Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

11 maggio: Presentazione del libro Lettere dal fronte di Maria Grazia Camilletti

copertina libro

Venerdì 11 maggio 2018 ore 17
Sala conferenze Museo Tattile Statale Omero, Ancona


Presentazione del libro LETTERE DAL FRONTE
Pasquale Giorgetti, un "eroe" di paese 1915 di Maria Grazia Camilletti


Aldo Grassini, Presidente del Museo Tattile Statale Omero
Antonio Luccarini, giornalista
Sarà presente l'autrice
Letture di Mariagrazia Conti
Edizioni Affinità elettive 2018

Trama
Nel centenario della prima guerra mondiale viene ritrovato in un armadio di casa un vecchio quaderno. Dentro ci sono lettere e fotografie. Sono quelle di Pasquale Giorgetti, un giovane maestro di Camerano morto nel 1915 nella seconda battaglia dell'Isonzo, dopo un solo mese di guerra, mentre guidava il suo plotone all’assalto di un trincerone, e in seguito decorato con medaglia al valore. Le ha conservate la mano pietosa della sorella più piccola, Michela, la quale ne ha trasmesso il ricordo, peraltro ancora vivo nelle ricerche dei bambini della scuola elementare dove Pasquale aveva insegnato. Altre lettere, spedite ai familiari dopo la morte del giovane sottotenente, rivelano la partecipazione commossa e l'orgoglio di un'intera comunità per quella morte gloriosa. Di qui inizia la costruzione della memoria di uno dei tanti eroi di paese. Dallo stesso scenario di guerra un altro soldato di origine milanese, Pietro Brunà, scrive alla moglie e al fratello. Vivrà un anno di più e potrà raccontare altri orrori e altre sofferenze. Due corrispondenze inedite che narrano in diretta la guerra grande e restituiscono due microcosmi intessuti di sensazioni, sentimenti, relazioni. Una riflessione ulteriore, se ce ne fosse bisogno, sull'inutilità, la stupidità e la tragicità di tutte le guerre.

L'AUTRICE MARIA GRAZIA CAMILLETTI
Ha insegnato per vent'anni italiano e latino nei licei, poi si è dedicata alla ricerca storica, in particolare alla storia di "genere", presso l'Istituto per la storia del Movimento di liberazione nelle Marche, di cui è stata presidente dal 1996 al 1999. Ha fatto parte della redazione e del comitato scientifico della rivista "Storia e problemi contemporanei". Ha pubblicato diversi saggi su riviste specializzate e per "I quaderni" dell’Istituto Gramsci Marche ha curato il numero "Le donne raccontano: guerra e vita quotidiana. Ancona 1940-1945". Impegnata politicamente prima nel Pci, poi Ds, Pds e Pd, è stata consigliere comunale, poi assessore per due mandati. Per più di cinque anni ha tenuto lezioni per il corso "Donne e Istituzioni" organizzato dall'Università di Camerino.