Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Evento

Scultura originale

Evento

Originale

Autore
Loreno Sguanci
Data
1968
Periodo
Novecento
Dimensioni
102 cm in altezza, 98 cm in larghezza, 15 cm in profondità
Tecnica
scultura, intaglio, lucidatura a cera
Materiale
legno di noce africano
Spazio
'900 e Contemporaneo

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Sono idee che scendono per portare calore all’uomo, desideroso di seguire i misteriosi segni di una realtà che sfugge”, Loreno Sguanci.

“Evento” è una scultura originale creata nel 1968 dallo scultore pesarese Loreno Sguanci.

La grande scultura, dal diametro di circa un metro, è intagliata in legno di noce africano e presenta una forma leggermente ellittica, suddivisa in tre parti uguali: due fasce laterali simmetriche, lisce e levigate, e la parte centrale irregolare, rugosa, ricca di asperità e curvature.

L’artista sembra aver operato una sorta di taglio ideale nella parte centrale del cerchio che ha permesso all’involucro esterno, perfettamente levigato, di aprirsi in due per mostrare, in forte contrasto, il contenuto centrale. Come le tende di un palcoscenico si ritirano ai lati per fare spazio alla prima scena teatrale così le due fasce laterali si sono spostate ai lati per mostrare il “cuore” dell’opera e, forse, della materia: il legno, nella sua naturalezza, nodoso, sinuoso, scheggiato, bucato, con vuoti e pieni intagliati a mano con sgorbie di vario spessore.

L’opera presenta una marcata ricerca di contrasti: la perfezione del cerchio si contrappone alle forme organiche, casuali e non figurative del suo contenuto.

“Evento” rappresenta la nascita di una nuova vita e, in questo caso, Sguanci è il creatore. Nell’uso della forma circolare c’è anche una forte allusione al feto materno: un grembo racchiude in sé la vita che l’artista dischiude lasciando uscire, prorompente, la nuova vita.

Loreno credeva fermamente nella vita, era uno dei suoi più alti valori come uomo. Le opere del suo primo periodo, cosiddetto “organico”, sono basate su questo assioma: la vita genera altra vita.

Ascolta l’audio: Loreno Sguanci (puntata “Toccare l’arte alla radio” del 23 aprile 2020)