Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Gabbiani

Scultura originale

Gabbiani

Originale

Autore
Bruno Fanesi
Data
1988
Periodo
Novecento
Dimensioni
34 cm in altezza
Tecnica
fusione, doratura
Materiale
bronzo
Spazio
Deposito

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

Opera donata dall’artista.

Il motivo dei gabbiani, simbolo di libertà, orizzonti da conquistare, di lotta dalle origini lontane tra gli uomini e lo spazio che nelle sue opere diventa dinamismo plastico. Ma i gabbiani sono anche protagonisti del cielo, del rincorrersi delle stagioni, del movimento perenne che tutto coinvolge.

La base della scultura è costituita da un cubo marmoreo, dal quale si alzano due aste bronzee a sostenerla.

Le ridotte dimensioni dell’opera permettono una facile esplorazione tattile: le mani possono scivolare sul bronzo dorato, lasciato in più punti brunito. La superficie risulta così liscia ma non lucida. La forma rimanda a dinamiche circolari, quasi a forma di cuore a suggerire un movimento ciclico simile ad un abbraccio, creato dalla fusione delle ali dei tre gabbiani da un quarto all’interno. I quattro volatili sono resi con forme stilizzate e collocati in diverse posizioni e direzioni di volo, conferendo ritmo e dinamismo alla composizione.

Notevoli al tatto anche i rigonfiamenti dei corpi a livello delle pance e la sproporzione delle ali che si allungano fino a creare un unico abbraccio circolare, ciclico, perenne.