Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Pop GA45

Oggetto di Design

Pop GA45 e Portadischi

Originale

Spazio
Collezione design
Designer
Mario Bellini
Azienda
Minerva
Data
1968
Periodo
Novecento
Produzione
fuori produzione
Dimensioni
24 cm in altezza, 20 cm in larghezza, 9 cm in profondità
Materiale
ABS (Acrilonitrile Butadiene Stirene), parti meccaniche, componenti elettriche
Sezione
abitare
Premi
Mario Bellini ha vinto 8 volte il Compasso d'Oro

Descrizione

“Siamo arrivati ultimi, ma abbiamo realizzato un giradischi automatico diverso. Diverso per il suo disegno industriale, per le sue dimensioni, per la sua qualità. E a un prezzo da non creare problemi. Arrivare ultimi così – è in pratica arrivare primi”. Questo recita una pubblicità Minerva che pubblicizza Pop GA45.

Pop è infatti un mangiadischi portatile disegnato da Mario Bellini e prodotto da Minerva nel 1968.

Come altri prodotti del genere, ha alcune qualità che sono i segnali distintivi del periodo: sono oggetti compatti (alto 24 e largo 9 centimetri) e robusti abbastanza da essere trasportati. Hanno una maniglia metallica, in acciaio o in alluminio lucido, che scorre e si nasconde in un corpo in materia plastica ABS (Acrilonitrile Butadiene Stirene).

Il materiale plastico offre innumerevoli qualità espressive: può essere colorato in pasta e quindi anche dopo 60 anni questi prodotti conservano la colorazione originale senza sverniciature. In collezione abbiamo la versione arancione.

Elemento funzionale e allo stesso tempo decorativo è la microforatura che permette al suono dell’altoparlante di uscire. A questo si affianca l’apertura a taglio che permette al disco 45 giri di entrare e di uscire.
Nel suo complesso, il mangiadischi si presenta come una moderna borsetta in plastica colorata rigida. Come per la Valentine si può dire che anche questo oggetto era pensato per le giovani.

“Silenzioso e quasi tascabile, ma dalla presenza ingombrante di storia, di segni, di messaggi legati a un tempo che aveva un futuro luminoso, il POP ha anche anticipato la moda di ritorno di non ancora o non più con le cuffie, ma proprio con lo stereo sulla spalla. In questo caso, in mano”, Chiara Alessi.

Ascolta l’audio: Pop GA45 – testo di Chiara Alessi e voce di Gianluca Paliotti

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.