Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Valentine

Oggetto di Design

Valentine

Originale

Spazio
Collezione design
Designer
Ettore Sottsass
Azienda
Olivetti
Data
1969
Periodo
Novecento
Produzione
fuori produzione
Dimensioni
12 cm in altezza, 34 in larghezza, 34 in profondità
Materiale
ABS (Acrilonitrile Butadiene Stirene), acciaio
Sezione
lavorare
Premi
Compasso d'Oro - 10° edizione - 1970

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Bisognava progettare e costruire una macchina da scrivere portatile i cui costi fossero abbattuti, perché le macchine giapponesi si stavano mangiando il mercato” dice Ettore Sottsass parlando della Valentine.

Valentine: un oggetto, un’icona, un comportamento. Un oggetto disegnato da Ettore Sottsass e prodotto dalla Olivetti nel 1969 con lo scopo di affermare sul mercato una nuova idea di macchina da scrivere portatile.

Un design non più mutuato dal mondo delle automobili, con scocca metallica. Un oggetto realizzato con i nuovi materiali della ricerca chimica, che lega la meccanica interna, di acciaio, con l’ABS (Acrilonitrile Butadiene Stirene), lo stesso materiale plastico usato dalla Lego per i suoi mattoncini. Un materiale resistente e leggero, economico, capace di assumere qualsiasi forma, che permette a Macchina e Contenitore di essere pensati come due parti assemblate di un unico oggetto.

La macchina, dotata di manico, può essere facilmente trasportata richiudendola nella sua custodia, dello stesso colore rosso fiammante. Una soluzione coloratissima, trasgressiva e trasversale che anticipa molte delle istanze critiche del nascente design radicale verso la società. Successivamente sarà prodotta anche in altri colori.

Dice Chiara Alessi “per la prima volta la macchina per scrivere non è più soltanto uno strumento, una funzione, ma è un simbolo, ha un’identità precisa che chiama lo sguardo su di sé e chiede di essere ammirata. È il segno di un cambiamento nel rapporto tra design e tecnologia”.

Audio racconto: parole di Chiara Alessi, voce Gianluca Paliotti

Valentine in Roll n° 1 – durata 1:45
Biografia sonora dell’oggetto a cura di Paolo Ferrario

Approfondimenti: La Valentine raccontata nell’Archivio Storico della Olivetti