Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Giocoliere

Scultura originale

Giocoliere

Originale

Autore
Marino Marini
Data
1953
Periodo
Novecento
Dimensioni
45,5 cm in altezza, 14,5 cm in larghezza, 6 cm in profondità
Tecnica
fusione, patinatura
Materiale
bronzo
Spazio
'900 e Contemporaneo

Descrizione

“(..) io, nato sereno, in un clima tranquillo, nel segno di un’educazione sicura e, da un certo punto di vista estetico, perfetta, sono entrato nel mondo delle agitazioni del ventesimo secolo e, attraverso queste agitazioni, ho cambiato la forma, l’espressione della mia scultura…”, Marino Marini.

Giocoliere è una scultura in bronzo, modellata da Marino Marini nel 1953. Raffigura un uomo in piedi a gambe unite, con le braccia alzate sopra la testa, come se stesse per iniziare la sua esibizione. Le forme sono quasi in uno stato di abbozzo, le varie parti anatomiche sono irregolari; il volto è appena accennato. Sotto il profilo tattile, le superfici dell’intera opera presentano irregolarità e asperità; tuttavia l’esperienza tattile risulta piacevole, perché sono comunque scorrevoli. Marino Marini è tra gli artisti più influenti all’interno del panorama culturale ed artistico italiano del Novecento. Durante gli anni ’30 e ‘40 persegue la ricerca di una forma “pura”, mediante il recupero e la rielaborazione in chiave contemporanea della tradizione etrusca e medioevale.

Negli anni quaranta, in seguito al rovinoso epilogo della guerra mondiale, la resa dei temi a lui cari cambia: Marino accentua la tensione dinamica delle sue opere, giungendo a deformarle, a modellare superfici scabre e scarnite.
Giocolieri e ballerine presentano membra allungate, fortemente espressive, accentuate da tracce di colore che talvolta le rendono inquietanti. Il Giocoliere, con le sue forme abbozzate, scabre e la sua anatomia deforme ricorda i corpi dilaniati dalle bombe e corrosi dal fuoco. Il tema del circo, caro a Marini, è metafora della vita. Ogni figura è una memoria del passato, di momenti di un certo periodo del suo vissuto.