Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Segni, legno

Scultura originale

Segni

Originale

Autore
Loreno Sguanci
Data
1990
Periodo
Novecento
Dimensioni
100 cm in altezza, 92 cm in larghezza, 0,5 cm in profondità
Tecnica
scultura, intaglio, pittura, lucidatura a cera
Materiale
legno
Spazio
'900 e Contemporaneo

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“…la realtà (diceva) era un segno nel senso più ampio del termine, che bisognava sempre cercare di approfondire, e che la vita era bella proprio, più che per un’avventura, per la ricerca di un senso”, Luca Sguanci.

“Segni”, in legno, è un’opera realizzata da Loreno Sguanci, nativo di Firenze ma marchigiano d’adozione, intorno al 1990. Si tratta di una lastra di legno, di forma rettangolare, lavorata su entrambe le superfici, alta un metro, larga 92 centimetri e spessa mezzo centimetro.

La superficie frontale risulta divisa in quattro parti da due linee, rosse e lisce, che muovendo dai vertici superiori scendono disegnando due archi simmetrici fino ai vertici inferiori; le linee si incontrano verso il basso in un piccolo rombo nero.

Le texture variano: la campitura superiore è caratterizzata da una serie di rombi, alternativamente lisci e ruvidi, che formano una sorta di scacchiera. Le due aree laterali presentano una successione di sottili scanalature orizzontali. Nella parte inferiore le scanalature sono più ampie e riprendono l’andamento curvo delle due linee rosse.

Sul retro due diagonali, lisce e rosse, dividono lo spazio in quattro triangoli uguali. La parte superiore è spezzata da un’ampia fascia ondulata, appena a rilievo, che la attraversa in senso orizzontale. Altre due fasce simili attraversano orizzontalmente il triangolo inferiore. Una serie di scanalature ondulate, strette e profonde, caratterizza invece i due triangoli laterali.

Toccandola la mano può seguire facilmente le linee e le campiture incise dall’artista, apprezzando l’alternanza di superfici più o meno ruvide o levigate.

Loreno Sguanci ha a lungo orientato la propria ricerca artistica sull’esplorazione del concetto di Segno (non a caso questo è il nome di diverse sue opere). Segno inteso come segnale; segno inteso come traccia del passaggio dell’uomo, della sua esistenza; segno infine come lavoro stesso dell’artista nel suo dialogo col materiale, in questo caso il legno.

Ascolta l’audio: 23 aprile 2020: Puntata “Toccare l’arte alla radio” dedicata a Loreno Sguanci