Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Cavallo e palafreniere

Scultura originale

Cavallo e palafreniere

Originale

Autore
Giorgio De Chirico
Data
1940 / 1986
Periodo
Novecento
Dimensioni
32 cm in altezza, 32 cm in larghezza, 19 cm in profondità
Tecnica
fusione, patinatura
Materiale
bronzo
Spazio
'900 e Contemporaneo

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Voglio bene agli animali perché li considero esseri indifesi, non protetti. Per questo li amo. Ogni vittima, ogni essere sopraffatto dalla prepotenza altrui gode di tutto il mio amore”, Giorgio De Chirico.

Cavallo e Palafreniere è una piccola scultura in bronzo, alta 32 centimetri, realizzata da Giorgio De Chirico nel 1940.

Il cavallo si è alzato, poggiando il peso sulle zampe posteriori, mentre il palafreniere, alla sua sinistra, cerca di trattenere l’impennata per le briglie. Il palafreniere, l’addetto alla cura del cavallo, è un giovane vestito solo di una corta e semplice tunica. Ben saldo sulle gambe divaricate, serra con forza le briglie del cavallo con la mano destra, mentre il braccio sinistro poggia lungo i fianchi. Il capo è ruotato e proiettato in alto, verso il muso del destriero, a cercarne gli occhi per rasserenarlo con lo sguardo. La presa, necessariamente ferma e autoritaria, è stemperata da questo gesto carico di tenerezza e intimità. Quest’opera ci racconta la relazione tra uomo e cavallo: un legame unico a tal punto da creare una sincronia emotiva.

I cavalli sono spesso protagonisti delle opere di De Chirico, che li riteneva gli animali maggiormente pittorici. Nelle sue creazioni vibrano e sono pieni di vita. I cavalli sono inoltre per l’artista una reminiscenza della Tessaglia, regione greca celebre per gli allevamenti di questi animali e sua terra natale.

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.