Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Frammento del fregio del Partenone

Copia di scultura

Frammento del fregio del Partenone (scultura in gesso)

Copia

Dimensioni
105 cm in altezza,127 cm in larghezza (dettaglio)
Tecnica
calco al vero
Materiale
gesso alabastrino
Spazio
Greco e Romano

Originale

Autore
Fidia
Data
443 - 437 a.C.
Periodo
Greco
Dimensioni
128 m in lunghezza
Materiale
marmo
Luogo
Londra, British MuseumSi apre in una nuova finestra

Descrizione

“Il Partenone è davvero stupefacente nella sua tacita compostezza: così vigorosa che, ben lungi dall’essere una rovina, il Partenone sembra, al contrario, che debba sopravvivere al mondo intero”, Virginia Woolf.

Il rilievo scultoreo riproduce un frammento dell’imponente Fregio del Partenone. Il Partenone, situato sulla cima dell’Acropoli di Atene, è uno dei maggiori monumenti architettonici della civiltà greca. Una creazione voluta da Pericle (447 – 432 a.C.), realizzata dagli architetti greci Ictino e Callicrate, sotto la supervisione di Fidia.

Scolpito interamente su grandi lastre di marmo pentelico da Fidia e i suoi allievi, il lungo fregio decorava tutto il perimetro esterno della cella del celebre tempio. Su di esso erano raffigurati scene e personaggi legati alle processioni panatenaiche. Questa interminabile narrazione plastica è stata realizzata con la tecnica del bassorilievo.

Nella scena raffigurata in questo frammento tre uomini a cavallo sono disposti, secondo un criterio di profondità, uno dietro l’altro: il secondo è parzialmente nascosto dal primo, mentre il terzo è visibile perché più avanti nella marcia rispetto gli altri due, ma dotato di un rilievo molto più basso, quindi più distante secondo il punto di vista dell’osservatore. Le figure umane, e soprattutto i cavalli, sono modellati con delicatezza nel descrivere precisamente la loro anatomia, i loro movimenti resi in modo naturale; i panneggi svolazzanti hanno la giusta consistenza volumetrica, apparendo al tempo stesso leggeri.

Foto: Maurizio Bolognini. Archivio: Museo Tattile Statale Omero.