Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Pasqua e Pasquetta al Museo Omero e ultimi giorni per la mostra dedicata a Carlo Urbani

Il Museo Tattile Statale Omero e la mostra IL MONDO CI CHIAMA Carlo Urbani e la sua missione sono aperti a Pasqua e Lunedì dell’Angelo con il seguente orario 10-13 e 16-19.

Ultimi giorni per visitare le mostra a cura dell’AICU al Museo Tattile Statale Omero di Ancona aperta fino al 2 Aprile.

Una mostra dal consenso ampio e unanime come dimostra il libro delle dediche: “Mostra toccante, commovente e rigorosa” si legge tra i numerosi complimenti, i ricordi personali di chi lo ha conosciuto e disegni dei bambini in visita. A 15 anni dalla sua morte il medico della Sars, Carlo Urbani, rimane un esempio di vita per molti. Un uomo generoso e amato, sempre attento ai più poveri e bisognosi e alle persone sofferenti, sia come medico che come uomo di fede.

Una mostra che ha ricevuto in premio anche la medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: un itinerario visivo e tattile, tra istantanee scattate dallo stesso Urbani e oggetti di famiglia che ricostruiscono l’avventura umana e scientifica di una straordinaria figura di scienziato e di filantropo, che nel 1999, come presidente di Medici Senza Frontiere, ritirò a Oslo il Premio Nobel per la pace.

Info

Ingresso libero al Museo e in mostra
info@museoomero.it
tel. 0712811935

22 marzo: al Museo Omero l’École du Louvre

studenti dell'Ecole du Louvre

Prosegue con grande riscontro e positivi risultati l’attività di promozione culturale del Museo Omero a livello internazionale, con i maggiori ed innovativi centri e strutture artistiche.

Oggi giovedì 22 marzo ha fatto visita al Museo la prestigiosa École du Louvre, la Scuola Superiore parigina del Ministero della Cultura (una Scuola pubblica a carattere internazionale che forma funzionari e tecnici nel campo dell’arte, dell’archeologia, dell’antropologia e della museologia).

Quindici studenti, guidati da Geneviève Bresc-Bautier con Anne Soussand hanno conosciuto il Museo e le più recenti tecniche e prassi adottate in particolare nella lettura tattile delle opere d’arte. Il presidente Aldo Grassini, così come lo staff del Museo, intrattengono rapporti di scambio e di collaborazione con il Louvre già da tempo.

La stessa Geneviève Bresc-Bautier nel 2005 aveva visitato il Museo in occasione di una mostra con opere del Louvre, mentre nel 2011 aveva curato, insieme a Cyrille Gouyette, responsabile della galleria tattile del Louvre, la mostra “Il movimento scolpito”. Geneviève Bresc-Bautier è attualmente conservatore generale del Dipartimento scultura all’École du Louvre.

Link esterno

22 marzo ore 17,30: La prevenzione delle malattie infettive: stato dell’arte

In occasione della mostra IL MONDO CI CHIAMA Carlo Urbani e la sua missione giovedì 22 marzo 2018 alle ore 17.30 sarà l’occasione per fare il punto su “La prevenzione delle malattie infettive: stato dell’arte” con il Prof. Giorgio Scalise, già Professore Ordinario Malattie Infettive, docente-guida di Carlo Urbani, Dott. Davide Drenaggi, dirigente medico Clinica Malattie Infettive, collega e amico di Carlo Urbani, Dott. Marcello D’Errico, Preside Facoltà Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche, prof. Ordinario di Igiene.

Un appuntamento volto a ricordare l’impegno di Carlo Urbani come medico infettivologo e l’importanza della prevenzione. In particolare Marcello D’Errico parlerà dell’importanza di investire nella salute globale e delle vaccinazioni come strumento dalla comprovata efficacia e sicurezza.
“Oggi più che mai, è imperativo che tutte le nazioni investano seriamente nella ‘salute globale’ per migliorare il benessere della proprie popolazioni e promuovere i valori umani in un mondo che ha un profondo bisogno di salute ed equità, valori cui Carlo Urbani ha dedicato la sua vita sacrificandola.”

20 marzo ore 17: la presentazione del libro Il silenzio del mare

copertina libro

20 marzo 2018 ore 17
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

“Il silenzio del mare” di Asmae Dachan (Castelvecchi Editore, 2017) è un romanzo che attinge alla drammatica realtà della guerra in Siria.

A presentarlo l’autrice, con Aldo Grassini, Presidente del Museo Tattile Statale Omero e Mario Busti, Presidente dell’Università della Pace.

L’evento fa parte del calendario della mostra “IL MONDO CI CHIAMA Carlo Urbani e la sua missione”.

La trama

Due fratelli, Fadi e Ryma, si uniscono al movimento pacifista che nasce segretamente nei campus universitari e che coinvolge giovani e lavoratori. Iniziano un impegno attivo per la difesa dei diritti umani, sognando che la Siria riacquisti la libertà e si affranchi dall’oppressione della dittatura. Siamo nel 2011 e il loro sogno svanisce in breve a causa del regime, della guerra e del terrorismo. Si imbarcano alla volta dell’Italia, ma durante la traversata accade una tragedia: il destino di Ryma resta avvolto dal silenzio del mare. In Italia il destino di Fadi si intreccia con quello di un pescatore e di una dottoressa. Mentre in Siria si continua a morire, un evento inatteso sconvolge la nuova vita di Fadi e dei suoi amici.

L’autrice

Asmae Dachan è una giornalista professionista e scrittrice italo-siriana. Ha ricevuto nel 2016 il premio della giuria al concorso Giornalisti del Mediterraneo, nel 2015 il premio «A passo di notizia» a cui era annessa la mostra “Siria, tra macerie e speranza”. Vincitrice del Premio Universum Donna 2013, è stata nominata a vita Ambasciatrice di Pace della University of Peace Switzerland. La sua ultima silloge si intitola “Noura” (2016).

Link esterno

18 marzo: In viaggio con papà

locandina

Una domenica a spasso… tra i papà del Museo!
Domenica 18 marzo ore 16 e ore 17
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Da Aldo Grassini a Carlo Urbani passando per Luigi Vanvitelli scopriamo le loro storie tramite racconti e aneddoti.

E voi siete pronti a raccontarci il vostro Papà? Vi aspettiamo per un pomeriggio originale e creativo da passare insieme.

Evento nel calendario della mostra “Il mondo ci chiama Carlo Urbani e la sua missione” e di Cinematica Festival 2018 – In Viaggio.

Info

Ingresso libero.
Orario: 1° turno ore 16.00 – 2° turno ore 17.00
Prenotazione obbligatoria.
tel. 071.2811935
email: didattica@museoomero.it

17 marzo ore 10.30: Tappa della Corsa internazionale Peace Run a cura dell’Università per la pace

locandina

17 marzo 2018 ore 10.30
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Sabato 17 marzo alle ore 10,30 la fiaccola della Corsa Internazionale Peace Run fa tappa ad Ancona ed omaggia un grande uomo di pace, Carlo Urbani.

I corridori visiteranno la mostra “Il MONDO CI CHIAMA Carlo Urbani e la sua missione” accolti dall’AICU (Associazione Italiana Carlo Urbani). Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

La Peace Run è una corsa a staffetta internazionale che promuove pace, unità e solidarietà attraverso il gesto simbolico di passare una fiaccola accesa: termina simbolicamente la sua corsa, ogni due anni, a New York, dopo aver attraversato i sei continenti.

Quest’anno la parte europea della corsa è partita a febbraio in Bulgaria e terminerà ad ottobre in Portogallo, dopo aver attraversato tutte le 50 nazioni europee ed aver percorso più di 25.000 km, incontrando nel suo tragitto atleti, sportivi, rappresentanti delle comunità locali, associazioni di volontariato, esponenti religiosi ma soprattutto migliaia e migliaia di bambini. Fra alcuni dei partecipanti illustri alla Peace Run ricordiamo Madre Teresa, l’olimpionico Carl Lewis, l’On. Michail Gorbachev, papa Giovanni Paolo II e papa Francesco, Nelson Mandela e Desmod Tutu.

Link esterno

16 marzo ore 17: Incontro con Padre Maggi – Carlo Urbani e le Beatitudini

Padre Maggi

Venerdì 16 marzo ore 17
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Sarà padre Alberto Maggi, biblista del Centro “Vannucci” di Montefano, il protagonista del prossimo evento al Museo Tattile Statale Omero, nel calendario di iniziative legato alla mostra “Il mondo ci chiama, Carlo Urbani e la sua missione”.

Padre Maggi parlerà delle beatitudini (Matteo 5, 1-12, il “discorso della montagna”), che sono state costante riferimento nella vita del medico di Castelplanio.

La pace, l’aiuto alle popolazioni più deboli, il tentativo di risollevare i meno abbienti dalle condizioni di malattia e disagio sociale sono stati i punti cardinali dell’esistenza di Urbani, che ha davvero interpretato le beatitudini come una sorta di “carta costituzionale” della sua vita, orientata verso il regno di Dio.

Padre Maggi ha tra l’altro dedicato gli ultimi suoi lavori al tema della morte (“Chi non muore si rivede” e “L’ultima beatitudine”) che è – essa stessa – un inno alla vita. Una chiave di lettura importante nella rivisitazione di un personaggio, il medico della SARS, che anche dopo la scomparsa, 15 anni fa, continua a generare energia vitale che si traduce, tramite l’Aicu, in tanti progetti.

Medaglia Presidente Repubblica Sergio Mattarella per la Mostra Carlo Urbani

la medaglia

Il primo e più importante tra i riconoscimenti in arrivo con una lettera diretta ad Aldo Grassini: Gentile Presidente, ho il piacere di trasmetterle l’unita medaglia che il Capo dello Stato ha voluto destinare, quale suo premio di rappresentanza, alla Mostra fotografica e documentaria dal titolo “Il mondo ci chiama Carlo Urbani e la sua missione”, in programma ad Ancona.

Al successo di pubblico che sta riscuotendo la mostra fin dall’apertura, si aggiungono i numerosissimi riscontri istituzionali e in particolare del mondo della scuola e dell’Associazionismo, anche grazie al nutrito calendario di incontri in programma.

10 marzo ore 17: Presentazione dell’audiolibro Il medico della SARS di Vincenzo Varagona

Nuovo appuntamento nell’ambito della mostra “Il mondo ci chiama Carlo Urbani e la sua missione”: verrà presentato l’audiolibro “Il medico della SARS”, la versione vocale del volume pubblicato dalle Edizioni Paoline nel 2013, in occasione del decimo anniversario della scomparsa.

Il libro racconta tutta la vita di Carlo Urbani attraverso quanti lo hanno conosciuto: si tratta di una “biografia” del medico di Castelplanio, che è stato Presidente nazionale di Medici Senza Frontiere, costruita attraverso le interviste con persone che lo hanno incontrato nei diversi periodi della sua vita. Storie, aneddoti che tentano di superare un’agiografia spesso in questi casi inevitabile, per offrire le tracce di un’esperienza capace di destare, ancora, entusiasmi e speranze.

Al Museo Omero questi temi saranno trattati in una conversazione fra il presidente del Museo Omero, Aldo Grassini, e l’autore del libro, Vincenzo Varagona

L’audiolibro è stato realizzato dal Centro Libro Parlato dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti ONLUS su richesta del Museo Omero ed è scaricabile gratuitamente da chi ha difficoltà visive certificate al seguente link previa registrazione link http://lponline.uicbs.it.

8 marzo: Le giornate sono tutte uguali da quando sei partito

Laura de Carlo

Esperienza di teatro sensoriale di Laura De Carlo

Un breve viaggio nei pensieri di una donna. Una giornata uguale a tutte le altre: dal mattino alla notte. Un’esperienza che lascia da parte la vista per privilegiare gli altri sensi…

Coproduzione Teatro Elliot & Mastri Sonori
Testo e voce Laura De Carlo
Musiche e sound design Raffaele Petrucci

Ingresso libero
Prenotazione consigliata

Gruppi di 6 persone ogni 20 minuti.
Primo gruppo ore 16.30; ultimo gruppo ore 19.10.

Info e prenotazioni:
tel. 071.2811935 email: info@museoomero.it

Foto di Future Breed Films.

Iniziativa nel calendario della mostra Il Mondo ci chiama Carlo Urbani e la sua missione