Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Eclisse

Oggetto di Design

Eclisse

Originale

Spazio
Collezione design
Designer
Vico Magistretti
Azienda
Artemide spa, Pregnana Milanese
Data
1965
Periodo
Novecento
Produzione
attualmente in produzione
Dimensioni
20 cm in altezza, 12 cm di diametro
Materiale
alluminio verniciato
Sezione
abitare
Premi
Compasso d'Oro - 9° edizione - 1967

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Industria e designer sono come pane e marmellata, hanno bisogno uno dell’altra” frase emblematica attribuita all’architetto Vico Magistretti, designer della lampada Eclisse. Questa frase in realtà ci spiega in maniera chiara e concisa la filosofia che sta alla base di tutti gli oggetti presenti in collezione Design, che per vedere la luce hanno avuto bisogno di certo del genio dei designer, ma non meno delle aziende che hanno fatto sì che arrivassero nelle nostre case.

L’idea che porta alla nascita nel 1965 di questo oggetto è del committente Ernesto Gismondi, fondatore dell’azienda Artemide, che chiede a Magistretti di creare una lampada che sia in grado di risolvere il problema della regolazione dell’intensità delle fonti luminose. Eclisse, una lampada da tavolo alta 20 centimetri in alluminio verniciato, riesce nell’intento grazie a due paralumi a forma di calotta sferica: una esterna, fissa, di 12 centimetri di diametro, e una interna, rotante, di 2 centimetri più piccola. L’ispirazione è il principio della lanterna cieca descritta da Victor Hugo ne “I miserabili”.

I due paralumi sono fissati in verticale a una base semisferica. La sorgente luminosa è collocata internamente ai due paralumi. Ruotando la calotta interna, la sorgente  si eclissa, ricordando l’eclissi di sole: si percepisce solo un alone luminoso circolare. La rotazione è avvantaggiata da una ghiera che si trova alla base del paralume interno. Nelle prime versioni si agiva sulla calotta riscaldata dall’incandescenza della lampada. In questo modo la lampada può fornire luce diretta o diffusa.

In collezione abbiamo la versione bianca affiancata a quella in arancione; oggi è ancora prodotta da Artemide anche in altri colori e finiture.

“Ma la ronda si rimise in cammino, lasciandosi alle spalle Jean Valjean, il quale, di tutto quel movimento, non scorse nulla, all’infuori dell’eclisse della lanterna”, Victor Hugo.

Ascolta l’audio: Eclisse – testo di Chiara Alessi e voce di Gianluca Paliotti

Approfondimenti: Eclisse sul sito Artemide