Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Rosso come il cielo: il Museo Omero alla Festa Internazionale del Cinema di Roma

Foto articolo Barbara Palombelli

Lunedì 16 ottobre 2006, l’Auditorium Parco della Musica. Festa Internazionale del Cinema di Roma. Il Museo Tattile Statale Omero è stato invitato dall’Orisa Produzioni a partecipare alla Festa Internazionale del Cinema di Roma per la proiezione in anteprima del film “Rosso come il cielo”, presentato come Evento Speciale Unicef.

Il film, per la regia di Cristiano Bortone, è ispirato alla vita di Mirco Mencacci che, non vedente, è diventato oggi uno dei più importanti sound designer del cinema italiano. La storia è quella di un bambino che agli inizi del ’70, divenuto cieco a seguito di un incidente, lotta contro l’emarginazione e l’inadeguatezza del sistema educativo.

Alla proiezione del film, lunedì 16 ottobre presso l’Auditorium Parco della Musica, parteciperà una delegazione del Museo con Roberto Farroni, Presidente del Museo Tattile Statale Omero, Aldo Grassini, Componente del Comitato Direttivo, Daniela Bottegoni, Componente del Comitato Consultivo, Carla Virili, Assessore alla pubblica Istruzione della Provincia di Ancona e la sua collaboratrice Giovanna Patarca. Il film, così vicino agli obiettivi e al ruolo del Museo nel suo intento di raccontare una storia di integrazione e di sensibilizzare sulla cecità, verrà proiettato nelle sale cinematografiche italiane a partire dai primi mesi del 2007.

Laboratorio creativo in occasione della mostra di Emma Infante

Un'opera di Emma Infante

Il Museo Tattile Statale Omero collabora alla realizzazione di un’ attività laboratoriale in occasione della personale di Emma Infante, giovane artista torinese che espone le sue opere a Palazzo Camerata di Ancona dal 7 al 20 ottobre con la mostra intitolata: A cavallo d’un pensiero d’artista.

Venerdi’ 13 ottobre, dalle ore 16,30 presso la sede del Museo Tattile Statale Omero si svolgerà un laboratorio artistico multisensoriale dedicato a non vedenti e a tutti coloro che sono interessati a provarsi in un’esperienza creativa legata alla costruzione di un grande libro tattile.

Il Museo continua la propria collaborazione con gli artisti, in questo caso aprendosi alla creatività della giovane Emma Infante che al linguaggio pittorico e scultoreo associa un lessico che fa dell’installazione, e di esperienze multisensoriali extravisive, uno strumento per emozionare, toccare, commuovere.

Il Museo Omero partecipa all’inaugurazione del Polo Museale di San Francesco a Montefiore dell’Aso

L’ampio e complesso progetto, coordinato dallo studio d’architettura Progetto Zenone, ha permesso la creazione di un distretto culturale funzionale del museo diffuso regionale, migliorando l’erogazione di servizi culturali ad alta professionalità e favorendo una gestione attenta al contenimento della spesa pubblica ed allo sviluppo delle risorse culturali territoriali.

Il Museo Statale Tattile Omero, grazie alla sua qualificata esperienza in materia di fruibilità ai beni culturali, ha collaborato al progetto fornendo la propria consulenza agli architetti Tiziana Maffei ed Antonella Nonnis per la definizione dell’allestimento museale accessibile anche ai non vedenti e più generalmente aperto all’uso di percezioni sensoriali diverse quali l’udito ed il tatto.

Grazie al progetto Musei Piceni, dopo l’inaugurazione dei poli museali di Offida e Ripatransone, è la volta degli spazi dello storico complesso francescano di Monte Fiore dell’Aso, costruito alla fine del XIII e ristrutturato a seguito degli eventi sismici del 1997.

Il nuovo percorso mussale, trasformato in centro culturale atto a custodire e promuovere il patrimonio civico di arte, cinema, etnografia, si snoda negli ambienti conventuali accogliendo la Sala Carlo Crivelli, il Centro di Documentazione Scenografica Giancarlo Basili, il Museo Adolfo de Carolis, il Museo della Civiltà Contadina, la Collezione Domenico Cantatore.

Programma

Sabato 7 ottobre 2006.
Ore 16.30 Sala Adolfo De Carolis, Saluto autorità.
Ore 17.30 Taglio del nastro, visita guidata, degustazioni prodotti tipici.
Ore 20.00 Le immagini. Proiezioni cinematografiche.