Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Mezzadro

Oggetto di Design

Mezzadro

Originale

Spazio
Collezione design
Designer
Achille Castiglioni
Pier Giacomo Castiglioni
Azienda
Zanotta
Data
1957
Periodo
Novecento
Produzione
attualmente in produzione
Dimensioni
51 cm in altezza, 49 cm in larghezza, 51 cm in profondità
Materiale
acciaio cromato, legno di faggio
Sezione
abitare
Premi
Pier Giacomo Castiglioni ha vinto 5 volte il Compasso d'Oro

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Il progetto Mezzadro esprime forse in modo più evidente la volontà di usare una parte di un oggetto esistente, confermandone la forma, ma spostando il luogo e il modo d’uso: adoperare il sedile di un trattore, progettato nei primi anni del Novecento, come sgabello da usare nelle nostre case”, Chiara Alessi.

Mezzadro non è un oggetto, ma la somma di più oggetti, presi da altri contesti per produrre un’idea nuova. È il principio artistico delle avanguardie degli anni Trenta: il ready-made che presuppone il cambiamento di significato delle cose comuni all’interno di un pensiero artistico. Lo sgabello, ideato da Achille e Pier Giacomo Castiglioni e prodotto da Zanotta dal 1957, è composto da quattro elementi pre-esistenti. C’è il sedile del trattore in lamiera verniciata (da cui Mezzadro), il perno di fissaggio delle ruote della bicicletta, usato per serrare il tutto senza l’uso di cacciaviti o chiavi; c’è la balestra in acciaio inox, un gambo curvato che dal sedile arriva fino all’appoggio a terra, una traversa in legno di faggio, richiamo al mondo nautico. L’altezza totale è mezzo metro circa.

Nel mezzadro che ospitiamo in collezione il sedile forato è di colore rosso, ma sono diversi i colori proposti nel catalogo della Zanotta.

Come dice la Alessi parlando della seduta: “La cosa più divertente del Mezzadro è sicuramente sedercisi, perché l’effetto è quello molleggiato, proprio come succede sul sedile di un trattore in cui per ammortizzare i contraccolpi del mezzo agricolo sulla schiena, si aumenta l’elasticità della seduta”.

Audio racconto: parole di Chiara Alessi, voce Gianluca Paliotti

Mezzadro seduta – durata 0:37
Biografia sonora dell’oggetto a cura di Paolo Ferrario

Approfondimenti: Mezzadro nel sito Zanotta