Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Bambina con cavallo

Scultura originale

Bambina con cavallo

Originale

Autore
Pierre Carron
Data
1992
Periodo
Novecento
Dimensioni
88 cm in altezza
Tecnica
fusione, patinatura
Materiale
bronzo
Spazio
'900 e Contemporaneo

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“L’immaginazione è il mezzo per visualizzare, per rendere visibile ciò che la fantasia, l’invenzione e la creatività, pensano”, Bruno Munari.

L’opera in bronzo, realizzata da Pierre Carron nel 1992, raffigura una bambina che gioca su un finto cavallo. La bimba, a cavalcioni sull’animale, stringe con le proprie mani una sottile e lunga asta che, innestata sul dorso del cavallo, sale verticalmente superando la statura della fanciulla e facendo raggiungere all’intera opera un’altezza di 88 centimetri.
Il suo viso, con le guance paffute, lo sguardo rivolto in avanti e un accenno di sorriso mostra un’espressione viva, compiaciuta nell’immaginare situazioni create dalla fantasia.
I suoi capelli, ricci e finemente descritti, sono raccolti nella parte alta della testa, lasciando così scoperta l’area del collo e delle spalle. La bimba indossa una canottiera e dei pantaloncini molto aderenti e ai piedi porta un paio di sandali.

Il cavallo ha il muso imbrigliato e rivolto in avanti; al posto delle zampe ha quelle lunghe e sottili di uno sgabello, innestate sotto al suo busto. Immediata è la sua funzione artificiale e giocosa del cavallo: riporta alla mente una giostra, un cavallo a dondolo.

La superficie manifesta al tatto tutte le irregolarità della materia prodotte in fase di modellazione: non è mai completamente liscia e il grado di finitura è volutamente lasciato quasi a livello di abbozzo, contribuendo così a produrre l’effetto di movimento, di un’opera brulicante di vita.

Una bambina colta nella sua realtà, nel suo fantasioso mondo di giochi e immaginazione: chissà quale avventura stanno vivendo lei e il suo fiero destriero? Il tema delle bambine ritratte durante il gioco, il sonno o la lettura è fortemente presente nell’arte di Pierre Carron, il quale realizza opere dall’impostazione formale e dalla saldezza plastica che ricordano la finezza scultorea tardo gotica e rinascimentale.