Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Ragazzo morso da ramarro

Rilievo da dipinto

Ragazzo morso da ramarro (copia in gesso)

Rilievo da dipinto

Made by
Massimiliano Trubbiani, PeppeNadia
Dimensioni
66 cm in altezza, 50 cm in larghezza
Tecnica
modellazione a mano libera, calco
Materiale
resina
Spazio
Dipinti

Originale

Autore
Caravaggio
Data
1595 - 1596 circa
Periodo
Barocco
Dimensioni
66 cm in altezza, 50 cm in larghezza
Materiale
colore ad olio su tela
Luogo
Firenze, Fondazione di studi di Storia dell'Arte Roberto LonghiSi apre in una nuova finestra

Descrizione

“Tanta manifattura mi era a fare un quadro buono di fiori, come di figure” Caravaggio.

Nella sezione dipinti è esposta una trasposizione a rilievo, realizzata dal Museo Omero con la collaborazione del laboratorio PeppeNadia, ottenuta da un calco modellato a mano libera del dipinto “Ragazzo morso da ramarro” di Caravaggio, conservato presso la Fondazione Roberto Longhi a Firenze.

Il rilievo permette alle persone non vedenti di comprendere le dimensioni e le forme del celebre dipinto, benché la tecnica usata implichi che il quadro venga reinterpretato, generando delle inevitabili variazioni rispetto all’originale.

Dallo sfondo neutro emerge la forma di un ragazzo con un vaso di fiori e dei frutti posati su un piano di fronte a lui. Il giovane è rappresentato nell’atto di ritrarsi urlando, mentre un ramarro nascosto tra le foglie gli morde un dito della mano destra, che egli aveva allungato verso un frutto.

Il ragazzo indossa una tunica che lascia scoperta la spalla destra; i capelli sono mossi, la bocca è aperta e le sopracciglia aggrottate in un’espressione di dolore e sorpresa; la mano sinistra è sollevata e semiaperta, come se il giovane avesse improvvisamente cercato di allontanarla dal ramarro.

Il pittore ha posto grande cura nella resa naturalistica dell’espressione del ragazzo, i cui tratti sono alterati dalle rughe generate dall’emozione improvvisa. La stessa attenzione la si ritrova nella resa dei fiori e dei frutti sul tavolo, cura che è stata trasposta anche nel rilievo, trattandosi di una caratteristica tipica dello stile di Caravaggio.

Il dipinto, eseguito tra il 1594 e 1595, verosimilmente per il cardinale Del Monte, è anche carico di contenuti morali: il piacere dell’allungare la mano per prendere un frutto che si trasforma in dolore; la tematica della vanitas, della precarietà della vita e della giovinezza, simboleggiata dalla rosa appassita nel vaso d’acqua, che contrasta con quella fresca che il giovane ha puntata tra i capelli.