Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

La mostra De rerum fabula set del film-documentario su Valeriano Trubbiani

Il Museo Omero, in occasione della Mostra “De Rerum Fabula”, ospita in qualità di set le riprese del film-documentario “Parola e gesto di scultore – Viaggio nell’arte di Valeriano Trubbiani”.

Regia Simone BOMPREZZI
Direzione della fotografia / operatore Ruben LAGATTOLLA
Con il patrocinio e l’ospitalità del Museo Tattile Statale Omero di Ancona

“Valeriano Trubbiani ci accompagnerà con le sue parole alle soglie della creazione artistica e ci aprirà le porte della sua bottega, dove il gesto incontra la materia e si fa arte.”

Valeriano Trubbiani
Valeriano Trubbiani

Apriti Sesamo, I Concorso nazionale per la selezione di progetti pilota finalizzati a favorire la fruizione sensoriale dei luoghi di interesse cultura

Presentazione candidature entro le ore 12.00 del 30 aprile 2013.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali promuove un’occasione riservata ai giovani creativi per l’elaborazione di idee innovative che favoriscano la comprensione e la realizzazione di percorsi comunicativi del patrimonio culturale.

Il concorso è promosso e coordinato dalla Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee – Servizio architettura e arte contemporanee, con la collaborazione del Centro per i servizi educativi del museo e del territorio, la partecipazione dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – Onlus e l’Ente Nazionale Sordi – Onlus

Ha lo scopo di promuovere e sostenere progetti pilota/idee innovative, per favorire la fruizione sensoriale dei luoghi di interesse culturale con specifico riferimento ad un pubblico con disabilità.

Le “idee” che partecipano al concorso dovranno essere concretamente realizzabili e facilmente spendibili nel vasto panorama della cognizione, aperta a tutti i suoi aspetti critico-scientifici ed emotivi.

I progetti dovranno essere di supporto ad un’utenza ampliata, che raccoglie problemi specifici delle disabilità sensoriali così come sociali e culturali, per permettere un rapporto interattivo e partecipativo con i contenuti e i concetti espressi dai linguaggi della cultura artistica contemporanea. Le nuove tecnologie ed i nuovi strumenti comunicativi dovranno essere utilizzati per rendere l’arte facilmente comprensibile attraverso la stimolazione di tutti i sensi.

Possono presentare le proposte progettuali:

  • singoli cittadini italiani, o comunque residenti in uno dei Paesi dell’Unione Europea, che alla data di pubblicazione del bando abbiano un’età compresa fra i 18 e i 40 anni;
  • gruppi di lavoro “informali” (per gruppo di lavoro informale si intende un insieme di persone raggruppatesi per l’occasione ma non connotate da nessuna figura giuridica e societaria), costituiti da un massimo di 5 giovani, cittadini italiani o comunque residenti in uno dei Paesi dell’Unione Europea che, alla data di pubblicazione del bando, abbiano un’età compresa fra i 18 e i 40 anni. Il referente del gruppo per i rapporti con il MiBAC sarà unico e ufficialmente nominato dagli interessati. Ciascun componente del gruppo “informale” può partecipare alla presentazione di una sola domanda di candidatura;
  • associazioni, enti, organizzazioni comunque denominate, senza fini di lucro, già formalmente costituite. Nel caso di specie, i partecipanti dovranno dichiarare che la gestione del progetto sarà affidata ad una rappresentanza di uno o più giovani cittadini italiani o comunque residenti in uno dei Paesi dell’Unione Europea che, alla data di pubblicazione del bando, abbiano un’età compresa fra i 18 e i 40 anni. Anche in questo caso dovrà obbligatoriamente essere designato un capogruppo in qualità di referente unico per i rapporti con il MiBAC. 

È possibile presentare una sola candidatura in una sola delle forme di cui ai punti sopra citati.

È richiesto ai partecipanti il possesso dei requisiti di legge per l’ammissione ai contributi pubblici, godimento dei diritti civili e politici e assenza di condanne penali.

La partecipazione è del tutto libera e gratuita.

Tutta la documentazione dovrà essere presentata in lingua italiana.

Il partecipante, in una delle forme di cui al precedente punto 3, all’atto della presentazione della proposta progettuale, dovrà:

  • descrivere e motivare la proposta stessa;
  • dettagliare le modalità d’implementazione del prototipo, le spese stimate necessarie e le eventuali ulteriori relative fonti di finanziamento, utilizzando l’applicazione online cui sarà possibile accedere secondo modalità descritte di seguito. I costi di realizzazione del prototipo non dovrà superare il valore omnicomprensivo di euro 20.000,00;
  • fornire indicazioni ed elementi circa l’entità e l’incidenza dei costi di manutenzione;
  • potranno essere aggiunti sintetici elaborati tecnici al fine di una migliore comprensione e da inviare secondo le modalità indicate più avanti e dettagliate nell’allegato tecnico al presente bando.

Al bando e alla relativa applicazione per la compilazione online della domanda di candidatura si potrà accedere dai seguenti siti: www.beniculturali.it; www.pabaac.beniculturali.it e www.sed.beniculturali.it. Inoltre, la documentazione sarà accessibile ad un pubblico con disabilità sensoriale ai siti dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti (www.uiciechi.it) e dell’Ente Nazionale Sordi (www.ens.it).

Primo simposio artistico rivolto a scultori con deficit visivo

La Chiesa dell’Arte, il comune di Carrara e l’azienda Pemart srl organizzano il primo simposio d’arte su marmo per persone non o ipo vedenti. L’evento si svolgerà nella prima metà del mese di agosto 2013, ma è necessario che ognun aspirante mandi entro e non oltre il 1° aprile un bozzetto in creta delle dimensioni massime di cinquanta cenimetri cubi.

Verranno selezionati tra questi 6 lavori e i titolari parteciperanno al simposio. I sei lavori verranno scannerizzati e inseriti in un robot che riprodurrà il lavoro in marmo; durante il simposio gli scultori lo termineranno con l’ausilio di frese, lime e carta vetrata.

L’inizio del simposio sarà il 5 agosto, per gli artisti è previsto alloggio e vitto, durante il lavoro saranno affiancati individualmente da scultori professionisti con la supervisione di Felice Tagliaferri.

Per maggiori informazioni potete scrivere a chiesadellarte@alice.it o chiamare 3316932410.

I manufatti in creta vanno spediti in via Colonnata 10 Carrara – MS all’attenzione della signora Imperiai.

E’ online l’audio catalogo della mostra Trubbiani – De rerum fabula

E’ on line da oggi l’audio catalogo della mostra “Trubbiani – De rerum fabula” in corso alla Mole Vanvitellianafino al 17 marzo

L’audio catalogo pensato per non vedenti e ipovedenti è stato realizzato collaborazione con Quartoturno – Studio Associato Professionisti del doppiaggio. Con la regia di Luca Violini e le voci:  Daniela Debolini, Beatrice Margiotti, Aldo Russo, Andrea Spina, Luca Violini.

L’audio catalogo suddiviso per questioni tecniche in 6 parti può essere richiesto dai  non vedenti e ipovedenti anche in formato cd al Museo Omero.

Audio catalogo della mostra

  1. Introduzione e saluti istituzionali (Zip, 18.67 MB)
  2. E. Crispolti curatore della mostra (Zip 215.65 MB)
  3. Interventi critici e frammenti critici – prima parte (Zip, 261.13 MB)
  4. Valeriano Trubbiani – De rerum fabula (Zip, 172.85 MB)
  5. Frammenti critici – seconda_parte (Zip, 51.73 MB)
  6. I luoghi di Trubbiani in Ancona (Zip, 22.59 MB)

18 gennaio: Guardare con tatto. Dieci sculture dalla collezione del Premio Salvi

Locandina evento

18 gennaio – 24 febbraio 2013
Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana

Venerdì 18 gennaio alle ore 18 si inaugura nella sale del Museo Tattile Statale Omero, la mostra “Guardare con tatto” alla presenza di Aldo Grassini, Presidente del Museo e Silvia Cuppini, curatrice della mostra.

La mostra “Guardare con tatto” rientra nella rassegna “Infinitamente Salvi”, volta a promuovere sul territorio regionale la ricca collezione di arte contemporanea raccolta in sessant’anni di attività del Premio Salvi e conservata presso il Comune di Sassoferrato.

La rassegna – affidata al gruppo Mjras di Urbino, composto da Silvia Cuppini, Alice Devecchi, Roberto Bua, Joan Martos – si propone di reinterpretare le opere della collezione con uno sguardo contemporaneo e in sintonia con i luoghi prescelti. Fra questi la Mole Vanvitelliana di Ancona, dove, nelle sale del Museo Omero, dal 18 gennaio al 24 febbraio 2013, sarà allestita la mostra Guardare con tatto con dieci sculture di autori contemporanei – Giuseppe Uncini, Edgardo Mannucci, Giancarlo Minen, Loreno Sguanci, Paolo Pompei, Umberto Peschi, Elio Cerbella, Marco Bettocchi, Valeriano Trubbiani, Giuliano Giuliani – presentati in relazione alla struttura pentagonale della Mole, ovvero al numero cinque, alle cinque dita della mano, ai cinque sensi.

L’allestimento multisensoriale è pensato per vedenti e non vedenti. “Le opere – come spiega l’architetto Roberto Bua – saranno disposte a coppie, sugli spigoli del pentagono, al fine di esaltare l’elemento della tattilità. Lo sguardo percorre la forma, con il contatto si percepiscono altre qualità dell’oggetto: ruvido o liscio, freddo o caldo, compatto o traforato, vibrante o sordo, spigoloso o tondeggiante sulla base dei diversi materiali usati dagli artisti: legno, metallo, pietra, ceramica. C’è uno sguardo che percorre l’oggetto, che ne percepisce le vibrazioni di luce e calore, che misura il suo rapporto con lo spazio, che lo accarezza: lo sguardo tattile ci ri-vela l’oggetto, lo rivela due volte, perché la conoscenza è nella totalità e non nella separazione”.

La mostra, che rientra all’interno di Happy Museum e del Grand Tour Cultura 2012 -2013 Musei – Archivi – Biblioteche Marche: luoghi “comuni” della creatività, proporrà visite e laboratori didattici per le diverse fasce d’età utilizzando testi letterari e documenti d’archivio e riflettendo sul luogo – in questo caso la Mole Vanvitelliana e la sua forma – come veicolo di creatività. Eventi speciali in programma per il 14 febbraio – San Valentino e per il 21 febbraio – la Giornata Nazionale del Braille. Le visite ed i laboratori saranno condotti in collaborazione con le Volontarie del Servizio Civile Nazionale e del Servizio Volontario Europeo.

Informazioni

Dove: Museo Tattile Statale Omero, Mole Vanvitelliana, Banchina Da Chio 28, Ancona
Orari: dal martedì al sabato 16 – 20. Domenica 10 – 13 e 16 – 20. Chiuso: lunedì.
Ingresso: libero.
Visite guidate e laboratori didattici su prenotazione: 3 euro a persona, esclusi docenti, disabili e loro accompagnatori.
Tel. 071 28 11 935 – In orari di apertura 331.7537468
Email: info@museoomero.it

Elenco opere

  1. UMBERTO PESCHI / colonne /cm 120x26x26 / 1979 / legno
  2. LORENO SGUANCI /Senza titolo /cm 84x71X50 / 1971 / legno e metallo
  3. ELIO CERBELLA/: Moduli di un muro /cm 29x26x21 /anno ? /Ceramica
  4. GIANCARLO MINEN /Divagazione di un pittore / cm 135x30X30 /anno? /legno e ferro
  5. GIUSEPPE UNCINI / Struttura spazio/132HX38 X 25 / 1967 / alluminio
  6. GIULIANO GIULIANI / Sulla forma / cm 30x50X25 /anno ? / travertino
  7. PAOLO POMPEI /cm 24xdiam. 40 / 1993 / bronzo e rame
  8. VALERIANO TRUBBIANI / Fendente acciaio /cm 57x90X25 / anno ?/ metallo e legno
  9. MARIO BETTOCCHI / Ricerca nel cerchio / cm 113x50x35 / anno ? / legno
  10. EDGARDO MANNUCCI /senza titolo/ cm 63x63x27 / bronzo e metallo

La rassegna “Infinitamente Salvi”

Il titolo
“Infinitamente salvi”, rievoca la figura del pittore seicentesco G. B. Salvi le cui immagini hanno goduto di una fortuna tale da essere presenti nelle maggiori pinacoteche del mondo in originale o in copia.
Origine del progetto
La cura delle edizioni 2012/13/14 del Premio Salvi è stata affidata dal Comune di Sassoferrato a mjras, unitamente al progetto di allestimento della collezione delle opere raccolte in sessant’anni di vita del premio per la Galleria d’arte contemporanea.
Il progetto
Il progetto ponendo al centro il confronto con la cultura contemporanea chiede un coinvolgimento a tutto il territorio regionale attraverso diverse tipologie di intervento in accordo con le istituzioni culturali locali.
Monografiche di artisti, riletture di opere d’arte, mostre a tema con alcune opere dalla costituenda galleria d’arte contemporanea di Sassoferrato.

Allegato

Venerdì 25 gennaio Trubbiani e la poesia con Francesco Scarabicchi

locandina evento

Venerdì 25 gennaio ore 17,30
Mole Vanvitelliana, Ancona

Ingresso libero

Nuovo appuntamento alla mostra “Trubbiani – De rerum fabula” , dedicato al rapporto dello scultore con la letteratura, in particolare la poesia, e la scrittura, sempre praticata.

Francesco Scarabicchi presenta
L’immaginazione della parola
Scrittura e letteratura
Voce dei testi Giorgio Sebastianelli

L’incontro si terrà nelle sale della mostra, presso la Mole Vanvitelliana, l’ingresso è libero.

La parola mi è sempre stata “amica” – confessa Trubbiani – che dalla scrittura è sempre riuscito a trarre “consolazione e rasserenante appagamento”.

“C’è sempre stato, fin dall’origine della sua formazione, un profondo rapporto lirico fra Trubbiani e le cose del mondo,” – sostiene Francesco Scarabicchi – “una sorta di pietà muta che si è espressa nelle opere e nel pensiero che precede e accompagna quelle opere. La forte presenza discreta di Leopardi è il segnale della misura del lirismo di questo artista, il suo avveduto incedere prudente senza esagerazioni e senza eccessi. Un pedale stabile che regola la musica del suo teatro, che armonizza spazio e forme, nel teso, struggente riflettere sui destini e sugli uomini. In questo la presenza della poesia, come costante orizzonte del viaggio, come regola e scandaglio, come voce del silenzio dei protagonisti che animano le “scene” o “stazioni” del suo racconto. Tutto rivela, nella freddezza dei metalli, il respiro profondo della domanda sulla verità.”

Info

Dove: Mole Vanvitelliana, Banchina Da Chio 28, Ancona
Ingresso: libero.
Tel. 071 28 11 935
Email: info@museoomero.it