Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Il Louvre per la nuova sede del Museo Omero

Ci sarà anche il Museo del Louvre per la nuova sede del Museo Omero alla Mole.
Concluso a Parigi l’incontro e l’accordo con Henry Loyrette per un grande evento.

Risultati assai positivi dell’ incontro del 4 luglio, a Parigi, tra il presidente del Museo del Louvre Henry Loyrette e il presidente del Museo Statale Tattile Omero di Ancona Roberto Farroni.
Oltre a confermare e a dirsi deciso ad incrementare la comune attività di ricerca e di studio portata avanti dai due Musei, Loyrette ha anche dichiarato la sua disponibilità ad organizzare in comune un evento speciale in occasione del trasferimento del Museo Omero nella nuova sede della Mole Vanvitelliana di Ancona.

Si tratterà di una manifestazione da realizzare insieme all’Omero e collaterale alla consueta attività del Louvre, in quanto verranno rese disponibili opere originali di proprietà del museo parigino. All’ incontro hanno partecipato anche Geneviève Bresc , conservatore generale del dipartimento scultura e Cyrille Gouyette , direttore responsabile della galleria tattile. Entrambi hanno già lavorato con lo staff del Museo Omero in occasione della mostra LA MEMORIA DELL’ANTICO , (Mole Vanvitelliana marzo/giugno 2005), poi trasferita al Museo di Spalato. Prosegue così la collaborazione tra i due Musei, gli unici in Europa ad avere una galleria tattile e ad impegnarsi in modo scientifico da decenni dell’accessibilità totale delle opere d’arte.

Aldo Grassini, componente del Consiglio direttivo e Andrea Socrati , responsabile del progetti, sono intervenuti in particolare sui temi della didattica e della percezione estetica dell’arte da parte dei non vedenti.

L’incontro rientrava nel programma del viaggio a Parigi organizzato del Museo Omero, al quale hanno partecipato più di 100 persone, che prevedeva la visita, oltre che al Louvre, anche al Museo dedicato ad August Rodin, e al Museo delle Scienze alla Villette.