Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Mostra “Dirà l’argilla” La mano, la terra, il sacro di Paolo Annibali

8 novembre 2014 – 15 febbraio 2015. Prorogata al 15 Marzo 2015.
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

“Qui lo scultore s’impegna nel più alto gradino dell’imitazione, facendo il vice del creatore primo”. Erri De Luca

A cura di Flaminio Gualdoni.

La terracotta può esser toccata, esplorata con le mani, accarezzata ed è il materiale ideale per una mostra tattile. Ha quindi un particolare significato la mostra di Paolo Annibali “Dirà l’argilla. La mano la terra il sacro”, inaugurata l’8 novembre nelle sale vanvitelliane del Museo Tattile Statale Omero con grande successo di pubblico.
21 grandi sculture in terracotta più 21 splendidi disegni realizzati negli ultimi tre anni, secondo un progetto unitario pensato per il Museo. Tutto da vedere e da toccare, fruibile da parte di visitatori vedenti e non vedenti poiché alcuni disegni saranno realizzati in 3D. Viene realizzato anche un catalogo da De Luca Editori d’arte con le foto di tutte le opere e gli interventi del curatore Flaminio Gualdoni, di Erri de Luca e del presidente del Museo Omero Aldo Grassini.

Annibali porta in mostra il suo percorso artistico e ci permette di scoprire gli angoli più intimi del suo laboratorio, per poi arrivare in una sorta di ipotetico tempio dove però i personaggi non sono dei ed eroi, ma figure femminili impegnate in gesti della normale quotidianità, come il truccarsi o specchiarsi.

La mostra è promossa dal Museo Tattile Statale Omero (che ha già nella sua collezione 4 opere di Annibali), con il Patrocinio della Regione Marche, in collaborazione con l’Associazione Per il Museo Omero Tattile Statale Omero ONLUS. Sponsor tecnici: Adriatica Legnami s.r.l., Cotto Santa Maria della Petrella s.r.l., Mobilificio Binni s.n.c.

Info mostra

Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio, 28 – 60121 Ancona
Email: info@museoomero.it
Telefono 071.2811935

Ingresso: libero.
Orario dal giovedì al sabato ore 16-19; domenica e festivi ore 10-13 e 16-19.
Apertura straordinaria per gruppi e scuole.
Chiuso: 25 e 31 dicembre.
Catalogo mostra: 104 pagine, costo 20 euro (in mostra: 16 euro).
Iniziative speciali “Una domenica al mese”: incontri, visite e attività il 30 novembre, 28 dicembre, 18 gennaio, 1 febbraio.
Visite guidate e laboratori didattici a cura dei Servizi educativi del Museo Omero.
Prenotazione obbligatoria. Costo: euro 3,70 per gruppi e scuole (esclusi docenti); euro 4,00 per singoli e famiglie. Gratuito disabili e accompagnatori, bambini 0 – 4 anni. Tel.071 28 11 93 5 (dalle 9.00 alle 14.00), e-mail: didattica@museoomero.it.

Allegato

Link esterni

7 novembre: il Museo Omero alla Fiera ABCD+orientamenti di Genova

logo

Anche quest’anno il Museo Tattile Statale Omero partecipa all’ABCD+Orientamenti, l’appuntamento nazionale di riferimento per il mondo della scuola, della formazione e dell’educazione (Fiera di Genova, 5-7 novembre 2014).

Il Museo sarà ospite dello stand istituzionale della Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale del MiBACT con il Centro per i servizi educativi del museo e del territorio, che in tale occasione offre ad un gradissimo numero di visitatori di tutte le età, presso il proprio stand, incontri, materiale informativo, laboratori per ragazzi e bambini, che raccontano le attività del Ministero nel campo dell’educazione alla conoscenza del patrimonio culturale.

Venerdì 7 novembre 2014 ore 10.00 – 11.00 con replica ore 11.00 – 12.00 al Tavolo 1 dello stand del MiBACT, il Museo Omero propone il laboratorio, coordinato da Andrea Sòcrati e condotto con le Volontarie del Servizio Civile Nazionale Francesca Davide e Ilaria Durisotti, “Arte, simboli e antiche tradizioni. Viaggio tecnologico e multisensoriale nella cultura ebraica all’insegna della conoscenza e dello scambio interculturale”. Un percorso di intercultura e plurisensorialità rivolto alla primaria e alla secondaria di primo grado, alla scoperta dei simboli e delle tradizioni ebraiche esplorando tattilmente una ricostruzione della menorah (una lampada ad olio a sette braccia), della torah (il documento primario dell’ebraismo) di un shofar (un piccolo corno di montone utilizzato come strumento musicale) e di un besamin (un contenitore di spezie) e di diverse tavole a rilievo. I ragazzi potranno realizzare una personale torah scrivendo il loro nome in ebraico e ogni ragazzo potrà costruire un “mattone” attrverso materiali diveri a disposizione per poi fabbricare insieme a tutti i suoi compagni di classe il Muro del Pianto su cui lasciare messaggi di auguri e auspici.

La manifestazione ABCD+Orientamenti sarà aperta da mercoledì 5 a venerdì 7 novembre 2014 con i seguenti orari:
mercoledì 5 dalle 9.00 alle 18.30
giovedì 6 dalle 9.00 alle 23.00
venerdì 7 dalle 9.00 alle 18.30

Sei mesi di esperienza al Museo Omero: con noi una nuova tirocinante

Dal 3 novembre 2014 al 30 aprile 2015 svolgerà il proprio tirocinio presso il Museo Tattile Statale Omero Maria Giulia Alba, laureata in Archeologia Classica all’università “Sapienza” di Roma. Maria Giulia è risultata vincitrice del bando “Torno Subito”, rivolto a studenti universitari e laureati della regione Lazio che vogliono condurre un’esperienza di apprendimento innovativa, finanziata attraverso il Programma Operativo del Fondo Sociale Europeo.

Maria Giulia ha già collaborato con il settore “Servizi Educativi” della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, la quale annovera tra le sue prestigiose sedi il Museo Nazionale Romano (che raggruppa i musei di Palazzo Massimo, Terme di Diocleziano, Palazzo Altemps e Crypta Balbi), il Colosseo, il complesso archeologico del Foro Romano – Palatino, le Terme di Caracalla, Ostia Antica e i monumenti della via Appia Antica.

La Soprintendenza Archeologica di Roma e il Museo Tattile Statale Omero sono stati scelti da Maria Giulia come partner del suo progetto: i sei mesi di permanenza al Museo Omero le serviranno a conoscere da vicino l’ambito della didattica museale per non vedenti e, soprattutto, le tecniche di realizzazione di mostre e percorsi tattili. Lo scopo sarà quello di acquisire una formazione utile a porre le basi per la futura realizzazione dei primi percorsi tattili in alcuni dei siti e musei sopra citati della Soprintendenza Archeologica di Roma.