovato il suo primo sostegno in Rosa Brunori Ciriaco, già dirigente della Regione Marche all’Assessorato Servizi Sociali, per la quale la realizzazione del Museo Omero rappresenta “un diritto costituzionale”.
Ricordando il suo primo incontro con Aldo Grassini la Brunori dice: “Venne a presentarmi quest’idea che lui stesso, ancora oggi, definisce folle, inedita. Probabilmente allora lo era davvero.”

1993: l’inaugurazione

Fabio Sturani, allora Assessore ai lavori pubblici del Comune di Ancona, ha ricordato l’accelerazione, data dalle imminenti elezioni comunali, all’inaugurazione del Museo avvenuta in tempi strettissimi il 29 maggio del 1993 presso l’allora scuole elementari Antognini.

1999: il museo diventa Statale

L’onorevole Eugenio Duca ha ripercorso l’iter della legge che ha reso Nazionale il Museo con la Legge numero 452 del 25 novembre 1999: “3 minuti e 30 per approvare la legge che ha reso il Museo Omero statale all’unanimità: un record per il Parlamento italiano!”.

Aldo Grassini e Daniela Bottegoni hanno ricordato l’impegno costante e il lavoro del compianto Roberto Farroni che ha diretto e fatto crescere il Museo dal 2002 al 2011 preparando il suo trasferimento dalle scuole medie Donatello alla prestigiosa sede della Mole Vanvitelliana.

2012: il trasferimento alla Mole Vanvitelliana

Mariagrazia Conti funzionaria comunale responsabile del Museo fino al 2002 ha sottolineato così la valenza di questa sede: “Lo spazio che ci ospita è un luogo che è stato costruito come lazzaretto, quindi per l’esclusione. Adesso, in realtà, viviamo pienamente l’inclusione più totale, quindi mi pare, non solo che siano stati fatti dei passi avanti, ma anche che si possano vivere e reinterpretare gli spazi in maniera diversa, dall’esclusione all’inclusione.”

L’importanza del Museo per l’Unione Italiana Ciechi lo esplicita Armando Giampieri del Comitato di Direzione del Museo: “Qui c’è una parola d’ordine nuova: “vietato non toccare”. È una rivoluzione nel mondo dell’arte, alla quale nessuno aveva pensato. […] Aldo ha messo in campo tutte le sue energie e le sue forze per creare nella nostra città questo gioiello di carattere culturale, questo prezioso contenitore, questo scrigno di cose belle che fanno sì che Ancona possa avere questa luce”.Sono intervenuti anche altri protagonisti come per l’Unione Italiana Ciechi sezione di Ancona, Andrea Cionna, il presidente, e Andrea Cinti; le prime volontarie del Museo Omero, come l’allora quindicenne Simona Rossi, dell’onorevole Carlo Ciccioli e il Sindaco Valeria Mancinelli che ha aperto il tavolo augurando “Buon compleanno Museo Omero…in attesa delle nozze d’oro tra il museo e la città di Ancona”.

Durante l’incontro sono state lette inoltre le lettere arrivate da altre autorità:

L’encomio di Antonio Lampis, l’allora Direttore Generale Musei del Mibact

“Con la presente desidero esprimere alle SS.LL. il mio vivo apprezzamento e il mio personale encomio per aver realizzato, nel corso del venticinque anni trascorsi dalla istituzione del Museo Tattile Statale Omero di Ancona, un polo dì cultura unico al mondo, luogo di integrazione e dì condivisione,
rendendo reale la possibilità, anche per le persone con esigenze specifiche, di vivere e di emozionarsi al museo.

Le SS.LL. hanno dimostrato non solo notevoli capacità professionali e organizzative, ma anche una rara dedizione e un profondo senso del dovere, doti offerte senza riserve, oltre il necessario ed il dovuto, dedicate alla pedagogia del patrimonio, alla didattica delle arti, all’estetica e alla più ampia accessibilità delle collezioni museali.

La visione di un approccio tattile ai capolavori del Museo “Omero” rappresenta, di fatto, una strategia di fruizione oggi molto apprezzata da tutte le categorie di visitatori, ed in particolar modo dalle giovani generazioni, che trovano nell’esperienza multisensoriale un nuovo modo di avvicinarsi all’arte e alla cultura. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che, nel corso degli anni, hanno consentito, con la loro collaborazione e le loro energie, qualificate e fruttuose, di realizzare una esperienza tanto innovativa quanto straordinaria, in ambito nazionale ed internazionale.

I saluti di Peter Aufreiter, l’allora Direttore del Polo Museale delle Marche – Mibact

Carissimo Professore,

rimango, ogni volta, davvero meravigliato per l’immenso lavoro che state svolgendo, giunto quindi al 25° dall’inaugurazione del Museo. Vi ringrazio per l’entusiasmo e l’energia con cui portate avanti le numerose iniziative, che si distinguono oramai anche a livello internazionale.”

La senatrice Luciana Sbarbati, relatrice della Legge che ha reso il Museo Omero Statale

Carissimo Aldo, grazie per il gradito invito alla rievocazione dei 25 anni dall’inaugurazione del Museo Omero. Grazie soprattutto a Te e a quanti ci hanno lavorato e a chi ci ha creduto oggi il Museo Omero è una grande opportunità culturale e non solo per il nostro paese, ma anche per l’Europa. Nelle tappe che ricorderai di questo cammino c’è anche il mio piccolo passo, sempre da Te sostenuta e con l’appoggio costante e convinto del collega Eugenio Duca. Siamo stati una bella squadra e io sono molto felice di essere stata relatrice della proposta di legge, nonché di averne riproposto il rifinanziamento.”

29 maggio: Per il giorno del compleanno PORTE APERTE al Museo

locandina

In occasione del giorno del compleanno del Museo Omero, 29 maggio 2018, ecco le nostre proposte:

ore 18,30 Visita guidata gratuita al Museo e alla mostra “Antonio Ligabue il realismo della scultura”
ingresso libero museo e mostra, non occorre la prenotazione

ore 20 CENA AL BUIO al Ristorante Stamura – Mole Vanvitelliana, Ancona
Una cena da gustare al buio, con un menù ad hoc servito dalle mani esperte dei non vedenti.
Tra una portata e l’altra giochi accattivanti per allenare i sensi.

Costo 35 euro. Prenotazione obbligatoria 340.7891363
A cura dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – Sezione di Ancona

Gli eventi rientrano nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

27 maggio ore 10: Un viaggio nella Diplomazia culturale

locandina

27 maggio 2018 ore 10
Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana, Ancona

L’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale (IEDC), in collaborazione con il Museo Omero e l’Archivio di Stato di Ancona, vi invita alla sua presentazione ufficiale in Italia attraverso

Un Viaggio nella Diplomazia culturale

Benvenuto del Dott. Pierpaolo Sediari, Vicesindaco di Ancona

Intervengono:
Prima parte: Presentazione dell’I.E.D.C.
Haris Koudounas, Direttore per l’Italia IEDC
Petros Kapsaskis, Presidente e fondatore IEDC

Seconda parte: La Diplomazia dei Musei, la Diplomazia Economica e la Diplomazia del Mare
Aldo Grassini, Presidente Museo Tattile Statale Omero
Gianfranco Iacobone, Vicepresidente dell’Accademia Marchigiana
Carlo Giacomini, Vicedirettore Archivio di Stato di Ancona

Coordina il giornalista Maurizio Socci.

Al termine l’Orchestra Giovanile Marche ci accompagnerà su musiche del ‘700.

Un appuntamento internazionale, ovvero la prima presentazione ufficiale dell’Istituto Ellenico della Diplomazia Culturale in Italia e come luogo ideale è stato scelto il Museo Omero di Ancona.

Ingresso libero.

L’evento rientra nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

26 maggio ore 17: Alda Merini: un canto diverso

locandina

26 maggio ore 17
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Conferenza a cura di Violetta de Filippo.
Lettura di poesie e canzoni di Milena Costantini e Grazia Barboni.

In concomitanza con la mostra “Antonio LIGABUE, il realismo della scultura”, questa iniziativa vuole ricordare un’altra artista, la poetessa Alda Merini, che ha avuto in comune con Ligabue un destino di malattia mentale ed emarginazione, ma è stata capace di ritrovare il proprio riscatto e una ragione di vita nell’arte.

Ingresso libero.

L’evento rientra nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

27 maggio: Pic nic al Museo!

locandina

27 maggio ore 16,15 e 17,30
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Vieni a rilassarti fra le sculture… chiudi gli occhi, apri le orecchie e allunga le mani.
Leggeremo e accarezzeremo libri speciali da ascoltare e da toccare. Sfioreremo le sculture e all’ombra di queste faremo merenda. Tu porta la coperta al resto pensiamo noi, non mancare!

Il menu prevede per ciascun partecipante:

  • un pezzo di pizza (bianca o rossa)
  • una fetta di ciambellone
  • acqua naturale
  • succo di frutta (pera o albicocca)

Costo: euro 4 a partecipante. Gratuito: bambini 0 – 4 anni, disabili e loro accompagnatori.
Prenotazione obbligatoria. Comunicare al momento della prenotazione le proprie preferenze: pizza bianca o rossa, succo alla pera o albicocca.
tel. 071.2811935 email: didattica@museoomero.it

L’evento rientra nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

24 maggio: L’AUTORITRATTO atto unico di Roberto Morpurgo

locandina

24 maggio 2018 ore 21
Teatro Sperimentale “L. Arena”, Ancona

Il Museo Tattile Statale Omero presenta

L’AUTORITRATTO
atto unico di Roberto Morpurgo

Una produzione El Djablo Teatro

con Valter Schiavone e Franco Magnone
ideazione scenica e regia dell’Autore

L’Autoritratto è stato trasmesso due volte dalla RSI Radiotelevisione della Svizzera Italiana, e dal 2008 è stato rappresentato, sempre con la regia dell’autore e con cast di volta in volta differenti, in diversi teatri italiani. È pubblicato in volume monografico dal 2013 e ora in Tre atti unici sempre per i tipi di Falsopiano (AL).

Si tratta di un dialogo serrato, ricco di intensi momenti dialettici, tra un cieco e un pittore fallito. Fra le righe delle battute esplicite, i due protagonisti parlano di arte, del rapporto tra la parola e la cosa e tra la finzione e la realtà. Al termine, un colpo di scena che ribalta gli equilibri dialettici, sorprende e soprattutto fa pensare.

L’evento, in collaborazione con Marche Teatro, rientra nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

Info

Dove: Teatro Sperimentale “L. Arena” via Redipuglia 59 ANCONA
Costo: 15 euro.
Ridotto: 12 euro.
Gratuito: disabili e loro accompagnatori, 0-15 anni.
Prevendita presso la biglietteria del Teatro delle Muse.
Un’ora prima dello spettacolo biglietteria presso il Teatro Sperimentale.

Per info tel. 071.52525 e-mail biglietteria@teatrodellemuse.org

22 maggio – 10 giugno: Il Museo in città

Elenco dei negozi che ospiteranno in vetrina, dal 22 maggio al 10 giugno 2018, alcune opere del Museo Tattile Statale Omero in occasione dei festeggiamenti per i 25 anni del Museo:

  1. FOGOLA Fauno di Pompei
  2. OTTICA MASINI Busto di Ares Borghese
  3. BUCCHI Amazzone
  4. DADI E MATTONCINI Soldato che tende l’arco
  5. CONERO TOUR Busto di Costanza Bonarelli
  6. GISA BOUTIQUE Nike di Samotracia
  7. RAMAS Busto di Omero
  8. FELTRINELLI Il maratoneta
  9. MONDADORI Mercurio
  10. CONTEMPORANEO La morte di Abele
  11. LUI-JO Dama col mazzolino
  12. SISTI Diana
  13. MAISON LINGERIE Milone di Crotone
  14. MELDOLESI SPORT Busto di Laooconte
  15. RAGNETTI La caduta di Icaro

L’iniziativa, in collaborazione con Confcommercio Ancona, rientra nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

21 maggio: Gabriele Del Grande arriva ad Ancona per presentare il suo ultimo lavoro, Dawla

locandina

21 maggio 2018 ore 17
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

ISCOS Marche e ANOLF Marche organizzano un incontro con l’autore Gabriele Del Grande in occasione dell’uscita del suo ultimo libro, Dawla.

Un’inchiesta nata da un progetto di crowdfunding che ha avuto l’appoggio anche di ISCOS e ANOLF, durata 18 mesi e segnata dall’arresto di Gabriele Del Grande in Turchia.
Il titolo significa “Stato” in arabo, ed è uno dei modi in cui gli affiliati dell’ISIS chiamano la propria organizzazione. Il libro ripercorre il conflitto siriano, dal 2005 ad oggi, attraverso le storie di tre uomini che si arruolano nello Stato islamico, presentando quindi il punto di vista dei carnefici: “Non per giustificare, non per umanizzare. Ma unicamente per raccontare e, attraverso una storia, cercare una risposta, ammesso che ve ne sia una, a quell’antica domanda sulla banalità del male che da sempre riecheggia nelle nostre teste dopo ogni guerra”, per dirlo con le parole dell’autore.
Dialogherà con l’autore Fabio Turato, docente di Relazioni internazionali presso l’Università di Urbino, esperto di geopolitica, media e populismo.
Appuntamento lunedì 21 maggio presso il Museo Omero (all’interno della Mole Vanvitelliana) alle ore 17.

In collaborazione con la libreria Fogola di Ancona sarà possibile prenotare la propria copia del libro ad un prezzo speciale di 16,50 euro (anziché 19 euro) accedendo a questo link: https://goo.gl/forms/1XyTy1byPk4WAL513

Per informazioni:
Iscos Marche, via dell’Industria 17/a, Ancona – tel 071 505228 – info@iscosmarche.it

19 maggio: Una notte al Museo – Se le statue potessero parlare…

locandina

19 maggio 2018
Museo Tattile Statale Omero, Ancona
Prenotazioni chiuse!

Sabato 19 maggio il Museo Tattile Statale Omero aderisce alla Notte dei Musei 2018 proponendo una singolare performance itinerante lungo le sale: saranno le statue a raccontare i loro ricordi, sogni ed emozioni tra vanità e ironia.

Una speciale serata in cui i visitatori potranno ascoltare quanto può essere civettuola la Venere di Milo, vanitosa la cupola di Santa Maria del Fiore, scocciato il David di Michelangelo, in crisi d’identità l’imperatore Augusto e molto altro.

A dar voce alle statue saranno gli attori dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – sezione Ancona: Daniela Bottegoni, Luciano Carnevali, Daniele Casarola, Valentino Magnanelli, Maurizio Mazzieri, Barbara Roefaro, Stefania Terré, Lucrezia Violante.

L’evento è organizzato dalle volontarie del Servizio Civile Nazionale – Nicoletta Bianchi, Teresa D’Ascenzo, Ambra Federici, Valentina Lusuriello, Lucia Mengoni, Giulia Sinopoli – e rientra nei festeggiamenti in corso per i 25 anni del Museo Omero.

Info

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria
telefono 071.2811935 o didattica@museoomero.it
Primo turno ore 21, secondo turno ore 22

Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio 28 – 60121 Ancona
www.museoomero.it #museoomero #nottedeimusei2018

Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio 28 – 60121 Ancona
www.museoomero.it #museoomero #nottedeimusei2018

18 maggio Il Museo Esemplare. Accoglienza, accessibilità, fruibilità, estasi

logo museo esemplare

18 maggio 2018
Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze

Aldo Grassini, Presidente del Museo Tattile STatale Omero parteciperà allaTavola Rotonda  dal Titolo “IL MUSEO ESEMPLARE. Accoglienza, accessibilità, fruibilità, estasi”, promossa dal Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze che si terrà e si terrà venerdì 18 maggio 2018, dalle ore 14.30 presso la Sala Verde di Villa Vittoria – Palazzo dei Congressi di Firenze.

Dopo i saluti la Tavola Rotonda, coordinata dall’On Arch. Monica Baldi – Board Former Members del Parlamento Europeo, è divisa in due parti correlate e chiunque dei conferenzieri può intervenire sui differenti temi:

Saluti Istituzionali

  • Franco Sottani – Presidente Salone dell’Arte e del Restauro Firenze
  • Dario Nardella – Sindaco di Firenze
  • Silvano Taiani – Amministratore Delegato Best Union Company
  • Massimiliano Vavassori – Direttore del Centro Studi Touring Club Italiano

Accoglienza ed Estasi

  • Montse Aguer – Direttrice Fundación Gala-Salvador Dalí
  • Federica Facchetti – Curatrice Fondazione Museo Egizio, Torino
  • Mariacristina Gribaudi – Presidente Fondazione Musei Civici di Venezia

Accessibilità e Fruibilità

  • Luigi Biondo – Direttore del Polo Museale della Provincia di Trapani
  • Aldo Grassini – Direttore del Museo Tattile Statale Omero di Ancona
  • Massimo Osanna – Direttore del Parco Archeologico di Pompei
  • Giuseppe Parello – Direttore dell’Ente Parco della Valle dei Templi di Agrigento
  • Ludovica Sebregondi – Curatore della Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze

Seguono:

  • Ore 18:00 – Speciale performance al flauto “La voce musicale delle opere d’arte” del Maestro Andrea Ceccomori
  • Ore 18:15 – Conferimento Premio “Museo Esemplare 2018”

Conclusioni

La traduzione spagnola è eseguita da Carolina Garrido che opera attivamente nella Galleria degli Uffizi.