Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Meravigliato

Scultura originale

Meravigliato

Originale

Autore
Felice Tagliaferri
Data
2007
Periodo
Contemporaneo
Dimensioni
39 cm in altezza, 23 cm in larghezza, 26 cm in profondità
Tecnica
scultura, lucidatura
Materiale
marmo
Spazio
Deposito

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Da persona non vedente il mio impegno è da sempre rivolto al diritto alla fruizione dell’arte da parte di tutti, ciascuno secondo le proprie possibilità”, Felice Tagliaferri.

“Meravigliato” è una scultura in marmo alta 39 cm che Tagliaferri, scultore non vedente, ha realizzato nel 2007.
La statua rappresenta il viso di un uomo dall’espressione meravigliata.
Il soggetto esibisce un taglio a chierica che forma un cerchio di capelli intorno al capo, lasciandone però completamente nuda la sommità.
La metà inferiore del viso è coperta da una folta barba alla quale, sotto il largo naso, si uniscono i baffi che ricoprono anche il labbro superiore. Gli zigomi invece appaiono lisci, pieni e rotondeggianti. La bocca dell’uomo è aperta in un’esclamazione di sorpresa ed il labbro inferiore, visibile, appare carnoso; anche gli occhi, sormontati da sopracciglia spesse e folte, sembrano spalancati, ma mancano le tipiche rughe d’espressione sulla fronte, dettaglio che contribuisce a fare apparire il viso più giovane.

Tattilmente, la scultura gioca sui contrasti tra il marmo liscio della pelle e le parti che rappresentano la capigliatura e la barba, dove le singole ciocche sono rappresentate da lunghe e fitte incisioni, che rendono il marmo più ruvido al tatto.

Tagliaferri è diventato non vedente dall’età di 14 anni, ed è approdato al mondo della scultura grazie ad un corso tenuto da Nicola Zamboni.
La rappresentazione del viso umano, colto in varie situazioni, è una costante nella sua produzione artistica e caratterizza anche la sua attività di insegnante presso la Chiesa dell’arte, la scuola di arti plastiche da lui fondata. Nella convinzione che la scultura possa avvicinare vedenti e non vedenti, egli insegna a chiunque voglia approcciarsi a questa disciplina.