Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Novilara: il borgo dell’arte – Ricordando Loreno Sguanci

Loreno Sguanci al lavoro

Fino al 18 agosto 2013
Anfiteatro, Novilara (Pesaro)

L'evento "Novilara: il borgo dell'arte" nasce come idea di connubio tra arte e territorio. La prima edizione è dedicata al ricordo dello scultore, pesarese di adozione, Loreno Sguanci scomparso poco più di due anni fa. All'evento sono presenti maestri d'arte di fama nazionale ed internazionale che hanno segnato la storia dell'arte contemporanea: Renato Bertini, Bruno Bruni, Umberto Corsucci, Franco Fiorucci, Fulvio Ligi, Bruno Liberatore, Carlo Lorenzetti, Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Oscar Piattella, Loreno Sguanci, Mauro Staccioli, Ivan Theimer, Valeriano Trubbiani, Walter Valentini, Giuliano Vangi. Le loro opere saranno esposte lungo la cinta muraria e presso la Casa delle Arti.
Sguanci era molto più di un artista: una persona di rara dolcezza, sensibilità, cultura, generosità, amore.

Un amico del Museo Omero, che ha sostenuto sempre con entusiasmo i nostri progetti, sia partecipando da protagonista agli "Incontri con l'artista" organizzati per sensibilizzare il pubblico all'arte contemporanea, sia come relatore dei nostri corsi di formazione sull'accessibilità, nonchè donando al Museo ben due opere. Del 2005 è la mostra "Trame di Legni" che il Museo Omero organizzò alla Mole Vanvitelliana di Ancona e del 2007 la mostra "Presenze lignee" al Museo Pietraia dei poeti organizzata in collaborazione con il Museo Omero: due riconoscimenti al valore tattile delle sue sculture. Atualemnte sono esposte al Museo Omero tre sculture in legno - L'ala del Mondo (1962), Evento (1968), Segni 1990 - e una scultura in bronzo Segni 1994. Le sculture, che raccontano il percorso di sperimentazione nel campo dell'informale e del rigore geometrico, sono di dimensioni domestiche, ma lasciano già intuire a livello tattile quelle suggestioni spaziali delle opere monumentali, fatte di dialettica tra illusione e realtà.