Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Giovedì 10 maggio, il Museo Omero alla Fiera del Libro di Torino

Giovedì 10 maggio, il Museo Tattile Statale Omero di Ancona porta la propria esperienza alla Fiera Internazionale del Libro di Torino.

Il nostro Museo è stato invitato dal Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d' Arte Contemporanea all' edizione 2007 della Fiera Internazionale del Libro Venti, senza confini, all' interno dello speciale programma Collaborations, a cura di Anna Pironti: nell'ambito del Bookstock Villane.

Insieme la Museo Omero sono stati chiamati a festeggiare i vent' anni della manifestazione dal Dipartimento Educazione, da sempre presente alla Fiera, il Centre Pompidou di Parigi, il Museo dei Ragazzi di Palazzo Vecchio a Firenze, e Corraini Editore Mantova.

Ciascuna istituzione declinerà il tema del confine, inteso in senso fisico, geografico, temporale, percettivo, attraverso attività di laboratorio, e riflessioni nello Spazio Incontri. In parallelo, ispirandosi al tema dell' anno, il Dipartimento Educazione proporrà i laboratori Sconfina(ta)mente, dove la parola si farà forma e segno, dilatandosi invaderà lo spazio ed uscirà dai confini per inediti racconti colletti.

Il confine percettivo

Considerata la notevole esperienza nel settore dell'accessibilità dei beni culturali alle persone con minorazioni visive, il Museo Tattile Statale Omero è stato individuato da Anna Pironti, Responsabile Capo del Dipartimento Educazione, quale partner per realizzare alla Fiera Internazionale del Libro una serie di laboratori sul tema dell'educazione tattile, rivolti a giovani e adulti, nella giornata di giovedì 10 maggio.

Il Dipartimento Educazione è molto attento a questo tema: in tal senso è stata, infatti, avviata una ricerca innovativa per lo sviluppo di un percorso dedicato a non vedenti e ipovedenti. Grazie alla peculiarità dell'arte contemporanea, che richiede l'attivazione di tutti i sensi del fruitore, chi non vede vi si può accostare grazie ad un approccio multisensoriale e narrativo. Quattro gli appuntamenti previsti nell'ambito della Collaboration fra il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea e il Museo Tattile Statale Omero:

Giovedì 10 maggio alle ore 13.30 e 15 (riservato alle scuole)
e 19.30 (aperto a tutti, giovani e adulti).
Laboratorio Viaggio di mani.

a cura di Andrea Socrati, Responsabile dei Servizi Didattici del Museo Tattile Statale Omero e Massimiliano Trubbiani, operatore didattico del Museo Tattile Statale Omero. In relazione al tema del confine, Viaggio di mani propone un'attività destinata ai non vedenti e non solo, nell'esperienza di avvicinamento all'arte tattile e sinestetica.

Giovedì 10 maggio alle ore 20.30.
Spazio Incontri Book.
Sensazioni multiple. (L'arte) oltre i confini della minorazione visiva.

Conversazione con Aldo Grassini, Ideatore Museo Tattile Statale Omero,
Francesco Fratta, Consigliere Unione Italiana Ciechi Sezione Provinciale di Torino,
Anna Pironti, Responsabile Capo Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea
Brunella Manzardo, Ricercatrice Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea.