Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Opera: Assenza

Scultura originale

Assenza

Originale

Autore
Tiziana Felicioni
Data
1996
Periodo
Novecento
Dimensioni
53 cm in altezza, 38 cm in larghezza, 23 cm in profondità
Tecnica
fusione, patinatura
Materiale
bronzo
Spazio
Deposito

Foto: Maurizio Bolognini. Proprietà: Archivio Museo Tattile Statale Omero.

Descrizione

“Nelle mie opere la figura femminile è convocata per mostrare le criticità, conflittualità, per rivelare le tensioni dinamiche, gli equilibri precari del soggetto umano contemporaneo in relazione al suo ambiente e ai suoi simili” Tiziana Felicioni.
“Assenza” è una scultura in bronzo che l’artista abruzzese Tiziana Felicioni ha realizzato nel 1996.
L’opera è alta 53 centimetri e larga 38; riproduce un mezzobusto di femminile, in posizione frontale; il collo e le spalle sono scoperti, mentre l’area del seno è nascosta dalle pieghe orizzontali e ondulate di una veste.

Gli occhi sono socchiusi e sembrano guardare in basso, nonostante il capo sia eretto. Le sopracciglia sono pronunciate, le labbra carnose, gli zigomi alti; sul mento si trova una leggera fossetta. La chioma forma una massa rigonfia sulla sommità del capo, i capelli sono pettinati all’indietro e raccolti in un voluminoso chignon tramite un fermaglio decorato a foglie, per poi formare una lunga treccia. L’espressione non rivela particolari sentimenti.

Il bronzo è di una tonalità bruna; il materiale è freddo al tatto e leggermente scabroso.

Rispetto alle altre figure della stessa artista che si trovano in collezione, le membra di “Assenza” sembrano meno scarne e più realistiche; l’intera opera risulta anche più decorativa, grazie ai dettagli dell’acconciatura e della veste. Questa scultura non ritrae una donna specifica e costituisce un’eccezione nella sua produzione.
La poetica di Tiziana Felicioni è legata in maniera indissolubile alla rappresentazione della figura femminile, riletta alla luce del presente: una figura che incarna le tensioni e le contraddizioni dell’umanità.

Opera concessa temporaneamente in comodato d’uso al Museo Omero.

Ascolta l’audio: Monica Bernacchia intervista la scultrice Tiziana Felicioni (“Puntata Toccare l’arte alla radio” del 18 febbraio 2021)