Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Senza titolo (numero 1)

Scultura originale

Composizione numero 1

Originale

Autore
Roberto Papini
Data
1990-2011
Periodo
Novecento
Dimensioni
70 cm in altezza, 50 cm in larghezza
Tecnica
assemblaggio, pittura
Materiale
legno, metallo, specchio
Spazio
'900 e Contemporaneo

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Le opere di Roberto Papini sono una miniera di sorprese e di piacevoli sensazioni per le mani che le toccano”, Aldo Grassini, Presidente del Museo Omero.

Negli anni ’80, Roberto Papini (Ancona, 1921- 2019) realizza una serie di opere senza titolo. La numero uno, conservata al Museo Omero è una tavola in legno, alta 70 centimetri e larga 50 centimetri , su cui l’artista ha applicato diversi materiali. Il risultato è una sorta di quadro tattile.

Partendo dal punto in alto a sinistra, si susseguono decorazioni orizzontali lungo l’intera lunghezza della tavola che alternano sporgenze metalliche arrotondate, massimo di 2 centimetri, a rientranze di forma circolare colorate all’interno con specchietti bianchi e rossi o riflettenti. A volte sono presenti sporgenze di chiodi conficcati in una piccola sfera.

Una successione ritmata di oggetti che, esplorati attraverso il tatto suscitano differenti sensazioni: dal piacere al fastidio. Decorazioni tattili si alternano seguendo un ritmo studiato e riproposto nelle varie composizioni create con rigore e costanza. Il ritmo è contenuto anche nell’alternanza dei colori delle sfere, dove a quelle color legno scuro si alternano quelle bianche e quelle rosse.

Nei suoi lavori Papini inserisce gli oggetti da riciclo, gli “scarti”, di uso quotidiano e li trasforma in vere e proprie opere; li elabora, li assembla, li unisce, li colora, li taglia, dandogli una nuova vita.