Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Presentazione dei servizi educativi del Museo per l’anno scolastico 2006-07

Roberto Farroni- Carla Virili Sono stati presentati ieri, mercoledi' 27 settembre, alla stampa presso la sala conferenza del Museo i Servizi Educativi per l'anno scolastico 2006-2007: percorsi didattici e formativi rivolti alle scuole di ogni ordine e grado e accessibili alle persone non vedenti e ipo-vedenti. Dopo l'introduzione del Presidente Roberto Farroni, che ha sottolineato l'unicità, la qualità e ampiezza dei Servizi, il Prof. Andrea Socrati, responsabile dei progetti insieme al Prof. Aldo Grassini ha esposto i quattro cardini della funzione educativa del museo ovvero i laboratori didattici di arte, archeologia e poesia, il servizio di educazione artistica ed estetica per non vedenti e ipovedenti, i corsi di formazione e aggiornamento, il centro di documentazione. E' intervenuto quindi il Direttore generale dell'Ufficio Scolastico Regionale Michele De Gregorio, che ha evidenziato la necessità del museo di promuovere le attività oltre i confini regionali, l'Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Ancona Carla Virili, che ha sottolineato la preziosità del museo per un recupero plurisensoriale della conoscenza della realtà, l'Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Ancona Stefania Ragnetti che ha ricordato la tenacia dell'Unione Italiana ciechi di Ancona nel volere fortemente questo Museo. Nel dibattito finale hanno preso la parola la Dirigente dell'Istituto comprensivo Archi Cittadella di Ancona Prof.ssa Marchegiani per esaltare la valenza estetica del Museo e la Dott.ssa Frapiccini del Museo Archeologico Nazionale delle Marche per portare la propria esperienza didattica. Al termine dell'incontro è stata donata alle autorità presenti una scultura "tattile" realizzata dall'artista Graziani riproducente la facciata del Duomo di San Ciriaco.