Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

10 settembre: “Il Rinascimento oltre l’immagine” la mostra si apre alla città

Dovizia

10 settembre 2015 ore 18.15
Prenotazioni chiuse!

La Coop. Opera propone un itinerario volto alla scoperta dei capolavori del XV secolo presenti ad Ancona: la chiesa di San Francesco alle Scale, la Loggia dei Mercanti, la facciata della chiesa di Sant’Agostino. Il percorso si concluderà con la visita multisensoriale alla mostra “Il Rinascimento oltre l’immagine” organizzata dal Museo Tattile Statale Omero negli spazi della Mole Vanvitelliana: in esposizione originali di Donatello, Verrocchio, Della Robbia, Veronese, Giambologna e molti altri.

Al termine della visita, per chi vorrà, ci sarà la possibilità di gustare un aperitivo presso la corte della Mole Vanvitelliana.

Appuntamento: ore 18.15 in piazza San Francesco alle Scale.
Costo a partecipante:
solo itinerario euro 3,00;
itinerario e visita alla mostra euro 6,00;
itinerario e visita alla mostra e aperitivo: euro 14,00.
Info e prenotazioni: prenotazioni@opera-coop.it

1 settembre: al Museo 40 ragazzi del trofeo di calcio internazionale giovanile Noi in gioco per la Macroregione Adriatico Ionica

locandina

1 settembre: in visita al Museo Omero 40 ragazzi partecipanti alla terza edizione dell’evento sportivo, culturale e turistico “Noi in gioco per la Macroregione Adriatico Ionica” rivolto a giovani giocatori di calcio croati e italiani.

Si tratta di due tornei di calcio, disputati rispettivamente nelle città di Ancona e Spalato, con una formula che integra i momenti di gioco con l’incontro e l’approfondimento di alcune tematiche connesse alla Macroregione e al processo di coesione territoriale fra le comunità rivierasche.

Il progetto si propone i seguenti obiettivi:

  • la pratica dello sport, come occasione d’incontro tra le giovani generazioni nel segno del gioco e dei valori sportivi. Un linguaggio non verbale come veicolo di confronto dinamico, di amicizia e di stima, di volontà e abnegazione, di sacrificio e impegno, del gioco di squadra, della riscoperta dell’altro e delle comuni radici culturali proprie del bacino Adriatico Ionico;
  • il dialogo culturale, inteso come recupero della memoria storica, strumento di dialogo, ascolto e valorizzazione dell’identità e pluralità delle culture e dei popoli, linguaggio comune e multilivello, depositario di saperi, amore per le cose belle e ricche di emozioni. La cultura come sostegno alle politiche di partenariato, alla costruzione di occasioni di mobilità fra i giovani e di gemellaggi fra scuole e realtà della società civile;
  • il turismo giovanile e sportivo, come opportunità per la conoscenza delle città e dei territori, del loro millenario patrimonio storico, artistico e architettonico. Un turismo sostenibile, alla portata dei giovani, promosso attraverso gli scambi (gemellaggi) e la mobilità in ambito scolastico e lavorativo (alternanza scuola/lavoro). Il turismo rappresenta uno dei pilastri della strategia della Macroregione sul quale costruire straordinarie possibilità di sviluppo dell’occupazione – specie giovanile – e di benessere.
  • la trasmissione di stili di vita sostenibili e la corretta alimentazione nell’anno dell’Expo di Milano centrato sul tema “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”. La collaborazione con la cooperativa “La Terra e il Cielo” – partner di progetto – che da anni coltiva biologicamente molti territori delle Marche e commercializza i suoi prodotti biologici in diversi paesi del mondo darà un valore aggiunto all’iniziativa e consentirà di far riflettere i giovani sulla corretta alimentazione e sull’uso del territorio per lo sviluppo sostenibile.

Il tema della III° Edizione – anno 2015:

Il tema scelto quest’anno riguarda in particolare il dialogo tra culture. Il torneo, durante la fase svolta in Italia sarà ospitato all’interno del Festival Adriatico Mediterraneo e affronterà le diverse prospettive del dialogo tra genti, culture, spiritualità di popoli e comunità adriatiche. Con la scelta di tale tema s’intende sottolineare la dimensione del dialogo tra le culture come strumento di integrazione / inclusione sociale ed economica. Un tema sempre più attuale, reso ancora più urgente dal forte processo immigratorio originato dalla fuga di migliaia di profughi e richiedenti asilo, provenienti – attraverso il mare -dalle zone martoriate dalla guerra e dalla povertà. Un inarrestabile processo di globalizzazione che sgretola i confini degli stati e universalizza le risorse ma anche le criticità. In questo contesto, il dialogo nella società multietnica e multiculturale interreligiosa, diventa la condizione essenziale della convivenza civile, che allontana la diffidenza e la paura verso l’altro e rilancia il rispetto e la valorizzazione reciproca.

Cronoprogramma della manifestazione:

  • 1° Fase: Ancona (Italia) – 1/2 settembre 2015, in prossimità della Festa del Mare;
  • 2° Fase, Spalato (Croazia) – 22 settembre 2015.

Durante la prima fase, quando a inizio settembre saranno presenti ad Ancona i giovani atleti e i rappresentanti della Croazia (Spalato), è previsto un evento nel quale i calciatori e atleti di altre discipline, parteciperanno ad un momento celebrativo (fiaccolata di martedì 1° settembre dalle ore 20.30 alle ore 21.15 dei giovani italiani e croati. Il percorso individuato va da via del Fornetto in prossimità dell’ingresso del parco da poco inaugurato, fino al parco di via Grotte di Posatora, il ritrovo dei giovani sarà dalle ore 20.00 al punto di partenza, a se), nel segno dell’incontro e del dialogo, dove ogni espressione di cultura, religione, lingua differente può ritrovare piena cittadinanza. L’iniziativa si collocherà all’interno del Festival Internazionale Adriatico Mediterraneo con uno spettacolo di Street Style Dance che si terrà alle ore 21,30 di martedì 1 settembre appena dopo la fiaccolata al parco belvedere di Posatora. L’articolazione del programma e lo svolgimento dei rispettivi tornei è consultabile sulle locandine allegate.

Comitato promotore e partners

Ogni edizione del progetto “Noi in gioco per la Macroregione” è stata sostenuta da un ampio partenariato, tra cui l’Associazione Sportiva Giovane Ancona Calcio, il Comune di Split, il Segretariato generale permanente per l’Iniziativa Adriatico Ionica, l’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, la Regione Marche, il comune di Ancona, i Fora delle Città e delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio, il Coni delle Marche, il Comune di Arcevia, il Festival Adriatico Mediterraneo, la cooperativa La Terra e il Cielo, l’Arcidiocesi di Ancona Osimo, l’associazione Marchigiando, l’associazione Bandiere Arancioni, il Museo Omero, Il Settore Giovanile e Scolastico della FIGC. Anche per quest’anno numerosi partner hanno già aderito. Sponsor principale sarà il Gruppo Schiavoni inoltre la compagnia di navigazione SNAV.

Il Museo Omero crocevia di culture

Il Museo Omero si conferma un museo oltre le barriere e i confini, sensoriali, culturali e linguistici.

Un gruppo di giapponesi della comitiva ”I.A.M.G. Inclusive access to musem and galleries” e oltre 100 esperantisti provenienti da 20 Paesi diversi fra cui Cuba, Brasile e Russia hanno visitato negli ultimi giorni il Museo Tattile Statale Omero e la mostra Il Rinascimento oltre l’immagine.

Un transito di culture diverse alla Mole Vanvitelliana, persone arrivate nel capoluogo dorico per apprezzare i capolavori della scultura occidentale attraverso un inedito approccio tattile.

Il team di giapponesi, guidato HANZAWA Kozue e composto anche da non vedenti, ha approfondito nell’arco di 3 giorni (22 -24 agosto) la conoscenza della collezione e dei servizi educativi correlati; il folto gruppo di esperantisti, fra cui 30 non vedenti, partecipanti all’82° Congresso nazionale esperantisti (San Benedetto del Tronto, 22-29 agosto) è stato accompagnato da Aldo Grassini e Daniela Bottegoni, fondatori del Museo Omero e da sempre appassionati esperantisti.

gruppo digiapponesi in visita

gruppo esperantisti