Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Il Presidente della provincia di Ancona Patrizia Casagrande in visita ufficiale

Conferenza stampa

Presidente Provincia Ancona e Presidente Museo Omero
su Maratonarte (come si può contribuire) e futuro del Museo
in anteprima : visione spot televisivi.

Lunedì 1 ottobre 2007, ore 11.30 , Ancona, Museo Omero, Via Tiziano
Lunedì, primo ottobre, la Presidente della Provincia di Ancona, Patrizia Casagrande, sarà al Museo Omero in visita ufficiale e si incontrerà con il Presidente del Museo Roberto Farroni.
Un appuntamento di particolare rilievo per l’importanza che la struttura museale riveste per il territorio della provincia e per l’attuale momento di grande visibilità e risonanza conseguente alla partecipazione alla Maratonarte (la Telethon dell’arte dal 5 al 7 ottobre sulle reti RAI).

Oltre alla visita alle sale museali, alla collezione e agli apparati didattici e tecnologici, verranno ampiamente approfonditi l’attuale situazione in ambito finanziario e legislativo e le concrete possibilità offerte dalla Maratonarte. Su questo punto verranno esposte le novità sulle giornate televisive e sulle modalità per contribuire direttamente a sostenere il Museo e verranno proiettati in anteprima i tre spot televisivi che promuoveranno il Museo nei prossimi giorni e per tutto il tempo della Maratonarte. I due presidenti saranno lieti di parlare con i giornalisti su questi importanti temi.

Maratonarte: come e perché sostenere il Museo

Logo di Maratonarte

Il Museo Omero, nel suo genere, è unico in Italia e nel mondo.
Consente ai ciechi di poter conoscere attraverso il tatto i più grandi capolavori dell’arte di tutti i tempi.

Attivo dal 1993, il Museo Omero è l’unico museo tattile statale in Italia ed un modello d’eccellenza nello scenario internazionale delle opportunità culturali per i non vedenti.
Il prossimo trasferimento alla Mole Vanvitelliana sarà l’occasione per realizzare uno spazio culturale unico e fortemente innovativo, valorizzandone l’importanza scientifica.

Il Museo Omero di Ancona restituisce a chi “vede” con le mani, il diritto a godere della bellezza!

Provvisoriamente ospitato all’interno di un plesso scolastico, possiede una collezione di circa 200 opere che comprende: riproduzioni di capolavori della storia dell’arte internazionale, modelli architettonici in scala, reperti archeologici (provenienti dal Museo Archeologico Nazionale della Marche) e un’importante collezione originale di scultura moderna e contemporanea.

Si configura quindi come una vera e propria enciclopedia dell’arte a tre dimensioni. Supporti tecnologici e sussidi didattici rendono il percorso espositivo esplorabile autonomamente anche da non vedenti e ipovedenti. Nel 2008 si concluderanno i lavori per la nuova sede, situata all’interno della Mole Vanvitelliana: un’architettura unica, progettata nel ‘700 da Luigi Vanvitelli e divenuta nel tempo simbolo di Ancona. Qui, finalmente, il Museo potrà trovare ambienti adeguati alla realizzazione di un percorso espositivo ricco ed esaustivo, uno spazio attrattivo e tecnologicamente all’avanguardia, un allestimento didatticamente efficace, oltre alla possibilità di sviluppare ulteriormente il sistema dei servizi al pubblico e delle attività educative.

I fondi raccolti saranno impiegati per il suo prossimo e definitivo trasferimento alla Mole Vanvitelliana, dove si stanno ultimando i lavori di restauro commissionati dal Comune di Ancona.

Descrizione del progetto
L’autonomia di visita e la fruizione delle opere esposte al Museo sono strettamente dipendenti dalla dotazione di supporti tecnologici, apparati didattici e sistemi multimediali. La tecnologia attualmente in possesso del Museo (sistema Walk Assistant) presenta tuttavia dei limiti prestazionali poiché non è migliorabile né ampliabile. Il progetto prevede la realizzazione di un sistema tecnologico altamente innovativo e flessibile in grado di guidare, in modo automatico, le persone con minorazioni visive (ma anche i normodotati) fornendo loro, sia segnali e dati per individuare i percorsi utili, sia informazioni sui contenuti delle diverse sezioni e degli oggetti esposti. Altri obiettivi del progetto sono inoltre: lo sviluppo di contenuti multilivello e multilingua per supporti audio-video guida, la realizzazione di supporti didattici tattili, l’incremento della dotazione hardware e software del centro di documentazione e la realizzazione di prodotti multimediali a supporto della visita.

Puoi sostenere direttamente il nostro progetto tramite:

Gift Card:
Acquista una Gift Card da 3 euro in vendita presso gli Autogrill, i pubblici esercizi FIPE (Federazione Italiane Pubblici Esercizi), i punti vendita Agip aderenti all’iniziativa.

Carte di Credito:
Dall’Italia chiamando il numero verde 800 199 949 di American Express, per dare il tuo contributo mediante qualsiasi carta di credito.
Dall’estero chiamando il numero +39 06 622 94 667.

Donazioni online con qualsiasi carta di credito collegandoti via Internet all’indirizzo http://www.maratonarte.it.

Altre modalità di donazione:
Unicredit Banca:

Bonifico bancario al cc n. 10888810 Abi: 02008 Cab: 03272 presso tutte le Agenzie UniCredit Banca.
Donazione mediante gli sportelli Bancomat di Unicredit Banca accendendo nella sezione Altre funzioni.
Per i clienti UniCredit Banca con un bonifico gratuito attraverso la banca via Internet all’indirizzo: https://online-a.unicreditbanca.it/login.htm .

SMS:
SMS al numero 48545 per donare 2euro da tutti i cellulari.
SMS al numero 48558 per donare 5euro (solo per clienti Vodafone).

Mostra “Augusto capite velato”

Mani toccano la scultura

Inaugurazione sabato 29 settembre 2007, ore 17,30.
Ancona, Museo Tattile Statale Omero.
La mostra è stata prorogata dal  30 settembre a dicembre 2008.

Il Museo Tattile Statale Omero e La Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche in collaborazione con Effetto Luce Recanati organizza la mostra tattile, ”Augusto capite velato” ovvero il primo imperatore di Roma, scolpito con il capo coperto da un velo.
Una scultura eccezionale per l’abilità tecnica e la raffinatezza stilistica con cui è stato realizzata.

Un simbolo della magnificenza dell’impero romano che, purtroppo, dopo il terremoto del 1972, non ha per ora avuto la possibilità di essere esposto in modo permanente presso il Museo Archeologico Nazionale delle Marche, e che ritrova la meritata luce e la possibilità di essere ammirato dal pubblico.
E non saranno soltanto gli occhi ad apprezzare questo splendido volto scolpito nel candore del marmo, ma anche le mani dei non vedenti e di tutto il pubblico che potranno esplorare l’opera per ”assaporare” con emozione la memoria del tempo, il linguaggio della materia e la perfezione della forma.

Un evento unico che sottolinea l’impegno costante del Museo Omero per rendere fruibili le opere d’arte, anche quelle originali, reso possibile, ancora una volta, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche sempre vicina alla lotta per radicare e diffondere una cultura senza barriere.

L’opera, venuta alla luce nel 1863 nei pressi di Palazzo Ferretti ad Ancona, costituisce una rilevante testimonianza della prima epoca imperiale.
Si tratta di un ritratto di Cesare Augusto Ottaviano (63 a. C. – 14 d. C.) nell’abbigliamento tipico del Pontefice Massimo, la più importante carica religiosa romana, che doveva essere molto probabilmente collocato nel Foro della città.

Il confronto più immediato è con la statua di Augusto Pontefice Massimo che fu trovata in via Labicana, a Roma.
La pregevole fattura e la qualità del materiale del ritratto di Ancona ne fanno un oggetto di grande interesse. Le caratteristiche stilistiche permettono di datarlo negli ultimi anni del suo principato (inizi I sec. d. C.).
Una scultura di grande rilievo artistico e storico, segno di un’epoca, quella romana, in cui si andava formando l’identità europea, per celebrare degnamente la Giornata Europea del Patrimonio anno 2007.

Info

Museo Tattile Statale Omero;
Ingresso gratutito.
Dal Martedì al Sabato: 9 -13; 15-19;
Domenica: 16-19.30;
Chiuso: 22, 25 e 31 dicembre, 1 maggio.

Allestimento:
Massimo Di Matteo.

Segreteria Organizzativa:
Museo Tattile Statale Omero:
Manuela Alessandrini Cristiana Carlini;
Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche:
Nicoletta Frapiccini.

Attività didattiche:
In occasione della mostra sono previsti i “laboratori della mostra Augusto capite velato”:
Costo laboratorio euro 2.40 ad alunno;
Costo visita guidata euro 1.20 ad alunno;
Diversamente abili e accompagnatori gratuito.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:
Museo Tattile Statale Omero
Via Tiziano 50 – 60125 Ancona;
telefono 071 28 11 93 5;
fax 071 28 18 35 8.;
email: info@museoomero.it.

Ufficio stampa:
Gabriella Papini Economia & Cultura
telefono 071 20 06 48 – 20 79 60 3.

MaratonArte, conferenza stampa presso la sede Rai

Si avvicina la tre giorni che vede tra i 7 protagonisti di MaratonArte il nostro Museo.

Venerdì 25 settembre il presidente del Museo Omero, Roberto Farroni, accompagnato da Aldo Grassini, membro del Comitato di Direzione, sarà alla conferenza stampa presso la sede Rai di viale Mazzini per la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa indetta dalla Rai.
Saranno presenti il Presidente della Rai Petruccioli e, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Francesco Rutelli.

3 settembre, un nuovo concerto della Fisorchestra Città di Castelfidardo

La rassegna Sensi d’estate non è ancora terminata!

Su proposta della Fisorchestra e per accontentare le richieste del numeroso pubblico lunedì 3 settembre alle ore 21,30 si ripeterà il concerto della Fisorchestra Città di Castelfidardo che giovedì scorso non ha visto un ottimale svolgimento a causa di alcuni problemi tecnici.

Sarà dunque possibile ascoltare al meglio il ricco programma di questa orchestra composta da 16 elementi e unica in Europa, poiché usando come base la fisarmonica e speciali strumenti elettronici costruiti appositamente, riesce ad ottenere effetti ricchi di sonorità e timbriche sorprendenti: si ha la sensazione di ascoltare una grande orchestra sinfonica.

Il programma della serata si suddivide in due parti: una prima classico – sinfonica che comprende le più celebri sinfonie e brani orchestrali di Verdi, Rossini, Bizet, Strauss ed altri, una seconda parte dedicata alla musica popolare, etnica e di folklore, con brani di musica francese, spagnola, napoletana, sudamericana, celebri tanghi argentini ecc.

Durante l’intervallo sarà proiettato il video ”La grande Luce” realizzato e prodotto dall’editore Gabrio Marinelli, presente alla serata.

Non mancherà neppure il percorso interattivo lungo le sale del museo con spazi laboratoriali per cogliere e raccogliere tutte le emozioni originate dalla nostra energia psichica, alla base dell’albero delle emozioni.

La serata si concluderà, come di consueto, con un saluto a base di birra e gelato nel cortile del Museo Omero: la Birra ”Cerna Hora” prodotta con metodo artigianale, originaria della Repubblica Ceca, e il gelato della Gelateria artigianale Al Belvedere di Agugliano.

La serata è a scopo benefico per il Centro Oncologico dell’ospedale di Macerata diretto dal Dott. Luciano Latini.

L’appuntamento è al Museo Omero, via Tiziano 50, da dove si accede alla Terrazza del Palazzo Leopardi, sede della Regione Marche. La serata ha inizio alle ore 21.30. L’ingresso è libero.

Per informazioni: Tel. 0712811935, Email: info@museoomero.it

Il Museo Omero partecipa a Oscar dei sapori, dal 7 al 9 settembre

Dal 7 al 9 settembre Offida, Grottammare, San Benedetto del Tronto.

Tre giorni dedicati alle percezioni sensoriali di non vedenti e ipo-vedenti con stand espositivi, visite guidate, tavole rotonde, un concorso, degustazioni e spettacoli.

Un progetto di Confidustria Marche in collaborazione con Regione Marche, Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, PadmaLab, Museo Tattile Statale Omero.