Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Tensione dinamica

Scultura originale

Tensione dinamica

Originale

Autore
Tiziana Felicioni
Data
1997
Periodo
Novecento
Dimensioni
45 cm in altezza, 26 cm in larghezza, 20,5 cm in profondità
Tecnica
fusione, patinature
Materiale
bronzo
Spazio
'900 e Contemporaneo

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“C’è nelle sue statue la memoria ed il rimpianto del classicismo, così la bellezza asciutta e primordiale è emblema di vitalità e purezza, sebbene insidiata dalla minaccia del dolore” così la Fondazione Ignazio Silone parla di Tiziana Felicioni.

“Tensione dinamica” è una scultura in bronzo e legno di piccole dimensioni (alta 45 cm) che l’artista realizza nel 1997.

Rappresenta una donna in bronzo, filiforme, con indosso solo un aderente body, seduta su un basamento in legno nell’atto di protendersi verso avanti, forse per alzarsi o solo per mostrarsi in modo enfatico. Braccia e gambe sono estremamente lunghi e sottili, volutamente sproporzionati. Le braccia sono piegate all’altezza del gomito e le mani poggiano sulla seduta. La gamba destra è piegata all’altezza del ginocchio così da poggiare il piede sul parallelepipedo di legno, mentre il piede sinistro è a terra. Dal tronco, flesso in avanti, parte la curva innaturale del lungo collo.

La testa, leggermente sollevata verso l’alto, è caratterizzata da un volto che sembra esprimere tutta la tensione che si è accumulata. Mento proteso in avanti, viso sottile e appuntito con tratti regolari e bocca serrata. Il titolo scelto per l’opera è eloquente: il corpo della sinuosa figura femminile genera una tensione dinamica; il punto dove tutte le forze generate si incontrano è nella capigliatura: i capelli sono raccolti in una lunga coda dalla forma elicoidale che sembra accumulare tutta l’energia provocata dalle continue spinte generate dal corpo, annullandole e facendole svanire nello spazio aperto.