Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Convenzione fra il Museo tattile statale Omero e l’Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS

29 Novembre 2008.

In base alla Convenzione sottoscritta dalle parti l’Associzione “Per il Museo tattile statale Omero ONLUS” sosterrà le iniziative promosse dal Museo tattile statale “Omero” tramite iniziative:

  • di beneficenza, di istruzione (supportando gratuitamente il Museo Tattile Statale OMERO, con attività di volontariato o provvedendo a fornirgli i necessari strumenti, anche finanziari, nei corsi di istruzione da esso offerti per la crescita e l’integrazione culturale dei minorati della vista e nel diffondere tra essi la conoscenza della realtà),
  • di formazione (supportando gratuitamente il Museo Tattile Statale OMERO, con attività di volontariato o provvedendo a fornirgli i necessari strumenti, anche finanziari, nei corsi di formazione e aggiornamento da esso offerti per istruire gli operatori affinché siano educati all’integrazione sociale delle persone diversamente abili ed in grado di favorire la creatività, l’espressività e l’apprendimento degli alunni, anche con abilità diverse),
  • di tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico e storico di cui alla legge 1 giugno 1939, n. 1089 (con attività di volontariato utili allo scopo, con donazioni in denaro, beni e servizi al Museo Tattile Statale OMERO, finalizzate a tale attività),
  • di promozione della cultura e dell’arte (si ritiene infatti che, tramite il coacervo delle azioni sopra descritte, oltre a far si che queste raggiungano il loro specifico obiettivo diretto, nel contempo siano trasversalmente caratterizzate dal correlato effetto di promozione della cultura e dell’arte),
  • di tutela dei diritti civili (si ritiene infatti che, tramite il coacervo delle azioni sopra descritte, oltre a far si che queste raggiungano il loro specifico obiettivo diretto, nel contempo siano trasversalmente caratterizzate dal correlato effetto di tutela dei diritti civili dei minorati della vista e delle persone diversamente abili in genere).

­La Associazione “Per il Museo Tattile Statale OMERO Onlus”, potrà fungere da “agevolatore” per le persone, istituzioni, enti e società che abbiano a cuore la meritoria istituzione del Museo Tattile Statale OMERO ed il perseguimento dei suoi scopi precipui, affinché queste possano fornirgli il loro aiuto in modo organizzato, per permetterne la realizzazione delle finalità; per tale motivo, potrà raccogliere in proprio fondi, beni e servizi, spendendo il nome del Museo Tattile Statale OMERO, illustrandone le finalità, sollecitando gli interessati a partecipare, quali volontari della Associazione “Per il Museo Tattile Statale OMERO Onlus”, sia quali fruitori che quali ausiliari, alle iniziative che il Museo Tattile Statale OMERO vorrà intraprendere.

­I volontari dell’Associazione, identificati da apposito cartellino nominativo di riconoscimento, potranno frequentare gli spazi museali tutte le volte che ciò risulterà funzionale allo svolgimento degli interventi concordati.

I bilanci della Associazione e le deliberazioni del Consiglio Direttivo saranno messi a disposizione del Museo tattile statale “Omero” affinché questo possa compiutamente avere conoscenza di quanto intrapreso dalla Associazione a proprio favore.

­ Il Museo tattile statale “Omero” dal canto suo:

  • accetta di ospitare a titolo gratuito, presso gli spazi museali, la Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS, tutte le volte che questa ne avesse necessità per lo svolgimento delle proprie attività;
  • accetta inoltre di ospitare a titolo gratuito, presso il proprio sito web, una apposita sezione dedicata alla Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS e/o un apposito link idoneo a connettere direttamente il proprio sito a quello della della Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS.
  • ­terrà informata la Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS sui propri programmi al fine di permetterle di progettare interventi di supporto alle iniziative che il Museo tattile statale “Omero” deciderà di intraprendere.
  • accetterà le attività di volontariato che la Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS attiverà, a sostegno dei programmi del Museo tattile statale “Omero”, per cui tali interventi risulteranno utili, previo accordo sulle modalità di utilizzo degli stessi.
  • accetterà i fondi, beni e servizi, che la Associazione Per il Museo tattile statale Omero ONLUS vorrà erogargli, a sostegno dei programmi del Museo tattile statale “Omero”, per cui tali interventi risulteranno utili, previo accordo sulle modalità di utilizzo degli stessi.

Allegato

Le fonti dell’acqua, simboli della città da toccare: letture e visita guidata

Copertina del libro

Giornata Internazionale per i diritti delle persone con disabilità

In occasione della Giornata Internazionale per i diritti delle persone con disabilità promossa dalla Commissione Europea e dal Ministero per il Beni e le Attività culturali, il Museo Tattile Statale Omero, in collaborazione altri enti e istituzioni di Ancona – l’Archivio di Stato, Soroptimist International, l’Ente Nazionale dei Sordi, l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti – organizza una duplice iniziativa per conoscere alcuni luoghi simbolo della città.

Presentazione del libro “Le Fonti dell’acqua, note storiche sulle antiche fontane di Ancona”

Mercoledì 3 dicembre 2008 ore 16 al Museo Tattile Statale Omero, in via Tiziano 50

Parteciperanno Antonio Luccarini, la curatrice del volume Giovanna Maria Caporaloni, e Pamela Galeazzi, che leggerà alcuni brani utili a comprendere il legame della città con le sue fonti d’acqua attraverso i secoli. Seguirà rinfresco a cura del Soroptimist.
Grazie alla sensibilità dell’editore, per i disabili sensoriali presenti sarà a disposizione il libro in formato digitale.

Visita guidata alle antiche fontane di Ancona
Appuntamento presso le 13 cannelle, corso Mazzini

Venerdì 5 dicembre 2008 ore 15

Rodolfo Bersaglia e Giovanna Maria Caporaloni coducono una visita alla concreta scoperta delle fontane presenti in città.
La presenza di Andrea Socrati del Museo Tattile Statale Omero consentirà anche un’adeguata esplorazione tattile delle fonti d’acqua: una modalità di sperimentare la conoscenza dell’arte capace di arricchire e coinvolgere.
L’esperienza sarà integrata con materiali di ausilio per condurre in particolare il pubblico con disabilità visiva a comprendere fondamentali luoghi storici di Ancona.
La collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi di Ancona garantirà la traduzione degli interventi nella Lingua Italiana dei Segni.

Informazioni

Le iniziative sono gratuite. E’ gradita la prenotazione. Telefono 071 28 11 93 5, email: info@museoomero.it.

Successo per l’inaugurazione Umano Divino. Conoscere la Forma

Un Momento dell'inaugurazione

20 novembre 2008 – 31 gennaio 2009
Praga, Istituto Italiano di Cultura

Ambasciata d’Italia a Praga
Museo Tattile Statale Omero
iGuzzini Illuminazione

Una mostra per una esplorazione visiva e tattile

Alle 18 in punto del 18 novembre è stata inaugurata presso l’Istituto di cultura italiana di Praga la mostra dedicata al Museo Omero intitolata “Umano Divino. Conoscere la Forma”.

Di fronte alla copia del Satiro Danzante di Mazara del Vallo magistralmente illuminato dalla ditta iGuzzini, con un vero e proprio laboratorio che permette di dare personali interpretazioni della luce e agli ipovedenti di adattare l’elemento luminoso alla proprie esigenze individuali, erano presenti l’Ambasciatore d’Italia Fabio Pigliapoco, il Sindaco di Ancona Fabio Sturani, la Presidente della Provincia Patrizia Casagrande, l’imprenditore Adolfo Guzzini, il Presidente del Museo Roberto Farroni e il Direttore dell’Istituto di Cultura Umberto Rinaldi.

Con questa mostra il Museo Omero, autentica enciclopedia tridimensionale di storia dell’arte e unica struttura statale dedicata alla fruizione tattile di capolavori antichi e moderni, tocca un’altra grande città Praga, che sarà nel 2009 capitale europea per la cultura. Tutti gli intervenuti hanno sottolineato questo aspetto considerando la presenza del Museo nella capitale ceca come l’anticipazione di questo evento.

La rassegna, che rimarrà aperta fino al 31 gennaio 2009, è promossa dall’Ambasciata d’Italia a Praga, il Museo Tattile Statale Omero e iGuzzini, con il contributo della Presidenza del Consiglio Regionale delle Marche, della Giunta Regionale Marche della Provincia di Ancona e della Camera di Commercio di Ancona, del Birrificio Cerna Hora, e con il patrocinio del Comune di Ancona.

La rassegna, curata dall’architetto Massimo Di Matteo, raccoglie oltre venti sculture, fra le riproduzioni e gli originali del Museo Omero, (che tracciano un rapido excursus storico da Fidia, a Michelangelo, a Bernini) ed alcune opere dell’artista non vedente Felice Tagliaferri, opere legate tra loro dalla direttrice di significato contenuta nel titolo.

L’esposizione di Praga “corona gli sforzi compiuti per fare conoscere un’istituzione unica”- sottolinea il Presidente del Museo Omero Roberto Farroni – “che può contribuire ad accrescere in ogni paese la sensibilità per una cultura senza barriere”.

Informazioni

Orari mostra: dal lunedì al giovedì: 9.00 -13.00, 14.00 -18.00, venerdì 9.00 – 13.00. Dal 29 al 31 dicembre 2008 solo la mattina.
Chiusura: sabato e domenica, 24 e 26 dicembre; 1 e 6 gennaio.
Dove: Chiesetta palatina dell’ex Ospedale degli Italiani sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga. Šporkova 14 – 118 00 Praha 1 – Malá Strana.
Telefono: +420 257 090 681
Fax: +420 257 531 284
E-mail: iicpraga@esteri.it
Web: www.iicpraga.esteri.it

da sinistra Farroni, Sturani, Casagrande, Pigliapoco, Rinaldi, Guzzini

Allegato

Premio Zamenhof – Le Voci della Pace 2008

Lella Costa

Venerdi’ 28 Novembre 2008 ore 21,00
Teatro Sperimentale “Lirio Arena” – Ancona
Premio “Stoppoloni – Le Integrazioni Impossibili”

Lezione-Spettacolo
“Amleto” di Lella Costa, Giorgio Gallione, Massimo Cirri

Con Lella Costa. Regia Di Giorgio Gallione.
Presentano: Francesca Alfonsi e Andrea Carloni.

Ingresso Gratuito.
Si consiglia di prenotare il posto telefonando allo 071/36663 o inviando un’e-mail a: grassale@alice.it. Le prenotazioni potranno essere ritirate presso la Casa Musicale Ancona (ex Bucchi), c.so Stamira 68, Ancona o mezzora prima della manifestazione presso il Teatro Sperimentale.
Attenzione: le prenotazioni saranno valide fino alle ore 21,00 del 28 novembre 2008.

Riceveranno il Premio Zamenhof

Lella Costa per il suo impegno di attrice e di cittadina verso una cultura di pace che riscatti la condizione umana dalle catene delle ingiustizie, delle discriminazioni, dell’arroganza del potere.

Ernesto Olivero per la sua dedizione ad una fede che si traduce in un totale impegno di vita in soccorso di emarginati nel pieno rispetto delle culture e delle religiooni. Con il Sermig e l’Arsenale della Pace milioni di persone aiutano milioni di persone.

Centro Volontari Marchigiani. Un’associazione che sa unire idealità e concretezza nel promuovere la lotta contro la povertà e la miseria attraverso importanti interventi sociali e infrastrutturali nel così detto Terzo Mondo ed un effettivo impegno per l’interculturalità.

Riceverà il Premio Stoppoloni

Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie per la Bottega dei Sapori della legalità a Palermo, nuovo punto vendita, dopo Roma e Napoli. Dal’Associazine sono nati la legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’impegno contro la corruzione, le attività antiusura.
Sarà ricordata ELENA PASSINI, volontaria della Tenda di Abramo e presidente dell’Associazione “Free Woman”.

Organizza la Federazione Esperantista Italiana

Con il Patrocinio di
Regione Marche
Provincia Di Ancona
Comune Di Ancona
Museo Tattile Statale Omero

Con il Contributo di:
Immobiliare Elle
Mariotti Costruzioni
Rumori di Ancona

Si ringraziano:
Istituto Comprensivo Posatora
Piano Ovest, Materna “R. Margherita”
Casa Musicale Ancona
Economia e Cultura

Allegato

Umano Divino, Conoscere la forma, Praga

20 novembre 2008 – 31 gennaio 2009
Praga, Istituto Italiano di Cultura

Ambasciata d’Italia a Praga
Museo Tattile Statale Omero
iGuzzini Illuminazione

Il Museo Omero, unico museo tattile statale in Italia e modello internazionale nell’educazione artistica per minorati della vista, “tocca” un’altra grande capitale europea: Praga.
Sarà la città d’oro ad ospitare – nella splendida chiesetta palatina dell’ex Ospedale degli Italiani sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga, un’ampia parte della collezione del Museo all’interno del progetto espositivo Umano Divino, fortemente voluto dall’Ambasciatore d’Italia a Praga, Fabio Pigliapoco.

20 sculture dal Museo Tattile Statale Omero
Opere dell’artista non vedente Felice Tagliaferri

La rassegna raccoglie oltre venti sculture, fra le riproduzioni e gli originali del Museo Omero, (che tracciano un rapido excursus storico da Fidia, a Michelangelo, a Bernini) ed alcune opere dell’artista non vedente Felice Tagliaferri, opere legate tra loro dalla direttrice di significato contenuta nel titolo. “Umano Divino sono infatti due categorie distinte che in molte opere d’arte trovano contatti e contaminazioni significanti” – sottolinea il curatore architetto Massimo Di Matteo, spiegando il perché delle scelte e del percorso espositivo. Nell’arte greca antica, Umano e Divino si confondono in un unico modello di proporzioni armoniche (Apollo Strangford – Poseidone), il Tempio (Partenone) è dimora del Dio costruita dall’uomo; nell’occidente cristiano la rappresentazione centrale dell’arte sacra è il dolore umano inserito nel disegno divino di redenzione (Pietà di San Pietro e Pietà Rondinini di Michelangelo). Nell’esperienza mistica, Umano e Divino tendono ad incontrarsi tramite un percorso irrazionale (Satiro di Mazara del Vallo) o tramite l’estasi (Estasi di Santa Teresa, Gian Lorenzo Bernini, San Francesco, di Vittorio Morelli). “Nel linguaggio contemporaneo, conclude Di Matteo, le figure pregne d’umanità di Tagliaferri (dolci, sfumate, carnali, drammatiche come Maternità, Uomo che imita i cavalli), ci parlano del mistero della vita”.

Il Satiro danzante di Mazara del Vallo nel teatro luminoso de iGuzzini

A Praga anche il Satiro Danzante di Mazara del Vallo, dal progetto “Conoscere la Forma”: una perfetta copia della splendida scultura attribuibile al Prassitele, ritrovata nel Canale di Sicilia nel 1997 che l’Azienda iGuzzini ha rivisitato, in collaborazione con il Laboratorio di Fisica dell’Istituto Centrale per il Restauro di Roma e con l’apporto scientifico del Museo Omero, riuscendo così ad offrirne differenti ed emozionanti chiavi di lettura. La collaborazione tra Museo Omero e iGuzzini aveva già portato “Il Satiro Danzante” nel 2007 al Museo del Louvre in occasione della mostra “Praxiteles”.

Una mostra per una esplorazione visiva e tattile

Tutte le opere in mostra potranno essere esplorate tattilmente grazie alla collaborazione con la Galleria Nazionale di Praga e saranno supportate da ausili didattici audio e Braille, realizzati dalla SONS (Associazione non vedenti e ipovedenti della Repubblica Ceca). In questo contesto si è voluto inserire anche la riproduzione de “La Crocifissione di Ancona” di Tiziano (1556-8): un dipinto realizzato a rilievo su stampa fotografica, in resina trasparente, con una tecnica avanzata e sofisticata dal Centro Internazionale del Libro Parlato “A. Sernagiotto” di Feltre, una esemplificazione significativa tra gli strumenti conoscitivi tattili, relativamente a capolavori della pittura, di cui il Museo Omero intende dotarsi.
La rassegna, che sarà inaugurata il 18 novembre alle ore 18 con un evento speciale organizzato in collaborazione con l’Accademia dello Stoccafisso, si aprirà al pubblico giovedì 20 novembre e si protrarrà fino al 31 gennaio 2009.

Hanno detto

“Quella del Museo Omero è un’eccellenza di Ancona – ha commentato l’Ambasciatore Pigliapoco – che sono fiero di presentare a Praga. Sarà l’evento dell’anno, alla cui inaugurazione certamente parteciperà il Ministro alla Cultura della Repubblica Ceca, il Sindaco di Ancona Fabio Sturani, il Presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Umberto Rinaldi e molti esponenti delle istituzioni ceche e italiane”. “Verrà dato – ha proseguito l’Ambasciatore – il massimo risalto all’evento promuovendolo anche nelle scuole e nelle accademie perché sia fruito non solo dai non vedenti, naturalmente, ma da tutti”. L’esposizione di Praga “corona gli sforzi compiuti per fare conoscere un’istituzione unica”- sottolinea il Presidente del Museo Omero Roberto Farroni – “che può contribuire ad accrescere in ogni paese la sensibilità per una cultura senza barriere”.

Informazioni

Orari mostra: dal Lunedì al giovedì: 9.00 -13.00, 14.00 -18.00, venerdì 9.00 – 13.00.
Chiusura: sabato e domenica, 24 e 26 dicembre; 1 e 6 gennaio.
Dal 29 al 31 dicembre 2008 saremo aperti solo la mattina.
Dove: Chiesetta palatina dell’ex Ospedale degli Italiani sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga. Šporkova 14 – 118 00 Praha 1 – Malá Strana.
Telefono: +420 257 090 681
Fax: +420 257 531 284
E-mail: iicpraga@esteri.it
Web: www.iicpraga.esteri.it

Ideazione e coordinamento: Roberto Farroni.
Cura ed allestimento: Massimo Di Matteo.
Segreteria organizzativa: Annalisa Trasatti
Coordinamento tecnico: Petr Karda.
Sponsor tecnico: Etna.
Supporti per non vedenti: Massimiliano Trubbiani (Museo Omero), SONS.
Progetto grafico e foto: Visibilio di Maurizio Bolognini.
Video “La grande luce”: Gabrio Marinelli Editore, voce di Hana Benešová.
Comunicazione e ufficio stampa: Monica Bernacchia (Museo Omero), Economia&Cultura di Gabriella Papini.
Un particolare ringraziamento a: Umberto Rinaldi, Direttore dell’Istituto di Cultura Italiano a Praga, Jiří Fusek ,Direttore Birrificio Cerna Hora, Hubert Adamek, Responsabile marketing Birrificio Cerna Hora, Piergiovanni Ceregioli, Jacopo Messi, Catia Giaccaglia, Centro Ricerche iGuzzini, Vaclav Polasek e Jirina Polaskova, SONS.

Enti Promotori insieme al Museo Omero

Con il contributo di

Con il patrocinio di

In collaborazione con

Trasporti

Assicurazione

Traduzioni

Link esterno

Eccezionale visita tattile alla Galleria Nazionale di Praga

Centro storico della città di Praga

Praga, 18 al 23 novembre.

Sono circa 30 i non vedenti e gli ipovedenti provenienti da tutta Italia, che parteciperanno, con i loro amici, ad un viaggio speciale a Praga organizzato dal Museo Omero in occasione della Mostra “Umano Divino. Conoscere la Forma”.
Un viaggio all’insegna di emozioni plurisensoriali in una terra antica e ricca di fascino ed anche un nuovo impegno del Museo per rendere accessibile a minorati visivi i beni culturali di tutto il mondo e influenzare con la propria “cultura senza barriere” altri Musei internazionali, come la Galleria Nazionale di Praga.

Mercoledì 19 novembre, infatti, il gruppo accompagnato dalla collaboratrice del Museo Omero, Manuela Alessandrini, sarà al “Veletržní Palác” – Galleria Nazionale di Praga, per visita guidata accessibile organizzata appositamente dallo staff. La Direzione della Galleria ha concesso, in via eccezionale, la possibilità di toccare circa 40 opere d’arte originali delle collezione, sculture che vanno da Auguste Rodin all’Arte Contemporanea, e ha anche organizzato esercizi di drammatizzazione per approfondire la conoscenza delle opere.

Un’esperienza unica che porterà i partecipanti a diretto contatto con celebri sculture francesi (come “L’età del Ferro” di Rodin o “Pomona” di Aristide Maillol), sculture ceche (“nvasione della Cecoslovacchia” di Vincenc Makovský o la “Testa di Prometeo” di Hana Wichterlová), sculture europee, (come “Balcone di luna” di Giacomo Manzù e “Composizione figurativa” di Henry Moore) e con opere di numerosi altri artisti.

Giovedì 20 novembre sarà poi la volta dell’apertura ufficiale della “Mostra Umano Divino, Conoscere la Forma”, e al gruppo sarà riservata una visita tattile per conoscere attraverso questo percorso le sculture dell’artista non vedente Felice Tagliaferri, diverse opere del Museo Omero, il famoso “Satiro di Mazara del Vallo” nella riproposizione di Iguzzini Illuminazione, e la traduzione a rilievo de “La Crocifissione di Ancona” di Tiziano (1556-8) realizzata dal Centro Internazionale del Libro di Feltre.

Un viaggio all’insegna della plurisensorialità, che non trascura gli altri sensi oltre al tatto e che include momenti di svago, la visita al centro storico della città con i suoi odori, suoni e sapori, la partecipazione a concerti, l’escursione al Castello di Konopiště, immerso in un meraviglioso Parco Naturale, e una cena nella Birreria più famosa e antica d’Europa, la birreria Ufleků, che festeggia i suoi 500 anni.

L'età del Ferro, Auguste Rodin, bronzo