Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

8 ottobre: Visite ad occhi chiusi alla mostra Cristo rivelato

Logo Giornata del Contemporaneo 2011

Sabato 8 ottobre 2011, dalle 9 alle 12 e dalle 17 alle 18
Chiesa San Domenico, Ancona

Il Museo Tattile Statale Omero aderisce alla Giornata del contemporaneo – Settima edizione (8 ottobre 2011), indetta dall’A.M.A.C.I., Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani, proponendo visite guidate ad occhi chiusi della scultura “Cristo rivelato” di Felice Tagliaferri presente dallo scorso 13 settembre presso la Chiesa di San Domenico.

L’opera (tratta da un blocco di marmo di Carrara e del peso di 1800 Kg circa) è una intensa e originale riproposizione della settecentesca scultura del “Cristo velato” di Giuseppe Sanmartino (cappella Sansevero a Napoli), fatta, al contrario dell’intoccabile scultura partenopea, per essere conosciuta da chiunque soprattutto tramite il tatto: per un godimento estetico o per condividere la testimonianza dell’uomo e del divino che in esso si riverbera.

Le visite ad occhi chiusi si svolgono sabato 8 ottobre dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 18.00. Non occorre prenotazione. Numero massimo di persone per gruppo è di 20.

La mostra tattile “Cristo rivelato” di Felice Tagliaferri rimane aperta fino al 16 ottobre con i seguenti orari: Lunedì – Sabato: 9.00 – 12.00; 17.00 – 18.00; Domenica: 10.30 – 11.30; 17.00 – 18.00.

Grande mobilità del Museo Omero verso una dimensione sempre più internazionale

Museo della Slesia

Si apre un periodo di grandi cambiamenti all’insegna della mobilità per il Museo Omero che si afferma in una dimensione sempre più internazionale finalizzata alla promozione di “una cultura senza barriere”.

Grazie a consolidati rapporti con enti e istituzioni e a finanziamenti giunti su progetti, i successivi impegni del Museo Omero prevedono:

Venerdì 14 ottobre: inaugurazione in Polonia presso il Museo della Slesia di Katowice della mostra “La bellezza del tatto” che propone una selezione di 33 opere del Museo Omero, scelte tra i maggiori capolavori dell’arte classica e del Rinascimento italiano. La mostra sarà poi al Museo di Bielsko Biala dal 1 febbraio al 15 aprile 2012.

Giovedì 27 ottobre ore 18: inaugurazione presso il Museo Omero della mostra “Le mouvement sculpté – Il Movimento scolpito” dal Louvre di Parigi, che dopo aver girato il continente asiatico fra Taiwan e la Cina approda nella città di Ancona. Ad arricchire la mostra il nucleo della nuova Sezione itinerante del Museo Omero che si sta allestendo grazie al sostegno ricevuto per il progetto dalla Società Arcus, Società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo di Roma.

Da oggi fino al 21 ottobre il Museo Omero, anche in vista di questo potenziamento delle attività, sospende le visite alla collezione, mantenendo attivi tutti gli altri servizi: segreteria, uffici accoglienza, attività di consulenza centro documentazione, etc. con i seguenti orari: dal martedì al venerdì 9 – 13 e 15 -18; lunedì e sabato 9 – 13.

Laboratorio per famiglie alla Biennale Marche

Locandina Martedi' alla Mole

Martedì 27 settembre, 25 ottobre, 22 novembre 2011
Ancona, Mole Vanvitelliana

Lo staff dei servizi educativi del Museo Omero organizza, presso la Mostra Padiglione Italia Piccole Biennali – Marche ospitata alla Mole Vanvitelliana di Ancona, laboratori per bambini e famiglie nei seguenti giorni: 27 settembre, 25 ottobre, 22 novembre, dalle ore 17 alle 19.

Il tema scelto? Il corpo!

“La Mappa del tuo corpo” è il titolo del laboratorio: un percorso originale e accessibile per avvicinare bambini (dai 4 agli 11 anni) e famiglie all’arte contemporanea.

Durante il laboratorio piccoli e grandi, con a disposizione una sagoma di un corpo in movimento, potranno divertirsi a riconoscere tutte le parti del corpo, potranno decorarle con i diversi materiali a disposizione, fare annotazioni, scrivere, scarabocchiare sul proprio corpo…insomma realizzare una sorta di “mappa tattile” …che racconta di te!

Alla realizzazione di questa iniziativa collaborano le volontarie del Servizio Civile Nazionale e Alessia Sanges e Thomas Kestelin del Servizio Volontario Europeo realizzato grazie al contributo dell’Unione Europea attraverso il programma “Gioventù in azione”.

Informazioni

Prenotazione: obbligatoria.
Date: martedì 27 settembre, martedì 25 ottobre, martedì 22 novembre 2011.
Orario laboratorio: 17.00 – 19.00.
Ingresso alla mostra + attività: 5 euro. Gratuito per persone disabili.
Dove: Mole Vanvitelliana, Banchina di Chio, 28, Ancona.
Telefono: 071 28 11 935.
Email: info@museoomero.it – didattica@museoomero.it

Progetto di Servizio Civile – Bando 2011

Un nuovo spazio per la multisensorialità quale canale d’integrazione

(Bando 2011 pubblicato nella gazzetta n. 75 del 20 settembre 2011 – 4°serie speciale – concorsi ed esami)

Il Museo Tattile Statale Omero accoglierà presso la propria sede 4 volontari in Servizio Civile Nazionale con il progetto “Un nuovo spazio per la multisensorialità quale canale d’integrazione”.

La domanda redatta in carta semplice, secondo il modello in Allegato 2 del bando, con firma autografa e fotocopia di documento di identità, corredata dalla scheda all’Allegato 3, contenente i dati relativi ai titoli di ammissione, dovrà pervenire a mezzo posta o a mano entro le ore 14.00 del 21 ottobre 2011 al seguente indirizzo:

Museo Tattile Statale Omero, Via Tiziano 50, 60125 Ancona.

Ai volontari che parteciperanno al progetto del Museo Tattile Statale Omero saranno riconosciuti crediti formativi e tirocinio con l’Università degli Studi di Urbino.

I volontari che parteciperanno al progetto potranno acquisire, inoltre, competenze altamente specifiche:

  • in campo dell’educazione ed estetica per i minorati della vista,
  • accoglienza e assistenza ai disabili in particolare ai non vedenti,
  • didattica plurisensoriale,
    che saranno certificate e riconosciute dall’Ente terzo I.Ri.Fo.R, Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione onlus, e dall’ente proponente.

Modalità di selezione dei volontari

Questo Ente per provvedere alla selezione dei volontari utilizza le metodologie già utilizzate per i concorsi pubblici che prevedono: L’istituzione della commissione, L’acquisizione e la verifica delle domande, La convocazione dei candidati (tramite lettera e tramite la comunicazione via email e sul sito internet), L’attribuzione del punteggio ai titoli (vedi qui di seguito), L’attribuzione del punteggio alla prova di selezione (vedi qui di seguito), La redazione del verbale della selezione, La stesura della graduatoria, La comunicazione all’ufficio per l’approvazione, La pubblicazione sul sito internet della graduatoria provvisoria.

I criteri di valutazione sono i seguenti:

Attribuzione punteggio

Punteggio massimo 60

  • Colloquio:
    motivazione e attitudini relazionali, forte disponibilità nei confronti dell’espletamento del servizio (massimo 30 punti).
  • Titoli:
    Possesso di patente di guida B (2);
    Diploma scuola media superiore (Istituto d’Arte 8, licei 7, istituti tecnici 5, ragioneria 7, senza diploma superiore 0);
    Laurea triennale (materie artistiche/umanistiche/sociali 5, materie economiche/turistiche/scientifiche 4) o Laurea (materie artistiche/umanistiche/sociali 8, materie economiche/turistiche 7, materie scientifiche 5);
    Specializzazione (5).
  • Esperienze:
    lavorative o di volontariato nel settore (massimo 7) in altri settori (massimo 3).

Allegati

24 e 25 settembre: una due giorni dedicata ai bambini e alle famiglie

24 e 25 settembre 2011, ore 17.
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

Il Museo Omero anche quest’anno partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio e per l’occasione propone un libricino intitolato “Il Museo a portata di mano”, dedicato ai piccoli visitatori (dai 3 ai 10 anni), che li invita a scoprire in autonomia le opere della collezione in modo divertente e giocoso. L’arte è bellezza e la bellezza non ha età e non ha privilegi, deve pertanto essere accessibile a tutti.

Il libricino ha una duplice funzione dunque: la prima come guida che svela la particolarità del Museo attraverso l’esplorazione tattile della sua collezione e l’altra come un taccuino da scrivere, disegnare, scarabocchiare e portare a casa in ricordo giornata. L’esperienza è conoscenza e la conoscenza avviene anche e soprattutto attraverso il gioco. Non sorprenderà allora vedere piccoli visitatori immaginare di fare surf insieme a Poseidone o sfidare in altezza il David di Michelangelo.

Tutte le famiglie sono invitate a partecipare!

Alla realizzazione di questa iniziativa collaborano le volontarie del Servizi cCivile Nazionale e Alessia Sanges e Thomas Kestelin, volontari del Servizio Volontario Europeo realizzato grazie al contributo dell’Unione Europea attraverso il programma “Gioventù in azione”.

Informazioni

Date: 24 e 25 settembre 2011.
Orario inizio visita e laboratorio: 17.00.
Durata: 90 minuti circa.
Ingresso al museo: gratuito.
Costo libricino: 6 euro.
Dove: Museo Tattile Statale Omero, Via Tiziano 50, Ancona.
Telefono: 071 28 11 935.
Email: info@museoomero.it – didattica@museoomero.it

Il Cristo Rivelato di Felice Tagliaferri alla Chiesa San Domenico di Ancona

Cristo rivelato, statua

Dal 13 settembre al 16 ottobre 2011.
Chiesa San Domenico, Piazza del Plebiscito, Ancona.
Giovedì 13 ottobre, ore 17.00, incontro con l’artista Felice Tagliaferri.

Dopo un lungo peregrinare finalmente la mostra itinerante “Cristo rivelato” di Felice Tagliaferri arriva ad Ancona.

Il Museo Tattile Statale Omero, che da anni promuove e sostiene l’attività dello scultore e da novembre 2010 segue il “Cristo rivelato” nelle sue tappe per l’Italia – da Sala Bolognese a Napoli, da Messina a Rimini passando per Bologna – è lieto di presentare la mostra presso la Chiesa San Domenico.

L’inaugurazione è prevista per martedì 13 settembre 2011 alle ore 17,00 alla presenza delle autorità locali, dello scultore e della Direzione del Museo Omero. L’opera viene presentata al pubblico dopo essere stata esposta a Colle Ameno, sede scelta da Papa Benedetto XVI per la sua permanenza in città in occasione del Congresso Eucaristico Nazionale (11 settembre).
La mostra, ospitata nella splendida cornice della Chiesa San Domenico, grazie alla disponibilità del Convento dei Padri Domenicani, potrà essere visitata , dal 13 settembre al 16 ottobre, nei seguenti orari: lunedì: sabato 9.00 – 12.00; 17.00 – 18.00; domenica 10.30 – 11.30; 17.00 – 18.00. Opearatori museali saranno sempre presenti per proporre esperienze di lettura tattile della scultura.

La scultura, 180 x 80 x 50 cm, è un’opera in marmo di Carrara, che riproduce il corpo di Cristo a grandezza naturale appena deposto dalla croce, avvolto nel sudario; ci sono la croce di spine, appoggiata accanto ai piedi, i chiodi, la tenaglia che li ha estratti prima della deposizione. L’opera nasce da una storia speciale di denuncia. Nell’aprile del 2008 fu impedito a Felice Tagliaferri, cieco dall’età di 14, di vedere a suo modo, cioè con le mani, il “Cristo velato” di Giuseppe Sanmartino nella Cappella Sansevero di Napoli. Da questo divieto Tagliaferri decide di realizzare una sua personale versione della scultura, una scultura tattile dal doppio significato, “velato per la seconda volta” e “svelato ai non vedenti”, che possono leggere la pietra toccandola con le mani.

Proporre la scultura di Felice Tagliaferri in concomitanza con il Congresso Eucaristico Nazionale e con la presenza del Santo Padre, assume un alto significato simbolico e si inserisce in quell’ambito culturale e sociale che reclama e promuove l’accesso e la fruizione totale all’arte e ai beni culturali che il Museo Omero persegue da più di 10 anni.

Orari:

13 Settembre – 16 Ottobre.
Lunedì – Sabato: 9.00 – 12.00; 17.00 – 18.00.
Domenica: 10.30 – 11.30; 17.00 – 18.00.

Dove:
Chiesa San Domenico, Piazza del Plebiscito, Ancona

In collaborazione con:

  • Associazione “Per il Museo Tattile Statale Omero” Onlus
  • Convento dei Padri Domenicani
Mani toccano il volto del Cristo
Il Cristo rivelato nella Chiesa di San Domenico