Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Sensi d’Estate 2006

depliant esterno

Ancona, Via Tiziano 50, tutti i giovedì di luglio e agosto ore 21,30.

Terrazza Palazzo Leopardi Regione Marche: musica e teatro
Sale Museo Omero: arte forma e colore
Cortile Museo Omero: degustazioni tipicità vini e gelato

Sensi d’Estate 2006, alla quinta edizione sceglie tre spazi affascinanti per percorsi multisensoriali di arte, musica, letteratura, odori e sapori della natura. In programma nove appuntamenti di qualità, tutti i giovedì di luglio e agosto con il Museo Omero, dal 6 luglio al 31 agosto, a partire dalle 21.30.

Ogni serata propone spettacoli all’aperto nella terrazza del Palazzo Leopardi sede della Regione Marche, un percorso multisensoriale lungo le sale del Museo e degustazioni nel cortile del Museo.

Gli spettacoli sono concerti di musica classica, popolare, jazz, letture teatrali di grandi autori italiani e stranieri e un’anteprima nazionale, la Lettura concerto “Il sogno di un uomo ridicolo”.

I percorsi multisensoriali al Museo si ispirano ai colori, che come i suoni, fanno vibrare il nostro essere e agiscono sulla nostre emozioni. Questa è la chiave di lettura per un allestimento speciale che aiuterà adulti e bambini a percepire i colori non solo come dato visivo, ma anche come sensazione suscitata dall’arte e dalle sue forme.

Sensi d’estate 2006 è realizzata con il patrocinio di Regione Marche, con il contributo della Provincia di Ancona e Banca delle Marche, in collaborazione con EffettoLuce di Recanati e l’Associazione “L’incontro musicale” di Ancona.

Tutte gli appuntamenti offrono novità, spunti, esperienze, possibilità di incontro con realtà, musicali, teatrali ed artistiche ideate e pensate per il numeroso ed ormai affezionato pubblico di Sensi d’Estate.

Si inaugura il 6 luglio con “via dei dollari”, un quasi concerto dedicato alla fisarmonica e ai migranti di ogni tempo e l’immersione nelle opere d’arte del Museo Omero attraverso la luce del colore viola.

Novità di questa edizione la collaborazione con l’ Associazione Amici della Lirica “Franco Corelli” per la serata dedicata alle Canzoni Napoletane, con Rodolfo Canestrari tenore e Angelo Sampaolesi al pianoforte. Altra nuova sinergia quella con la Società Amici della musica “G. Michelli” di Ancona che ha consentito di realizzare il concerto, in esclusiva, del pianista russo Andrei Korobeinikov , una personalità di prima grandezza a livello europeo. Korobeinikov eseguirà musiche di Beethoven, Chopin, Ciakovskij.

Tutte le serate che hanno inizio alle 21,30 si concludono con i sapori genuini e biologici della aziende agricole e vitivinicole locali e con il gelato alla frutta e al cioccolato di produzione artigianale.

Le degustazioni dei prodotti tipici sono a cura: Confederazione Italiana Agricoltori, Cooperativa La Terra e Il Cielo , Coldiretti (Aziende vitivinicole: Croce del moro di Cavallaro di Rosora, Ceci Enrico di S. Paolo di Jesi, Coloccini Antonio di Staffolo, Oleificio Rosa Mauro di Arcevia).

Il gelato alla frutta è prodotto dalla gelateria artigianale di Paolo Brunelli “Al Belvedere” di Agugliano.
Il gelato al cioccolato è prodotto dal laboratorio artigianale “Il Cioccolato di Bruco” di Jesi e realizzato dalla pasticceria “Foligni” di Ancona.

Sensi d’estate 2006 5th edition

Every Thursday in July and August at 9.30 pm.

On the Terrazza of Palazzo Leopardi, home to the Marches Regional Council offices: Theatre, Music and Literature.
Inside the Museo Omero: Art, Form and Colour.
In the Museo Omero courtyard: wine, ice cream and local produce to taste.

Now in its fifth year, Sensi d’estate has dedicated three interesting spaces to its multi-sensory trails of art, music, literature, the perfumes and flavours of Nature. The programme includes nine high-quality appointments with the Museo Omero, one every Thursday evening in July and August (6 July – 31 August) at 21.30.

Each evening there will be an open-air show on the terrazza of Palazzo Leopardi, the Regione Marche offices, a multi-sensory trail through the Museum’s exhibition rooms and delicious things to taste in the Museum courtyard.

The live concerts include jazz, classical and popular music, dramatized readings of texts by major Italian and foreign authors and even a premiere, the first performance of a LetturaconcertO “Il sogno di un uomo ridicolo”.

The multi-sensory trails at the Museum are inspired by colours which, in a similar way to sounds, make our inner being vibrate and act on our emotions. This is the key to understanding the specially designed effects and installations which aim to help both adults and children to perceive colour not only as visual data, but also as sensations generated by art and its forms.

Sensi d’estate 2006 enjoys the patronage of the Regione Marche, and benefits from contributions from the Provincia di Ancona and the Banca delle Marche. It is produced in collaboration with EffettoLuce, Recanati and the Associazione “L’incontro musicale”, Ancona.

Every visit will offer you new thought-provoking ideas, experiences and ways of looking at the world though musical, theatrical and artistic events specially created for our public who look forward in ever-increasing numbers to the return of Sensi d’Estate.

We begin on 6 July with “via dei dollari”, an ‘almost-concert’ dedicated to the accordion and to migrants from every period. The colour violet will be used in various ways with selected works of art from the collection to promote ‘immersion’.

This year, we will be collaborating for the first time with the Associazione Amici della Lirica “Franco Corelli” for the evening dedicated to Neapolitan Songs, with Rodolfo Canestrari, tenor, accompanied by the pianist Angelo Sampaolesi. Another new synergy is with the Società Amici della musica “G. Michelli”, Ancona which has enabled us to stage an exclusive concert with the Russian pianist Andrei Korobeinikov, a first-rate musician who is already well-known in Europe. Korobeinikov’s programme will include music by Beethoven, Chopin and Tchaikovsky.

The open-air events will begin at 9.30 pm and the evening will be rounded off with delicious healthy refreshments provided by local biological farms and with freshly made fruit and chocolate flavoured ice creams, again produced locally.

We wish to thank the following for the agricultural produce and wines: Confederazione Italiana Agricoltori, Cooperativa La Terra e Il Cielo, Coldiretti (Wine producers: Croce del moro di Cavallaio, Rosola; Ceci Enrico, S. Paolo di Jesi; Coloccini Antonio, Staffolo; Oleificio Rosa Mauro, Arcevia).

The fruit-flavoured ice cream is made by ice-cream wizard Paolo Brunelli of the “Al Belvedere” hotel and restaurant, Agugliano. The chocolate ice cream is made at the Pasticceria “Foligni”, Ancona using hand-made chocolate from “Il Cioccolato di Bruco”, Jesi.

PROGRAMME – SENSI D’ESTATE 2006

JULY 6
Via dei dollari.

A “quasi-concerto” dedicated to the accordion and to migrants from every period.
Isa Carloni, voice and words;
Contradamerla, music.

Violet – Desire for self expression.

JULY 13
Filippo Sebastianelli trio.

Filippo Sebastianelli, saxophone;
Luca Pecchia, guitar;
Amin Zarrinchang, double bass.

Blue – Reflection and meditation.

JULY 20
Deliri a due.

Twentieth century couples in conversation.
Read by Lucia Ferrati and Pietro Conversano.

Green – Equilibrium.

JULY 27
Ensemble I Mantici Armoniosi.

Conductor: Paolo Picchio.

Yellow – Expansion and radiation.

AUGUST 3
Trio uzza za’.

Ximena Jaime, violin;
Jean Gambini, double bass;
Yasue Hokimoto, piano.

Orange – satisfaction and pleasure.

AUGUST 10
Andrei Korobeinikov.

Piano.
Music by Beethoven, Chopin, Tchaikovsky, Mussorgsky
(in collaboration with the Società Amici della Musica “G. Michelli”, Ancona).

This is an exclusive concert for the Museo Omero.

Red – Intense vitality.

AUGUST 17
Sax Appeal Quartet.

Deborah Vico, saxophone;
Federica Torbidoni, flute;
Giannina Guazzaroni, violin;
Margherita Scafidi, harp.

White – Harmony.

AUGUST 24
Neapolitan Songs.

Rodolfo Canestrari, tenor;
Angelo Sampaolesi, piano
(in collaboration with the Associazione Amici della Lirica “Franco Corelli”,
Ancona).

Black – Negation.

AUGUST 31
Il sogno di un uomo ridicolo
by Fëodor Dostoevsky – Music by Ennio Morricone.

A LetturaconcertO by:
Luca Violini, voice and narration;
Andrea Andreani, oboe, cor anglais;
Maurizio Barbetti,, viola, viola d’amore;
Paolo Tannini, piano.

Italian premiere.

Splendour – Perfection.

Allergia di Massimo Feretti per Luci del Novecento, la poesia

Ferretti

Il sesto appuntamento con la rassegna “Luci del Novecento, la poesia“, organizzata dal Museo Omero e curata dal poeta Francesco Scarabicchi, è per mercoledì 7 giugno alle ore 18,00.

La presentazione del critico letterario Massimo Gezzi e la voce dell’attrice Lucia Ferrati ci introdurranno alla raccolta poetica “Allergia” di Massimo Ferretti (Chiaravalle, 1935 – Jesi, 1974). Apprezzato in un primo tempo da Pasolini, che lo pubblica su “Officina” definendolo un “caso […] preistorico, meglio che pregrammaticale”, più avanti Ferretti si avvicina al Gruppo 63 e partecipa al convegno di Palermo, stringendo rapporti con Balestrini, Giuliani, Porta. Dopo un soggiorno di qualche anno a Roma, nel 1965 torna a Jesi e di scrivere, dedicandosi in un primo momento al commercio e poi lavorando come traduttore di romanzi e di saggi dall’inglese.

Così scrive Massimo Gezzi: “La poesia di Ferretti, dichiaratamente innamorata della metrica, ci resta come la testimonianza insieme sofferente ed entusiastica di una vita ai margini e di un’epoca precisa, quella vissuta dai marchigiani, i ‘russi dell’Italia’, tra guerra e immediato dopoguerra”.

Massimo Gezzi è nato a Sant’Elpidio a Mare nel 1976. Vive tra Pavia e Berna, dove lavora presso la l’Istituto di Italiano dell’Universität Bern. Dottore di ricerca in Filologia Moderna, nel 2002 ha vinto il Premio Montale per la tesi di laurea sulla poesia di Bartolo Cattafi. Come poeta ha pubblicato Il mare a destra (Edizioni Atelier, Borgomanero 2004) ed è incluso in Nuovi poeti italiani, numero monografico della rivista “Nuova Corrente” (135, 2005) curato da Paolo Zublena; una seconda silloge di versi è in attesa di pubblicazione in F. Buffoni (a cura di), Nono quaderno italiano, Marcos y Marcos, Milano 2006.

E ho rimandato a domani
la certezza d’un nuovo dolore –
e sono salito sul tetto a prendere il sole.
Il sole incendiava il paese
e il cielo invadeva i cervelli
al sicuro dal bene e dal male
a passeggio per le strade
o sulle poltrone dei caffè
con l’aperitivo amaro come la maldicenza
necessaria per non morire di noia,
e nell’azzurro di un girovago aeroplano
bruciava i manifesti di “votate”
che i monelli aspettavano in terra
per festeggiarli in un fuoco d’indiani.

E il sole che ardeva un paese in calore
scioglieva dal peso d’ogni dolore
il ghiaccio maligno del rimorso:
e disteso sul tetto di lastre rosso,
il mio corpo senza più cuore
ha fischiato la vecchia canzone
di chi è felice d’essere al mondo.

da: La croce copiativa.

Luci del 900, chiude con Serie ospedaliera di Amelia Rosselli

Amelia Rosselli

La fortunata rassegna “Luci del Novecento, la poesia”, organizzata dal Museo Omero e curata dal poeta Francesco Scarabicchi, chiude mercoledì 14 giugno alle ore 18,00 con un incontro dedicato a una poetessa controversa, innovatrice e affascinante, Amelia Rosselli e la sua raccolta Serie ospedaliera.

A raccontarci fragilità e coraggio di questa protagonista del ‘900, figlia dell’antifascista Carlo Rosselli, morta suicida dieci anni fa, sarà il critico letterario Alessandro Baldacci e la voce dell’attrice Lucia Ferrati.

Per Baldacci: “Serie ospedaliera è probabilmente il libro in cui la poesia di Amelia Rosselli tocca il vertice incandescente della propria straordinaria tensione formale. Negli 83 testi che compongono questa raccolta, uscita per la prima volta nel 1969, l’autrice riporta sulla pagina uno spazio di radicale alterità linguistica ed esistenziale, un esperimento tragico in cui la voce poetica mina la rappresentazione classica del lirico”.

Amelia Rosselli è nata a Parigi nel 1930. Ha esordito con il poemetto La libellula nel 1959. Hanno fatto seguito i libri Variazioni belliche (1963), Serie ospedaliera (1969), Documento 1966-1973 ( 1976), Impromptu ( 1981), Appunti sparsi e persi (1983), Diario ottuso (1990) e Sleep. Poesie in inglese (1992). I suoi scritti critici e le sue varie collaborazioni giornalistiche sono stare raccolte nel 2004 all’interno del volume Una scrittura plurale. Amelia Rosselli è morta a Roma il 11 febbraio 1996.

Alessandro Baldacci è dottore di ricerca in Scienze letterarie. Ha insegnato “Teoria e storia della traduzione letteraria” e “Letterature Comparate” all’Università di Cassino. E’ fra i curatori dell’antologia Parola Plurale (Roma 2005). Ha pubblicato il libro Fra Tragico e assurdo. Benn, Beckett e Celan nella poetica di Amelia Rosselli (Cassino 2005). Ha inoltre scritto su Beckett, Bachmann, Kafka, Rosselli, Manganelli, Buffoni e Anedda. Sta preparando per la Laterza una monografia dedicata a Amelia Rosselli.

Cercare nel rompersi della sera un nascondiglio
meno adatto di questo che stimola i miei
riflessi in lunghe nappe obbligatorie. O
ritrovare fra le erbe frammiste di tenerezza
un’obbligatoria crudeltà il giorno che
tu fermasti gli occhi al solco della primavera
incantando un mondo di bestie con vetrali
lacrime che non scendevano ma s’imbrogliavano
nel tuo sonno tutto rose.

Cercare nel sonno che concede qualche mal
posto ristoro un’ombra gracile che fu quella
giovinezza persa fra stenti, quando doravi
il libro d’ore.

Il volume L’arte a portata di mano viene presentato a Roma

Lunedi’ 12 giugno 2006, ore 12.
Roma, Ministero per i Beni e le Attività Culturali,Complesso Monumentale San Michele a RipaCentro dei Servizi Educativi e del Territorio (Via San Michele 22).

L’ARTE A PORTATA DI MANO: verso una pedagogia di accesso ai Beni Culturali senza barriere”, realizzato dal Museo Statale Tattile Omero viene pubblicato da Armando Editore nella collana medico psico pedagogica diretta da Giovanni Bollea. Si tratta degli Atti del Convegno internazionale svoltosi a Portonovo, convegno che ha consentito l’incontro e il confronto scientifico tra massimi esperti a livello europeo su esperienze e differenti discipline con la finalità di aprire una nuova frontiera nella ricerca scientifica e nell’impegno pedagogico.

Il libro verrà presentato da:
Francesco Sicilia, Capo Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività culturali.
Bruno De Santis, Direttore Generale per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico del Ministero per i Beni e le Attività culturali.
Roberto Farroni, Presidente del Museo Tattile Statale Omero.
Aldo Grassini, rappresentante dell’Unione Italiana dei Ciechi nel Comitato di Direzione del Museo Tattile Statale Omero.
Andrea Socrati, progetti didattici del Museo Tattile Statale Omero.