Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Festival Filosofia 2005: il Museo Omero fra i protagonisti

Oltre lo sguardo: Percorsi tattili al Museo
Venerdì 16 e Sabato 17 settembre, ore 21,00
Modena - Palazzo dei musei

Vedere, sentire, toccare, gustare, annusare. E, ancora, riflettere sugli stati della percezione e sulle loro trasformazioni, sul rapporto tra mondo sensibile e sovrasensibile, sulla gerarchia e sull'educazione dei sensi nella cultura europea, ma anche in quella asiatica e africana.

Saranno proprio i sensi, principale via di accesso al mondo esterno come a quello interiore, il filo conduttore della quinta edizione di Festival Filosofia, in programma in una trentina di luoghi di Modena, Carpi e Sassuolo da venerdì 16 a domenica 18 settembre per iniziativa dei tre Comuni, della Regione Emilia-Romagna, della Provincia, della Fondazione Collegio San Carlo, che cura il programma, e della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena (informazioni per il pubblico al numero 059 421210 e nel sito internet www.festivalfilosofia.it).

Un appuntamento sui sensi che vede fra i protagonisti anche il Museo Tattile Statale Omero: punto di riferimento nazionale nel campo dell'educazione artistica ed estetica basata su suggestioni plurisensoriali extra visive.

All'interno del ricco programma del Festival, una tre giorni di lezioni magistrali, cene, letture, mostre, giochi e dialoghi in treno, venerdì 16 e sabato 17 settembre a partire dalle ore 21,00 il Museo Omero guiderà infatti l'iniziativa Oltre Lo sguardo: percorsi tattili al Museo.

Gli operatori del museo Omero di Ancona, grazie alla loro ormai decennale esperienza e in collaborazione con i Musei civici Modenesi, hanno messo a punto per l'occasione un percorso tattile attraverso le opere conservate in Palazzo dei Musei. Il pubblico, attraverso esempi di lettura tattile e sotto l'attenta guida degli operatori, potrà toccare opere d'arte e reperti archeologici originali: un'esperienza generalmente preclusa, un approccio inedito per riflettere sui sensi e sulla multisensorialità.

Link esterno