Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Arteinsieme 2005 – Seconda mostra collettiva

copertina catalogo arteinsime II edizione

1 – 11 dicembre 2005.
Ancona, Piazza Roma, Sala Mostre del Rettorato

Università Politecnica delle Marche.

In occasione delle celebrazioni per l’Anno Europeo del Disabile è stata allestita la Seconda Mostra Collettiva Arte presso la sala Mostre del Rettorato dell’Università Politecnica delle Marche, in Piazza Roma.

Organizzata dall’Istituto Statale d’Arte “E. Mannucci”, sedi di Ancona, Jesi e Fabriano, in collaborazione con il Comune, Provincia, C.S.A. di Ancona, Museo Tattile Statale Omero e l’A.R.I.S.M., Associazione Regionale Insegnanti Specializzati delle Marche, la mostra raccoglie opere realizzate da docenti e alunni delle sezioni attive nelle tre sedi dell’Istituto e opere di artisti che hanno ottenuto successi e riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale.
Con una formula rinnovata rispetto alla precedente esperienza, la Mostra si pone di valorizzare l’arte quale importante risorsa per l’educazione di tutti, in particolare delle persone diversamente abili; nonchè di contribuire alla diffusione di una cultura della diversità, richiamando l’attenzione sulle delicate questioni dell’integrazione scolastica e sociale.

Una Mostra collettiva, dunque, che raccoglie diverse identità e particolarità, e richiama l’attenzione sulle molteplici possibilità offerte dall’arte, siano esse legate al fare artistico con le sue benefiche ricadute psico-riabilitative e terapeutiche, siano esse legate all’atto fruitivo dell’opera e all’interpretazione del messaggio da essa veicolato, capace, spesso, di abbattere pregiudizi e farci riconsiderare la realtà con prospettive nuove.
Lo spazio in cui è stata allestita la Mostra è perfettamente accessibile, essendo privo di barriere architettoniche; le persone con minorazione visiva potranno giovarsi di un servizio di guida specialistico, in collaborazione con il Museo Omero, e potranno fruire tattilmente di tutte le opere tridimensionali esposte.