Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Attività per famiglie alla mostra Toccare la Bellezza durante le Festività natalizie

prima sala mostra

Mostra Toccare la bellezza Maria Montessori Bruno Munari
Natale in famiglia, Natale in mostra!

Una mostra che coniuga bellezza e divertimento!
Un viaggio per bambini e genitori alla scoperta “multisensoriale” di due grandi personaggi del ‘900: Maria Montessori e Bruno Munari.
Una mostra già di per sé interattiva e coinvolgente, che abbiamo voluto arricchire con alcune proposte specifiche.

Laboratori a cura delle Officine tattili del Museo Omero

Un Come ti pare: è un oggetto che può essere tante cose o una sola, un tappeto, un drago, un libro, un separé, una tenda, un bruco, un quadro, una fisarmonica, un calendario, un ventaglio, un labirinto per formiche…. Un come ti pare!
Vieni ad incontrare in mostra bellezza e divertimento!
Date: 26 dicembre 2019, 1 e 6 gennaio 2020 dalle ore 17 alle 18.30.
Per famiglie con bambini dai 4 ai 12 anni. Costo di ogni laboratorio: 20 euro a famiglia.
Prenotazioni: didattica@museoomero.it – Cellulare e whatsapp 335 569 69 85.

Laboratori a cura dell’Associazione Bruno Munari

INSIEME AL MUSEO: Speciali laboratori dedicati alle festività ed al piacere di stare insieme.
Un’occasione in più per accogliere genitori e bambini e permettere loro di accostarsi ,attraverso il fare, al pensiero di Munari

Dalla manipolazione della carta alla costruzione del libro (strizzando l’occhio ai libri di Munari)
Un’occasione in più per accogliere genitori e bambini e permettere loro di accostarsi, attraverso il fare, al pensiero di Munari.

Date: 4 e 5 gennaio 2020.
Per genitori e bambini dai 4 ai 7 anni dalle ore 10,30 alle 12.
Per genitori e bambini dagli 8 ai 12 anni dalle ore 16,30 alle 18,30.
conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari.

Costo di ogni laboratorio: 20 euro a famiglia.
Prenotazioni: didattica@museoomero.it – Cellulare e whatsapp 335 569 69 85.

Link interno

Formazione e laboratori a cura dell’Associazione Bruno Munari

Il Bello è la conseguenza del Giusto
ovvero: con Munari sperimentiamo il rapporto tra l’azione e la costruzione del pensiero creativo

L’Associazione Bruno Munari – che ufficialmente prosegue l’opera dell’artista, sviluppandone l’approccio metodologico protetto – ha progettato in occasione della mostra “Toccare la bellezza Maria Montessori Bruno Munari” uno speciale itinerario di attività che saranno proposte proprio all’interno della stessa esposizione, per esplorare ancora di più il rapporto tra il “tatto”, l’azione e la “costruzione” stessa della conoscenza e della bellezza.

Quattro appuntamenti formativi dedicati ad un pubblico che va dagli educatori dei nidi ai docenti della scuola dell’infanzia e primaria fino ai gradi scolastici più alti, coinvolgendo animatori, bibliotecari, operatori culturali, studenti universitari, designers, architetti ed appassionati del pensiero e dell’opera di questo grande artista che Picasso riconobbe come “il nuovo Leonardo”. Un’occasione importante per accostarsi ad un’azione che sviluppa pensiero, acquisendo così i primi rudimenti di un approccio che cambia realmente il modo di “vedere le cose”. Gli interessati potranno prenotarsi ad uno o più incontri, avendo così la possibilità di costruire un percorso “su misura”. Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione ufficiale a cura di dell’Associazione Bruno Munari e del Museo Tattile Statale Omero.

Quattro appuntamenti per le famiglie che vedranno accanto nella sperimentazione sia i genitori che i bambini, consentendo anche agli adulti di vivere il laboratorio come un momento dedicato. Un’occasione significativa anche per estrapolare indicazioni utili rispetto alle attività da proporre ai bambini e ad uno stile educativo più incline allo sviluppo del pensiero creativo.

Calendario incontri

Sabato 14 dicembre (9:30-12:30 e 13:30-16:30)

per educatori, docenti, studenti universitari, designer, operatori culturali, appassionati del pensiero e dell’opera di Munari
Percorso di formazione a cura della Associazione Bruno Munari: E’ il segno che fa il disegno, ovvero dalla qualità del segno alla qualità del disegno.
Ogni incontro formativo prevede sia una parte teorica che una pratica
Sarà rilasciato attestato di partecipazione ufficiale a cura di ABM e Museo Omero.
Conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
Costo: 80 euro
Numero identificativo corso su SOFIA: 38887

Prenotazioni: info@museoomero.it – Tel. 071.2811935

Domenica 15 dicembre

Laboratorio Scopri l’impronta e costruisci la tua traccia
per genitori e bambini dai 4 ai 7 anni
dalle ore 10,30 alle 12

Laboratorio E’ il segno che fa il disegno
per genitori e bambini dagli 8 ai 12 anni
dalle ore 16,30 alle 18,30

conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
Costo: 20 euro a famiglia
Prenotazioni: Dipartimento Educazione didattica@museoomero.it – Cellulare e whatsapp 335 569 69 85

Sabato 4 e Domenica 5 gennaio

INSIEME AL MUSEO: Speciali laboratori dedicati alle festività ed al piacere di stare insieme.
Un’occasione in più per accogliere genitori e bambini e permettere loro di accostarsi ,attraverso il fare, al pensiero di Munari.

Laboratorio Dalla manipolazione della carta alla costruzione del libro (strizzando l’occhio ai libri di Munari)
per genitori e bambini dai 4 ai 7 anni
dalle ore 10,30 alle 12

Laboratorio Dalla manipolazione della carta alla costruzione del libro (strizzando l’occhio ai libri di Munari)

per genitori e bambini dagli 8 ai 12 anni
dalle ore 16,30 alle 18,30

conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
costo: 20 euro a famiglia

Prenotazioni: didattica@museoomero.it – Cellulare e whatsapp 335 569 69 85

Sabato 18 gennaio (9:30-12:30 e 13:30-16:30)

per educatori, docenti, studenti universitari, designer, operatori culturali, appassionati del pensiero e dell’opera di Munari.
Percorso di formazione a cura della Associazione Bruno Munari: Forma e buchi diventano immagini in continua trasformazione per allenare un pensiero fantastico che nutre la nostra creatività.
Ogni incontro formativo prevede sia una parte teorica che una pratica
Sarà rilasciato attestato di partecipazione ufficiale a cura di ABM e Museo Omero.
Conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
Costo: 80 euro
Codice identificativo su SOFIA 39499. Si può pagare con la Carta docente. La causale per i buoni da emettere da parte dei docenti è “corsi aggiornamento enti qualificati/accreditati ai sensi della direttiva 170/2016”. Prenotazioni: info@museoomero.it – Tel. 071.2811935

Domenica 19 gennaio

Laboratorio Formati diversi 
Laboratorio tratto dall’esperienza dell’artista alla Pinacoteca di Brera, 1977
per genitori e bambini dai 4 ai 7 anni
dalle ore 10,30 alle 12

Laboratorio Ma un buco può essere un contenuto ovvero dove l’immagine racconta per la sua assenza
per genitori e bambini dagli 8 ai 12 anni
dalle ore 16,30 alle 18,30

conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
costo: 20 euro a famiglia
Prenotazioni: didattica@museoomero.it – Cellulare e whatsapp 335 569 69 85

Sabato 29 febbraio (9:30-12:30 e 13:30-16:30)

per educatori, docenti, studenti universitari, designer, operatori culturali, appassionati del pensiero e dell’opera di Munari.
Percorso di formazione a cura della Associazione Bruno Munari: Il colore e le texture, un’esperienza visiva ma anche materica.
Ogni incontro formativo prevede sia una parte teorica che una pratica
Sarà rilasciato attestato di partecipazione ufficiale a cura di ABM e Museo Omero.
Conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
Costo: 80 euro
Codice identificativo su SOFIA 39501. Si può pagare con la Carta docente. La causale per i buoni da emettere da parte dei docenti è “corsi aggiornamento enti qualificati/accreditati ai sensi della direttiva 170/2016”.
Prenotazioni: info@museoomero.it – Tel. 071.2811935

Domenica 1 marzo (9:30 -12:30 e 13:30-16:30)

per educatori, docenti, studenti universitari, designer, operatori culturali, appassionati del pensiero e dell’opera di Munari.
Percorso di formazione a cura della Associazione Bruno Munari: La Natura da osservare e scoprire con tutti i sensi (andando a ripercorrere una modalità d’approccio alla conoscenza che fu di Munari ma, tanto tempo prima, anche di Leonardo).
Ogni incontro formativo prevede sia una parte teorica che una pratica
Sarà rilasciato attestato di partecipazione ufficiale a cura di ABM e Museo Omero.
Conduce: Silvana Sperati, presidente Associazione Bruno Munari
Costo: 80 euro
Codice identificativo su SOFIA 39502 Si può pagare con la Carta docente. La causale per i buoni da emettere da parte dei docenti è “corsi aggiornamento enti qualificati/accreditati ai sensi della direttiva 170/2016”. Prenotazioni: info@museoomero.it – Tel. 071.2811935

Percorsi di formazione e laboratori si svolgeranno alla Mole Vanvitelliana di Ancona, l’ingresso in mostra è incluso nel costo dell’attività.

Leggi l’Intervista a Silvana Sperati, presidente dell’Associazione Bruno Munari a cura de La Mole Ancona.

Allegati

Link interno

27 novembre: Premio Nazionale Inclusione 3.0

27 novembre 2019 ore 16
Auditorium Banca Marche, Università Macerata

Mercoledì saremo a Macerata per ritirare il Premio Nazionale Inclusione 3.0 promosso dall’Università di Macerata.

Questa terza edizione rispecchia l’impegno dell’Ateneo nel campo dell’inclusione e dell’innovazione attraverso la valorizzazione delle terza missione e dell’internazionalizzazione. Tra le realtà che si sono presentate, diverse sono Associazioni Nazionali e, per la prima volta, diverse sono state le candidature di centri di ricerca internazionali” precisa la coordinatrice del premio Catia Giaconi.
Due premi speciali sono stati conferiti al docu-reality di Rai2 “O anche no”, condotto da Paola Severini Melograni e diretto da Davide Frasnelli, per l’elevato impegno sociale nella sfida ai pregiudizi sulla disabilità e al “Progetto e Film Fuori Centro” di Sandro Fabiani, per aver saputo raccontare inclusione, progettualità e autonomia nel mondo della disabilità, attraverso attori speciali. Ecco i progetti premiati nelle diverse categorie.

Nella sezione “Tempo libero, Sport e inclusione” il Premio verrà conferito a: “Chivasso Rugby onlus” di Torino, “BodyFly special needs” di Pesaro, l’associazione sportiva dilettantistica “Liberi nel Vento” di Porto San Giorgio, “Una parte del mondo-Virtus Buonconvento” di Fermo.

Per la categoria “Arti e Inclusione”: la “Compagnia Simona Bucci” di Firenze, Associazione “Fuori Posto. Festival di Teatri al Limite” di Roma, “Progetto teatrale inclusione” della Comunità San Claudio, “Museo Omero” di Ancona, “Museo Facile. Sistema Integrato di comunicazione e accessibilità culturale” dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, progetto di Community Museum “COSMOpoLIS” di Roma.

Per “Tecnologie e inclusione”: il progetto “Alba” di Torino; Cost-Ludi, a cura dell’Università di Bergamo. Nella sezione “Lavoro e inclusione” saranno premiate: “Frolla” di Osimo, “Tuttoincluso” di Anffas Macerata; “Ceralacca – Centro di Documentazione per l’inclusione” gestita da otto ragazzi con sindrome di down, portata avanti da Aipd e Università di Perugia.

Nella sezione “Inclusione ed empowerment”: l’associazione Cbm Italia con il progetto “CoRSU”, per un nuovo reparto di terapia intensiva per la cura della Sepsi al servizio della popolazione vulnerabile dell’Uganda, realizzato con il patrocinio dell’ospedale di Milano; “I-Can: Independence, capabilities, Autonomy, Inclusion, in quanto centro per la vita indipendente per le persone con disabilità nella striscia di Gaza, promosso da EducAid; “Storie straordinarie al femminile”, dell’associazione Agfh, Fano e dall’Università di Urbino, un progetto che mira a rendere protagoniste visibili le donne in vari ruoli; Il filo dalla torre, Roma, con il progetto “Siamo nonni blu. Nonni e nipoti con autismo” volto a migliorare le relazioni intergenerazionali. 

21 e 22 novembre: doppio appuntamento in Sardegna per il Museo Omero nel nome dell’accessibilità e di Maria Lai

locandina

Presentazione del libro “L’arte Contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità”
Giovedì 21 novembre 2019, ore 17,30
Mediateca del Mediterraneo, Cagliari

Saranno Pasquale Mascia, direttore della Mediateca del Mediterraneo e Maura Picciau, Soprintendente ABAP di Cagliari e Oristano ad introdurre – all’interno di “Racconti e Paesaggio”, la rassegna attorno al tema del paesaggio che la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio organizza – ad introdurre e presentare al pubblico, giovedì 21 novembre alle ore 17,30 presso la Mediateca del Mediterraneo, Annalisa Trasatti e Andrea Socrati, autori, con Aldo Grassini, del libro “L’arte Contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità”, nella collana medico psico-pedagogica a cura di Stefano Vicari, con presentazione di Fabio de Chirico.

Il volume propone una nuova lettura dell’arte contemporanea fondata su una modalità plurisensoriale di approccio all’opera. Alcuni orientamenti artistici a partire dal XX secolo coinvolgono tutte le potenzialità espressive dei sensi in maniera sempre più densa e complessa, anche richiedendo al fruitore un ruolo attivo. Le persone con disabilità visiva che con l’esperienza tattile hanno scoperto i valori dell’arte attraverso un approccio non convenzionale, possono offrire un apporto significativo alla riflessione estetica ed un contributo innovativo alla scoperta di valori altri dell’opera d’arte.
La ricerca del Museo Omero propone uno spettro di percorsi e proposte educative che apportano una prospettiva critica alla museologia tradizionale.

Aldo Grassini è l’ideatore, fondatore e attuale presidente del Museo Statale Tattile Omero ad Ancona, realtà unica in Italia ed esemplare in Europa per l’accesso all’arte e ai beni culturali dei ciechi ed il massimo esperto in Italia per le problematiche dell’estetica della tattilità.

Andrea Socrati, docente, si occupa di accessibilità ai beni culturali e di pedagogia speciale dell’arte, collaborando dal 2002 con il Museo Omero come responsabile di progetti speciali.

Annalisa Trasatti, è coordinatrice dei servizi tecnici al Museo Omero e redattrice di Artribune.com di articoli sulla didattica.

Venerdì 22 novembre 2019, ore 17
Presentazione del Progetto “Un percorso tattile alla Stazione dell’arte di Maria Lai”, Ulassai

Il percorso sarà illustrato da progettisti, curatori e realizzatori dell’intervento finanziato dal MIBACT nell’ambito del Piano per l’arte contemporanea e realizzato dalla Sabap a.m. Cagliari, Oristano, Sud Sardegna, in convenzione con il Museo Stazione dell’Arte, il Museo Statale Tattile Omero, Sardegna Ricerche.

Interverranno con il Sindaco Gianluigi Serra e il Direttore del Museo Stazione dell’Arte, Davide Mariani, Maura Picciau (Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’area Metropolitana di Cagliari, province di Oristano e Sud Sardegna), Maria Passeroni (direttore scientifico del progetto), Antonella Manzo (responsabile del progetto), Annalisa Trasatti e Andrea Socrati (Museo Statale Tattile Omero di Ancona), Sandra Ennas (Sardegna Ricerche, Sezione Innovazione), Roberta Balestrucci (professionista).

Presente, tra le parole ed i pensieri, Maria Lai.

Il progetto si è avvalso della professionalità di esperti di rilievo come Annamaria Marras (archeologo ed esperta di comunicazione della cultura, comunicazione e progettazione supporti alla visita tattile), Roberto Combet (realizzazione di modelli digitali per la stampa in 3D), Roberta Balestrucci (realizzazione di manufatti tessili) e della collaborazione di Sardegna Ricerche, Andrea Ferrero (CRS4).

Link esterno

Il Museo Omero alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

foto tavolo relatori

Il Museo Omero presente alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico sabato 16 novembre 2019, Paestum

Stand MiBACT ore 15.30 – 16.30
ARTEINSIEME. LA CHIESA DI SANTA MARIA DI PORTONOVO, UN’ESPERIENZA MULTISENSORIALE
a cura della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche, Servizi Educativi, Partner: Dipartimenti DICEA e DIISM dell’Università Politecnica delle Marche, Museo Tattile Statale Omero di Ancona, I.C. “Pinocchio Montesicuro” di Ancona

Intervengono:
Deborah Licastro Funzionario architetto Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche, Servizi Educativi
Cristiana Carlini Archeologa Museo Tattile Statale Omero, Dipartimento Educazione
Raissa Mammoli Dottoranda di ricerca, Distori, Università Politecnica delle Marche

Sala Cerere ore 17.00 – 19.30
WORKSHOP ARCHEOVIRTUAL “IL PATRIMONIO CULTURALE FRA SCIENZA E RACCONTO”

in collaborazione con CNR ISPC Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale

L’approccio narrativo dal punto di vista delle istituzioni culturali intervengono:
Nicolette Mandarano Digital Media Curator Barberini Corsini Gallerie Nazionali
Ciro Cacciola Direttore MAV Ercolano
Cristiana Carlini Museo Tattile Statale Omero, Ancona
Nadia Murolo Dirigente di staff della Direzione Generale per le Politiche Culturali e il Turismo della Regione Campania

14 novembre: conferenza “Modernità di Dante”

locandina evento

14 Novembre 2019 ore 17:00
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Presso la sala conferenze del Museo Omero, il Professor Sergio Pasqualini tratterà l’argomento “Modernità di Dante”.
Raffronti fra Dante e Petrarca, Dante e Shakespeare, Dante e Proust.
Verrà presentato inoltre il vero volto di Dante configurato con la moderna tecnica “facial reconstruction”.

Introduzione a cura di Andrea Socrati.

Info

Ingresso gratuito.
Museo Tattile Statale Omero
Banchina Giovani da Chio, 28
tel. 071 28 11 935
email: info@museoomero.it

 

 

Mostra “TOCCARE LA BELLEZZA Maria Montessori Bruno Munari”

10 novembre 2019 – 8 marzo 2020
Sala Vanvitelli, La Mole Ancona

MOSTRA CHIUSA chiusa in ottemperanza alla nuova ordinanza emessa dalla Regine Marche del 03/03/2020 per emergenza coronavirus

È possibile percepire, riconoscere ed apprezzare la bellezza anche tramite il tatto?

La mostra vuole riflettere sul valore estetico della tattilità incontrando il pensiero e i materiali di Maria Montessori, le idee e i lavori originali di Bruno Munari.

Filo conduttore il tatto, al quale sono ispirati i nuclei tematici che scandiscono il percorso espositivo: le forme, i materiali, la pelle delle cose, manipolare e costruire, alfabeti e narrazioni tattili.

L’obiettivo dell’iniziativa è promuovere per tutti, nessuno escluso, una significativa esperienza della tattilità dal punto di vista artistico ed estetico. 

Curatore dell’allestimento: Fabio Fornasari.

Del poliedrico artista e designer Bruno Munari sono esposte oltre 100 opere (tra cui un nucleo importante di tavole tattili, realizzate da Roberto Arioli ispirandosi al concetto di “tavole tattili” realizzate da Bruno Munari negli anni 1970), e lavori editoriali, che testimoniano come tutto il suo lungo percorso creativo, a partire dagli anni Quaranta del secolo scorso, sia stato sempre caratterizzato da una forte attenzione ai temi della multisensorialità – della tattilità in particolare – e dall’impiego a livello artistico di una grande quantità e varietà di materiali naturali e industriali anche a fini pedagogici. 

Di Maria Montessori sono presentati sia il modello educativo, sia i numerosi materiali, con particolare riferimento a quelli inerenti l’educazione sensoriale e della mano, quest’ultima considerata da lei stessa come “l’organo dell’intelligenza”. La mostra è anche un’occasione per celebrare, nel 2020, la ricorrenza dei 150 anni dalla nascita di Maria Montessori.

Il percorso della mostra è arricchito da approfondimenti, ambienti e stanze interattive. Il percorso è arricchito da approfondimenti di singole tematiche e da ambienti e stanze interattive, dove il fruitore è protagonista di coinvolgenti e inusuali esperienze tattili e multisensoriali
Gli approfondimenti intendono far conoscere sia i principi culturali ed esperienziali ai quali i due protagonisti hanno fatto riferimento all’inizio e durante il loro percorso professionale, sia alcune applicazioni, sviluppi, riscontri e influenze, che il loro operato ha determinato e sta determinando attualmente.
Tra gli ambienti allestiti in mostra si troverà la ricostruzione di un’aula montessoriana e spazi interattivi come “Il bosco tattile” ispirato alla creatività di Munari, dove il fruitore sarà protagonista di coinvolgenti e inusuali esperienze tattili e multisensoriali.

Durante il periodo della mostra, con la partecipazione di esperti, saranno organizzati laboratori didattici per le scuole e le famiglie secondo il metodo Bruno Munari e il modello montessoriano nonché workshop e giornate di formazione rivolti ai docenti, educatori ed operatori museali.

Sabato 25 gennaio 2020 è previsto un convegno internazionale legato al tema della mostra con la partecipazione di illustri relatori e nello stesso mese uscirà il catalogo a cura di Corraini edizioni.

In esposizione anche l‘unita medaglia che il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha voluto destinare alla mostra come premio di rappresentanza. 

Info

Sala Vanvitelli, La Mole Ancona
Banchina Giovanni da Chio 28
10 novembre 2019 – 8 marzo 2020
tel. Museo Omero 0712811935 – tel. mostra 071205677
www.museoomero.it – www.lamoleancona.it

Orario giovedì e venerdì ore 16-19
sabato, domenica e festivi ore 10-19
1° gennaio ore 16-19
ultimo ingresso ore 18.15
Chiuso: 25 dicembre.

Costo Intero: 5,00 euro
Speciale S.Valentino: venerdì 14 febbraio ingresso 5 euro per due.
Gratuito: scuole, disabili e loro accompagnatori, under 18 anni, guide turistiche abilitate, giornalisti accreditati, soci ICOM.

Attività su prenotazione (ingresso gratuito)
Gruppi (max 25 pax): visita guidata 85 euro.
Scuole: visita guidata e laboratorio 85 euro a classe; visita guidata al Museo Omero e in mostra 120 euro a classe
Famiglie: visita e laboratorio ogni prima domenica del mese e nelle festività 20 euro a famiglia.
Cellulare e whatsapp
335 569 69 85
didattica@museoomero.it

Promotori
Museo Tattile Statale Omero
TACTUS. Centro per le arti contemporanee, la multisensorialità e l’interculturalità
Comune di Ancona

In collaborazione con
Fondazione Chiaravalle Montessori
Associazione Bruno Munari

Con il contributo di
Regione Marche

Con il patrocinio di
Regione Marche
Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin” ALMA MATER STUDIORUM – Università di Bologna
Opera Nazionale Montessori
Istituto Comprensivo “Maria Montessori” di Chiaravalle (AN)
Comune di Chiaravalle

Coordinamento
Aldo Grassini

Comitato scientifico
Alfio Albani, Fabio Fornasari, Aldo Grassini, Paolo Marasca, Alberto Munari, Mariangela Scarpini, Andrea Socrati, Silvana Sperati, Annalisa Trasatti.

Allestimento
Fabio Fornasari

Segreteria organizzativa
Maria Giulia Cester

Ufficio stampa e comunicazione
Monica Bernacchia
Alessia Varricchio
in collaborazione con:
Maria Chiara Salvanelli
Toni di Grigio

Grafica
Damiano Boriani
Supporti tiflodidattici
Daniela Bottegoni
Massimiliano Trubbiani

Sponsor tecnici
Effettoluce Recanati
GonzagArredi Montessori
Formula Prato di Mazzoni Massimo s.r.l.

Prestatori

Roberto Arioli
Maurizio Corraini srl
Matteo De Vecchi
Marco Ferreri
Alberto Rambaldi

GonzagArredi Montessori
Fondazione Chiaravalle Montessori

Si ringrazia Roberto Arioli per la preziosa collaborazione.

Accoglienza e servizi educativi
Cooperativa Sociale Opera Onlus:
Manuela Alessandrini, Monica Bernacchia, Damiano Boriani, Anna Chiara Broggi, Patrizia Calderone, Cristiana Carlini, Giulia Cester, Daniela Donninelli, Francesca Giuliodori, Francesca Graziani, Tania Martini, Maria Giulia Mengarelli, Francesca Santi, Greta Sturm, Annalisa Trasatti, Massimiliano Trubbiani, Sonia Varagona, Alessia Varricchio.

In collaborazione con
i volontari del Servizio Civile Universale
Associazione Per il Museo Tattile Statale Omero ONLUS
Diana Fior
Lucilla Boschi

Catalogo
Corraini edizioni

Rassegna stampa

Allegati

Link esterni