Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

4 Sensi per 4 stagioni: cultura accessibile in Romagna

Il Museo Tattile Statale Omero patrocina il progetto di valorizzazione turistica del territorio romagnolo “4 sensi x 4 stagioni”, ideato e realizzato dalla Cooperativa Tre Civette di Forlì, nasce con l’intento di rendere la cultura accessibile a tutti i cittadini, con particolare riferimento alle persone ipo/non vedenti.
4 sono le stagioni, ma 4 sono anche i sensi che assumono una funzione vicariante rispetto alla vista. Ecco allora che la proposta della Cooperativa Tre Civette mira a presentare il territorio romagnolo attraverso un approccio multisensoriale.
Sarà così possibile esplorare storia, tradizioni e cultura del territorio grazie alle mani, immergersi nei suoni della natura, della musica e delle parole grazie all’udito, assaporare la buona tavola romagnola grazie al gusto e riconoscere l’essenza del territorio grazie all’olfatto.
Ad ogni stagione sono associate diverse realtà, sulla base dei diversi bacini geografici di riferimento e della possibilità di effettuare visite all’aperto o al chiuso.
Ogni gruppo potrà costruirsi un percorso della durata di un solo giorno, come di due.
Dal 28 gennaio al 17 giugno 2012, grazie ad un accordo con la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, la Cooperativa Tre Civette organizzerà inoltre visite guidate (previa prenotazione) per non/ipo vedenti alla mostra “Wildt. L’anima e le forme tra Michelangelo e Klimt”, presso i Musei San Domenico di Forlì.

Con il sostegno di Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.

Con il patrocinio di

  • Comune di Forlì, Assessorato Cultura e Università
  • Musei San Domenico, Forlì
  • Emilia Romagna, Terra con l’anima
  • Provincia di Forlì-Cesena
  • Provincia di Ravenna
  • Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti
  • Museo Tattile Statale Omero

Proposte di visita

INVERNO
Forlimpopoli

  • Museo archeologico civico “Aldini”
  • Casa Artusi

Forlì

  • Mostra “Wildt. L’anima e le forme tra Michelangelo e Klimt”
  • Museo etnografico romagnolo “Pergoli”

PRIMAVERA
Cesenatico

  • Museo della marineria
  • Casa di Marino Moretti

Lido di classe

  • Parco del Delta del Po
  • Passeggiata in pineta

ESTATE
Campigna

  • Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (Santa Sofia)
  • Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (Bagno di Romagna)

Galeata

  • Museo archeologico Mambrini

Sarsina

  • Museo archeologico nazionale

AUTUNNO
Faenza

  • Museo Internazionale delle ceramiche

Casola Valsenio

  • Il giardino delle erbe “Augusto Rinaldi Ceroni”

Forlì

  • Laboratorio ceramico

Costi:

  • VISITA GUIDATA IN MOSTRA (gruppi max 15 unità) € 85,00
  • VISITA GUIDATA (2/2,30 ore) con percorsi modulabili € 15,00 a persona

Informazioni

cell. 339 2921002
dal lunedì al venerdì, 10-12 / 15-17
mail turismo@cooptrecivette.com

Morfeo e Prana: due workshop al Museo Omero per liberare la propria espressività

Arte in Armonia

Presentazione: Sabato 4 febbraio 2012, ore 17.00
Dove: Museo Tattile Statale Omero, Ancona

N.B. Le iscrizione sono chiuse.

Si terrà sabato 4 febbraio alle ore 17.00 la presentazione dei due workshop d’arte, Morfeo e Prana, a cura di Thomas Kestelin e Alessia Sanges, scultori belgi, volontari europei presso il Museo Omero, grazie al finanziamento Youth in Action – Commissione Europea.
Si tratta di due seminari a carattere laboratoriale dedicati alla riscoperta di nuovi mezzi di espressione: un’esperienza unica per esplorare la polisensorialità nell’arte e la possibilità di realizzare un’arte diversa, un’arte che oltrepassi i confini della nostra vista con l’aiuto di artisti originali.
Vera e propria “Chiamata alle arti” per studenti d’arte e non, operatori culturali, docenti, amanti dell’arte e non solo, gli incontri si svolgeranno nei fine settimana di marzo e aprile presso il Museo Omero e vedranno la realizzazione di opere che saranno esposte al Museo in occasione della Notte dei Musei, sabato 19 maggio 2012.

Workshop PROGETTO MORFEO. Sogniamo insieme l’Arte Invisibile

A cura di Thomas Kestelin, scultore e volontario europeo.
Il workshop prevede quattro incontri/ laboratori con artisti di vario calibro:

  1. Felice Tagliaferri, scultore non vedente direttore della scuola d’arte tattile “La Chiesa dell’Arte”, Ritratto tattile
  2. Julie Lefèvre, artista belga che predilige moduli di tessuti dalle forme vegetali, Strutture tessili
  3. Bertrand de Lamalle, compositore di musica elettronica e contemporanea, Materie sonore

Nell’appuntamento conclusivo ogni partecipante realizzerà un’opera multisensoriale partendo dai lavori elaborati negli incontri precedenti.

Periodo:

  • Sabato 3 marzo, ore 16.00 – 19.00
  • Domenica 4 marzo, ore 10.00 – 13.00
  • Domenica 18 marzo, ore 16.30 – 19.30
  • Sabato 24 marzo, ore 16.00 – 19.00

Prenotazione obbligatoria. Partecipazione gratuita. Numero max partecipanti: 20. Iscrizioni chiuse.

Workshop PRANA Dare un soffio di energia al movimento

A cura di Alessia Sanges, scultrice e volontaria europea.
Il workshop prevede tre esperienze artistiche:

  1. “Dripping di Pollock” in pittura
  2. Ritratti espressivi in scultura, con David Apruzzese, Maestro di Shutaido
  3. Scrittura automatica, con David Apruzzese, Maestro di Shutaido

Lo scopo è partire dallo Shutaido, una ginnastica composta da movimenti lenti e ampi che favoriscono il flusso dei centri energetici del nostro corpo, per ritrovare un
benessere mentale, fisico ed emotivo.

Periodo:

  • Sabato 14 aprile, ore 16.00 -18.00
  • Venerdì 20 aprile, ore 17.00 -19.00
  • Sabato 21 aprile, ore 17.00 -19.00

Prenotazione obbligatoria. Partecipazione gratuita. Numero max partecipanti: 15. Iscrizioni chiuse.

Informazioni

L’iniziativa è aperta a tutti. La partecipazione è gratuita, la prenotazione obbligatoria.
Al termine di ciascun workshop Il Museo Omero rilascerà a ciascun partecipante l’attestato di frequenza.
E’ possibile iscriversi tramite compilazione della scheda d’iscrizione in allegato.
Tel. 071 28 11 93 5 – info @museoomero.it

Allegato

Papini in punta di dita: visita guidata tattile alla Mostra “Roberto Papini 1952 – 2011”

Domenica 29 gennaio alle ore 17.00.
Mole Vanvitelliana, Ancona.

Visita guidata tattile in mostra.
Aperta a tutti, con particolare invito a non vedenti e ipovedenti.

Il Museo Tattile Statale Omero organizza una visita guidata tattile alla mostra “Roberto Papini 1952 – 2011”: un’occasione unica per conoscere in forma originale il prolifico lavoro del novantenne artista anconetano. La mostra, curata da Marilena Pasquali, propone circa 80 opere del pittore Roberto Papini un uomo di pace, conosciuto per le qualità etiche e morali, un artista generoso e appartato che nello spazio vorticante del suo studio ha continuato a sperimentare forme, spazi, materie e colori nell’arco di tutta la sua esperienza professionale. Dai primi “Paesaggi” ai “Soli ad impasto materico”, dalla scrittura segreta dei “Pentagrammi” ai profetici “Soli e Tavole della Legge”, dai “Labirinti” fino ai “Ritmi di Oggetti” degli ultimi venti anni ed ai più recenti ready made tridimensionali, realizzati con oggetti minimi, scartati, gettati e riportati a dignità in un contesto artistico. Ed è qui che si rintraccia il senso di una visita tattile alla mostra del pittore Papini. Come sostiene Aldo Grassini: “Le opere di Roberto Papini sono una miniera di sorprese e di piacevoli sensazioni per le mani che le toccano. Un’esperienza di cui non dovrebbe privarsi persino colui che considera la fruizione artistica come una pura funzione del vedere“. La visita è aperta a tutti, con particolare invito a non vedenti e ipovedenti, che potranno rivolgersi al Museo se avessero problemi di spostamento. Al termine della visita è possibile mettersi alla prova anche nello Spazio “Officina” per ricostruire un grande quadro materico.

Info

Prenotazione obbligatoria: Tel. 071 28 11 93 5, info@museoomero.it.
Costo visita: prezzo speciale 3,50 euro a persona. Gratuito: non vedenti, ipovedenti, diversamente abili e loro accompagnatori, bambini da 0 a 4 anni.

22 gennaio: Un Giallo al Museo Omero!

Un Giallo al Museo

22 gennaio 2012 ore 17,00
Laboratorio per famiglie e bambini dai 5 ai 12 anni.

Al Museo Omero è scomparsa un’opera aiutaci a ritrovarla!
I partecipanti, trasformati in detective, dovranno risolvere un vero e proprio giallo, investigando tra le opere d’arte e le sale del Museo, interrogando i sospettati, ricostruendo identikit, superando prove e tranelli per recuperare indizi e risolvere l’enigma.
Il colpevole si nasconde tra le mura del Museo e solamente i detective più astuti ed attenti riusciranno a svelare il mistero.
L’iniziativa, promossa e organizzata dalle Volontarie del Servizio Civile del Museo Omero, è totalmente accessibile a non vedenti e ipovedenti.

Informazioni

Prenotazione obbligatoria.
Costo: 6,00 euro a bambino + omaggio (sconto soci IKEA).
Gratuito: non vedenti, ipovedenti, diversamente abili, accompagnatori e bambini dai 0 ai 4 anni.
Telefono: 071 28 11 93 5.
Fax: 071 28 18 35 8.
E-mail: info@museoomero.it / didattica@museoomero.it

Mostra di Ettore Balduzzi Con gli occhi di Ettore – Al di là di ogni punto di vista

12 – 25 gennaio 2012.
Palazzo della Cultura – Sala 5 della Pinacoteca

Comunale di Latina.

Dal 12 al 25 gennaio 2012 si svolge presso la Pinacoteca Comunale di Latina la mostra del giovanissimo artista Ettore Balduzzi, dal titolo “Con gli occhi di Ettore – Al di là di ogni punto di vista”, organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale “Solidarte”.

La mostra, ideata e realizzata dallo stesso Ettore e da Giuliana Bocconcello, con la cura di Silvia Sfrecola Romani, è stata patrocinata dal Museo Tattile Statale Omero, che ha fornito la propria competenza nell’elaborazione del percorso tattile. In esposizione le opere che il giovane di 19 anni, con disabilità visiva e motoria, ha realizzato nel corso dei laboratori di argilla organizzati dal gruppo Diversamente Artisti Diaphorà: con l’aiuto del suo inseparabile martello e affiancato dall’artista Giuliana Bocconcello, tra il 2010 ed il 2011 Ettore ha creato piccole sculture che raccontano il suo modo di vedere e vedersi o, piuttosto, dovremmo dire, di sentire e sentirsi, nel mondo.

Dal catalogo: “Se le opere in mostra sono, su tutto, la testimonianza della forza e della tenacia di Ettore, dall’altra diventano lo spunto ed il pretesto per una riflessione, attualissima, sull’enigma della visione (..) Ettore ci offre la possibilità di affrontare un tema antico e contemporaneo, ovvero universale, quale quello del vedere, del saper vedere e del voler vedere, da un altro punto di vista”.

Due i percorsi di visita della mostra: quello tradizionale, con opere allestite alle pareti ed illuminate dai faretti ed un percorso al buio, per “vedenti” messi in condizione percettive tali da essere costretti ad utilizzare gli altri sensi per muoversi ed accedere alle opere.