Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

“La Vertigine del reale” di Cristiano Berti

Lety#1

Dal 19 febbraio al 18 marzo 2012
Inaugurazione sabato 18 febbraio ore 18,30
Mole Vanvitelliana, Ancona.

Dal 19 febbraio al 18 marzo 2012, presso la Mole Vanvitelliana di Ancona, sarà possibile visitare la mostra “Vertigine del reale”, di Cristiano Berti.
L’ampia personale, che inaugura il 18 febbraio alle 18:30, comprende lavori prevalentemente realizzati con procedimenti fotografici, digitali e di stampa industriale ma anche, in alcuni casi, costituiti da oggetti consumati e dismessi usati dall’artista come feticci a cui dare nuovo senso.
A cura di Gabriele Tinti, la mostra è organizzata da Fuorizona ArteContemporanea e realizzata con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Ancona e del Comune di Ancona e con il supporto di Abet Laminati Spa, Banca dell’Adriatico, Unipol Assicurazioni e NonSoloStampa.
Alla mostra collabora anche il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, chiamato per promuovere e favorire l’accessibilità alla mostra per le persone con minorazione visiva.
A loro disposizione i non vedenti troveranno didascalie in braille e potranno esplorare le opere tattili.
Il Museo organizzerà inoltre una visita guidata pensata specificatamente alle persone con disabilità visiva.

Le opere

Elemento comune delle opere è il riferimento costante alla realtà, mai manipolata nei suoi dati di partenza, sempre riletta in una chiave capace di rivelarne le anomalie, le storie nascoste e cadute nell’oblio, le assurdità. Nei suoi viaggi di esplorazione della realtà, Berti predilige situazioni di marginalità sociale che per propria natura sono cariche di potenzialità sovversive del senso comune. Dallo sguardo ravvicinato a questi microcosmi nascosti escono opere di arte visiva senza retorica, in cui è possibile ascoltare la voce dei protagonisti senza inutili filtri ed in cui è evidente l’assenza di ogni intento ammonitore, né tantomeno moralizzatore, da parte dell’artista. Berti si propone quindi come strumento capace di riflettere e amplificare queste storie minori, portandole ai nostri occhi e alle nostre orecchie.
Via via sfilano paesaggi anonimi che si rivelano essere scenari di delitti consumati molto tempo fa, gli edifici delle ambasciate somale abbandonate al loro destino nel ’91, scorci di viali torinesi che celano inattese antropologie esotiche, i volti degli attori di secondo piano del cinema italiano a cui la sorte ha riservato una fine orrenda. E poi bagagli smarriti sui treni, i calchi di arti amputati, lotti di arnesi da scasso sequestrati ai ladri e messi all’asta dall’autorità giudiziaria, la grande foresta degli alberi di natale dismessi. Infine momenti in cui la parola prende il sopravvento, come l’autoritratto acustico della giovane africana intenta a raccontare gli eventi che hanno lasciato una traccia sulla sua pelle, o il viaggio di Ferko e Martinka verso il villaggio ceco di Lety, luogo simbolo dell’Olocausto Rom.

Vertigine del Reale è l’occasione per fare il punto su di un’opera tra le più interessanti del panorama artistico contemporaneo. Per la prima volta vengono accostate tra loro opere che sono state finora esposte singolarmente e che, da questo accostamento, ricevono ulteriori chiavi di lettura e interpretazione.

Accompagna la mostra un catalogo edito dalla Umberto Allemandi & C. con un testo critico di Luigi Fassi.

Informazioni:

Orario apertura: da giovedì a domenica: 15.30 – 19.30.
Ingresso alla mostra: libero.
Dove: Ancona, Mole Vanvitelliana, Via Banchina da Chio 28.

Avviso di selezione pubblica, per titoli e colloquio, per la formazione di una graduatoria presso il Museo Omero

Avviso di selezione pubblica, per titoli e colloquio, per la formazione di una graduatoria per FUNZIONARIO MUSEALE PER SOGGETTI CON DISABILITA’ VISIVA – CAT. D/1 – (CC.NN.L. vigenti comparto regioni AA.LL. Personale delle categorie) per assunzioni a tempo determinato, a tempo pieno o parziale, o conferimento di incarichi di lavoro autonomo presso il Museo Tattile Statale Omero – gestito in convenzione con il Comune di Ancona.

Il Dirigente del Settore Organizzazione e Personale

In esecuzione alla Determinazione Dirigenziale n. 329 del 03/02/2012, sulla base delle norme stabilite dal “Regolamento per il reclutamento del personale a tempo determinato e principi di gestione del rapporto a termine” approvato con D.G. n. 529 del 24.09.2003 e, se ed in quanto applicabile, dal “Regolamento per l’accesso al Lavoro presso il Comune di Ancona e relative modalità” approvato con Delibere di Consiglio n. 237 del 15.4.96 e n. 454 del 15.7.96 e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la Convenzione reg. int. n. 10365 del 03/08/2001 e successive modificazioni (reg. int. N. 10594) siglata tra il Comune di Ancona ed il Ministero per i Beni e le Attività Culturali;
Viste le disposizioni di legge e contrattuali applicabili;
Visti l’art. 7 del CCNL del comparto regioni e autonomie locali del 14.9.2000 e il D.lgs. 368/2001;
Visto il D.Lgs. 11/04/2006 n. 198 – Codice delle pari opportunità tra uomo e donna;

rende noto

E’ indetta una selezione pubblica, per titoli e colloquio, per la formazione di una graduatoria per l’assunzione di personale a tempo determinato, a tempo pieno o parziale, nel profilo professionale di FUNZIONARIO MUSEALE PER SOGGETTI CON DISABILITA’ VISIVA – Cat. D/1 – presso il Museo Tattile Statale Omero, gestito in convenzione con il Comune di Ancona. L’Amministrazione garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro.

Domanda di ammissione – presentazione:

La domanda di ammissione alla selezione pubblica dovrà essere redatta utilizzando esclusivamente il modulo “Allegato n. 2″al presente Avviso. La domanda dovrà essere presentata in busta chiusa, indicando dettagliatamente sull’esterno la seguente dicitura: “Selezione pubblica, per Funzionario Museale – Cat. D/1 – a tempo determinato” nonché il mittente, e dovrà essere indirizzata all’Amministrazione Comunale, Largo XXIV Maggio n. 1 – 60123 Ancona, a cui dovrà essere presentata entro il giorno 24/02/2012, pena l’esclusione dalla selezione, in uno dei seguenti modi:
a) depositata a mano direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune di Ancona che ne rilascerà ricevuta;
b) spedita a mezzo raccomandata a.r. (non fa fede la data del timbro postale);
c) presentata a mezzo di proprio indirizzo di posta elettronica certificata a: comune.ancona@emarche.it.

Informazioni

Per ulteriori informazioni e delucidazioni e copia dell’Avviso gli interessati potranno rivolgersi al Settore Organizzazione e Personale nei seguenti orari:
– dalle ore 9.00 alle ore 13.00 – lunedì, mercoledì e venerdì;
– dalle ore 15.00 alle ore 17.00 – martedì
– dalle ore 10,00 alle ore 16,00 – giovedì
Tel 071/222.2339 (Baldini E.) – 2382 (Severini S.) – 2384 (Giacconi B.)
L’Avviso ed il modulo della domanda sono disponibili anche presso l’U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico) della sede centrale dell’Ente o consultabili nel sito internet dell’Ente www.comune.ancona.it – sezione “Avvisi, bandi e concorsi” alla voce relativa alla presente selezione.

Scarica gli allegati:

14 febbraio: Composizioni d’amore per San Valentino!

visitatore in mostra

Martedì 14 febbraio 2012 – dalle 18.00 alle 20.00.
Mole Vanvitelliana – Banchina di Chio, Ancona.

Raccontarsi con i ritmi di oggetti diversi, riscoprire insieme i sentimenti dei materiali, in un pomeriggio dedicato agli innamorati.
Martedì 14 febbraio il Museo Tattile Statale Omero, su iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività culturali, propone un evento speciale per festeggiare San Valentino. Alla Mostra “Roberto Papini – opere 1952-2011“, in corso alla Mole Vanvitelliana le coppie di innamorati saranno guidate alla scoperta dell’artista anconetano attraverso l’opera di una vita. Una mostra che è lungo racconto di combinazioni di memorie, composizioni di oggetti e “quadri materici”, a cui le coppie potranno ispirarsi per creare, nello Spazio Officina, un quadro tattile che tracci la propria storia, i battiti della loro complicità, che parli attraverso ritmi di materiali e oggetti. Al termine del laboratorio sarà offerto un aperitivo per stuzzicare l’appetito!

Informazioni:

La visita guidata e il laboratorio sono ad ingresso gratuito per tutti gli innamorati.
Prenotazione obbligatoria. Posti limitati.
Tel. 071 28 11 93 5,
e-mail: info@museoomero.it