Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Bright Ubuntu, un sistema operativo open source senza barriere

Logo del Progetto

I non vedenti e gli ipovedenti potranno usare in maniera semplice e gratuita il computer e tutti i programmi grazie ad un sistema che ha già installato al suo interno sintesi vocale e lente d'ingrandimento.

Sabato 25 ottobre 2008 alle 17.30 presso la Sala Conferenze del Museo Omero in una giornata di promozione e formazione si festeggerà la conclusione del progetto "Bright Ubuntu, un Sistema Operativo Open-Source senza Barriere". Il progetto, avviato a maggio e presentato in conferenza stampa il 14 luglio, ha portato alla realizzazione di un sistema operativo gratuito e facile da utilizzare per utenti non vedenti e per altre categorie di persone con disabilità. L'Educational del 25 ottobre è rivolto a loro e ai responsabili dei Musei, operatori museali, docenti, ingegneri, tecnici e a tutti coloro che desiderano conoscere come integrare tecnologia, cultura, servizi alla persona e presso la sede di lavoro o per uso privato.

L'idea

Il progetto nasce da un'idea di Mirko Montecchiani, Responsabile Giovani dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Marche, con il fondamentale sostegno di Maurizio Mazzieri, un volontario di suddetta associazione e del Rotary Club di Ancona.
Appassionato di viaggi, arte e sensibile alle problematiche dell'integrazione dei non vedenti nella società, Mirko è riuscito a coinvolgere lo staff del Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell'Automazioni (DIIGA) dell'Università Politecnica delle Marche guidato dal Prof. Luca Spalazzi e il Presidente del Museo Tattile Statale Omero di Ancona Roberto Farroni.

Un sistema operativo open source ovvero gratuito predisposto per non vedenti e ipovedenti

Il sistema operativo, denominato "Bright Ubuntu", sarà realizzato dallo staff del DIIGA personalizzando il sistema open source "Ubuntu" già esistente, al fine di renderlo "Bright" ovvero luminoso e funzionale per i non vedenti e gli ipovedenti dotandolo di tutti i software necessari ed eliminando l’inutile.
Il logo, che è quello ufficiale di Ubuntu personalizzato da Emeline Moreau, vuole riassumere l'idea progetto nella sua ottica di superamento del Digital Divide: rappresenta infatti tre bambini che si abbracciano, uno di questi ha il bastone in mano; i tre bambini hanno i tre colori degli occhi: blu, marrone e verde.

Cohabitat

Proprio per questo suo fondamentale obiettivo il progetto è rientrato appieno nei requisiti richiesti da Cohabitat - Asse Human bit - ricevendo così un sostanziale contributo della Provincia di Ancona per la sua realizzazione. Nella conferenza stampa di presentazione l'Assessore alla cultura della Provincia, Carlo Maria Pesaresi, ha voluto sottolineare la pertinenza e l'innovatività di questo progetto, capace di unire tecnologia e cultura.

La comunità e la rete di diffusione

Il sistema potrà essere scaricato gratuitamente da un sito internet realizzato ad hoc http://jeap.diiga.univpm.it/brightubuntu/wiki, dotato di un forum in cui confrontarsi e di un supporto on-line (tipo enciclopedia wiki) che spiegherà come installare e utilizzare il sistema.
Al termine del lavoro dell’Università lo staff del Museo Tattile Statale Omero, insieme ad un gruppo dell’Unione Italiana Ciechi, valuterà e testerà le sue funzionalità.

L'educational

Il progetto iniziato a maggio si conclude sabato 25 ottobre ore 17.30 con una giornata evento per la presentazione del prodotto e delle sue funzionalità e diffusione.