Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

La necropoli etrusca di Cerveteri più accessibile con il progetto e-Archeo

persone che esplorano l'applicazione tangibile multimediale

Sabato 29 ottobre dalle 9:30 alle 13:30.
Tabacchificio Cafasso di Paestum
.
Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

Dopo l'inaugurazione avvenuta sabato 15 ottobre 2022 presso la Necropoli della Banditaccia di Cerveteri (Sala Mengarelli) l'applicazione tangibile multimediale e-Archeo Tattile verrà presentata sabato 29 ottobre dalle 9:30 alle 13:30 presso il Tabacchificio Cafasso di Paestum, nell'ambito della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

L'applicazione, dedicata a raccontare "La tomba casa degli etruschi", è stata pensata e sviluppata per raccontare in forma tattile e audiovisiva il contesto archeologico etrusco di Cerveteri (Lazio), Patrimonio Mondiale UNESCO dal 2004.

Il progetto ha visto il coinvolgimento dell'Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), dell'Università della Campania Luigi Vanvitelli, dell'Università della Tuscia di Viterbo, dell'agenzia Collettivo Digitale. Al fine di garantire un prodotto rispettoso dei principi dell'Universal Design, si è avvalso della consulenza di esperti in disabilità visive e uditive, tra cui esperti del Museo Tattile Statale Omero.

e-Archeo tattile

La postazione multimediale tattile è collocata in forma permanente presso la Sala Mengarelli della Necropoli della Banditaccia di Cerveteri, Lazio.

Ospita due modelli tridimensionali: uno di contesto, ovvero parte della necropoli di Monte Abatone, e uno di dettaglio, cioè la Tomba Campana in sezione. Entrambi poggiano su un piano favorevole all'esplorazione tattile anche per chi è su una sedia a ruote. Tramite sei pulsanti è possibile attivare sullo schermo posizionato alle spalle del piano, la narrazione audiovisiva degli oggetti rappresentati: sei brevi video esplicativi con sottotitoli in italiano e inglese e tradotti in LIS, Lingua dei Segni Italiana dalla guida sorda Carlo di Biase e in IS, Segni Internazionali da l'interprete sordo Nicola Della Maggiora.

Ospita due modelli tridimensionali: uno di contesto, parte della necropoli di Monte Abatone, e uno di dettaglio, la Tomba Campana in sezione. Entrambi poggiano su un piano favorevole all'esplorazione tattile anche per chi è su una sedia a ruote. Tramite sei pulsanti è possibile attivare sullo schermo posizionato alle spalle del piano, la narrazione audiovisiva degli oggetti rappresentati: sei brevi video esplicativi con sottotitoli in italiano e inglese e tradotti in LIS, Lingua dei Segni Italiana dalla guida sorda Carlo di Biase e in IS, Segni Internazionali da l'interprete sordo Nicola Della Maggiora.

La postazione è dotata anche di indicazioni in Braille e di una tasca laterale con due disegni a rilievo e la traduzione in Braille dei testi utilizzati per il racconto audiovisivo.
Tutti i contenuti sono inoltre raggiungibili anche tramite un Qr-code nel sito e-Acheo. Un video introduttivo spiega come utilizzarla.

Per la prima volta la necropoli di Monte Abatone viene presentata al pubblico sebbene in forma virtuale. Non è infatti possibile visitarla nella realtà, dal momento che lo scavo archeologico, ancora in corso, viene ricoperto ogni anno per motivi di conservazione.

L'obiettivo della postazione è coinvolgere il visitatore invitandolo a interagire con alcuni oggetti riprodotti in forma tridimensionale, concepiti come tramite per attivare la narrazione audiovisiva su schermo.

Il ruolo del Museo Omero

Per il Museo Omero, Cristiana Carlini e Monica Bernacchia si sono occupate della consulenza scientifica e della supervisione dei testi, Daniela Bottegoni e Maria Giulia Mengarelli della produzione del Braille e dei disegni a rilievo.

Progetto e-Archeo

Il progetto e-Archeo tattile rientra all'interno di un grande progetto nazionale, denominato e-Archeo, che racconta otto siti archeologici italiani secondo un modello esperienziale integrato sia online che sul posto.
I siti sono: Sirmione e Desenzano, Marzabotto, Cerveteri, Alba Fucens, Velia, Egnazia, Sibari, Nora.

Un progetto su larga scala aggregatore di enti di ricerca, università e accademie, industrie creative ed esperti del settore dei Beni Culturali nelle sue molteplici declinazioni, promosso dal Ministero della Cultura e coordinato da Ales SpA.

Info: telefono 06 99 41 354, email: pa-certa@beniculturali.it