Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Corso di formazione e aggiornamento “La ceramica come strumento didattico”2009

Gli approfondimenti del Museo Omero

A chi è destinato:

  • Docenti curricolari e di sostegno delle scuole di ogni ordine e grado;
  • Operatori dei Servizi educativi dei Musei;
  • Operatori ed educatori dei servizi sociali e del settore dell’handicap.

Finalità:

La finalità del corso è quella di offrire, ad insegnanti ed educatori, validi strumenti didattici per favorire la creatività, l’espressività e l’apprendimento degli alunni, anche con abilità diverse.

Obiettivi:

  • Conoscere l’argilla e il processo ceramico;
  • Conoscere la produzione in argilla, dalla preistoria ad oggi;
  • Conoscere e sperimentare le possibilità di impiego didattico dell’argilla per attività inclusive, favorendo l’apprendimento, la creatività e l’espressività di tutti gli alunni, con particolare attenzione agli alunni con disabilità visiva;
  • Ideare laboratori e unità didattiche basate sull’uso dell’argilla.

Argomenti trattati:

  • Proprietà e caratteristiche dell’argilla;
  • Introduzione teorica alla produzione ceramica dalla preistoria all’epoca storica;
  • La ceramica nella storia dell’arte;
  • Modellazione di forme elementari, forme base, in bassorilievo, in una piastra di creta;
  • Animazione della superficie con tracce, rilievi, punzonature;
  • Tecnica del colombino per la realizzazione di vasi e ciotole;
  • Tecnica della lastra e trasformazione tridimensionale;
  • Tecnica della scatola per la realizzazione di vasi e ciotole;
  • Tecnica delle textures a pressione;
  • Tecnica dell’intarsio con terre colorate;
  • Decorazione a fresco dei manufatti in argilla;
  • L’impiego didattico dell’argilla per favorire l’apprendimento, l’espressività e la creatività di tutti gli alunni, con particolare attenzione agli alunni con disabilità visiva.

Info

Museo Tattile Statale Omero e Istituto Statale d’Arte “Mannucci”, Ancona.
Periodo: 7 e 8 luglio 2009.
Orario: 7 luglio: 15 -19.  8 luglio: 9 -13 e 14.30 – 18.30.
Scadenza iscrizione: 30 giugno.
Quota di iscrizione: 90 euro.
Gratuità: Disabili visivi.
Sconti: 20% per i soci Coop Adriatica e per gli associati ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti Storia dell’Arte), costo: 72 euro (allegare fotocopia della tessera nominativa).
In caso di fattura intestata ad Ente pubblico, il costo sarà esente IVA (art.10 p.20 DPR 33/72), costo 75 euro.

Organizzazione corso:
Numero minimo: 8 persone.
Numero massimo: 12 persone.
Attestato di partecipazione: almeno 10 ore di frequenza su un totale di 12. I manufatti prodotti resteranno al corsista.

Modalità di iscrizione:
Per l’iscrizione al corso è necessario far pervenire alla Segreteria Servizi Educativi del Museo la scheda di iscrizione debitamente sottoscritta e compilata in tutte le sue parti entro e non oltre il 30 giugno.
La spedizione potrà essere effettuata tramite:

  • e-mail: didattica@museoomero.it
  • fax: 071 28 18 35 8
  • lettera al seguente indirizzo:Museo Tattile Statale Omero, Segreteria Servizi Educativi, Via Tiziano, 50- 60125 Ancona.

Farà fede la data del timbro postale, del fax e o dell’nvio della e-mail.

Modalità di pagamento:
Il pagamento dovrà essere effettuato solo dopo la conferma dell’avvio del corso da parte della Segreteria del Museo, che contatterà direttamente gli iscritti.
Il primo giorno di corso la fotocopia della ricevuta del versamento va consegnata alla Segreteria del Museo. In caso di fattura intestata ad Ente pubblico, il costo sarà di Euro 75,00 in quanto esente IVA (art.10 p.20 DPR 33/72).

Si può pagare tramite:
Versamento sul conto corrente postale intestato a: Comune di Ancona – Museo Tattile Statale Omero Ancona; conto corrente numero 84747070;
oppure
Bonifico a Banco Posta – Ufficio Centrale Piazza XXIV Maggio, 60123 Ancona
IBAN IT 89L0760102600000084747070;
dall’estero IBAN IT 89L0760102600000084747070; Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX CIN L;
Causale (obbligatoria): “Iscrizione Corso Ceramica”.Note
Le adesioni seguiranno un criterio di ammissione riferito all’ordine cronologico delle domande di iscrizione.
I corsi di formazione sono realizzati in collaborazione con l’Ufficio Regionale per le Marche e l’Ufficio Scolastico Provinciale di Ancona e costituiranno crediti formativi, riconoscibili ai sensi delle disposizioni vigenti

Spalato – Ancona, un legame che si rinnova grazie al Museo Omero

20 e 21 Maggio
Spalato – Croazia

Mercoledì 20 Maggio il Museo Tattile Statale Omero ha partecipato alla serata dedicata a Louis Braille, per il bicentenario della nascita, su invito del Museo dei Monumenti Archeologici Croati e del Lions Club di Spalato, organizzatori e promotori dell’iniziativa.

All’incontro hanno partecipato: un rappresentante della Libreria dei Ciechi di Zagabria che ha tenuto una conferenza sull’ideatore della scrittura Braille, il Direttore del Museo dei Monumenti Archeologici Croati, la Presidente del Lions Donne di Spalato, Robero Farroni, il Direttore del Museo Tattile Statale Omero, e Aldo Grassini, Presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Marche e componente del Comitato di Direzione del Museo Omero.

Un ulteriore invito a livello internazionale per il Museo Omero, modello d’eccellenza e punto di riferimento nello scenario mondiale delle opportunità culturali per minorati visivi. Il Presidente Roberto Farroni ha presentato la collezione e le attività museali, attraverso le suggestive immagini del DVD “La grande Luce” e ha sottolineato il vivo rapporto di cooperazione e collaborazione con il Museo dei Monumenti Archeologici Croati, nato nel 2005 con la mostra “La Memoria dell’Antico”.

Durante la serata il Lions Club Donne di Spalato ha donato un contributo per finanziare la riproduzione di un’opera che arricchirà il settore tattile del Museo dei Monumenti Archeologici di Spalato.

Il giorno successivo la delegazione del Museo Omero, composta anche da Daniela Bottegoni, è stata accompagnata a visitare la Galleria d’arte di Spalato riaperta il 7 maggio, nella sede del vecchio ospedale completamente ristrutturato, dove le sculture sono accessibili ai minorati visivi. Infine la visita al centro storico e alle sue strutture accessibili come il Palazzo di Diocleziano.

Inaugurazione Totem sensoriale per la Basilica di Loreto

Inaugurazione con il Vescovo, Daniela Bottegoni, Roberto Farroni, Andrea Socrati  e il gruppo di alunni

Sabato 6 giugno 2009 ore 10.30
Basilica di Loreto

Dopo un anno di lavoro si è concluso il progetto pilota “Totem sensoriali” promosso dal Museo Tattile Statale Omero e finalizzato all’integrazione socio-cultuarale delle persone con minorazione visiva.

Sabato 6 giugno alle ore 10.30, si svolgerà l’inaugurazione del “Totem sensoriale” con il suo posizionamento all’interno della Basilica di Loreto alla presenza del Vescovo, dell’Assessore all’Istruzione del Comune di Loreto, del responsabile dell’Ufficio H dell’Ufficio Scolastico Provinciale, di rappresentanti dell’Unione Italiana Ciechi e del Museo Tattile Statale Omero.

Il progetto

Il progetto, coordinato da Andrea Socrati, responsabile dei progetti speciali del Museo Omero, ha sperimentato la validità e la riproducibilità di un percorso che ha visto docenti e alunni di Loreto protagonisti di un’azione concreta atta a rendere più accessibile, e senza il ricorso a particolari risorse economiche, il principale monumenti della propria città: la Basilica.

Che cosa è il totem sensoriale?

Alunni delle scuole primarie e medie, coordinati dalla Prof. Laura Falasco della Scuola Media Statale Lorenzo Lotto, hanno realizzato un Totem sensoriale con ausili tattili e audio utili alle persone con minorazione visiva che visitano la Basilica.
Il Totem  contiene libri e tavole tattili, descrizioni audio e ulteriori materiali come segnalibri e cartoline tattili, il tutto realizzato con materiali di riciclo o a basso costo, a seguito anche dell’esperienza maturata durante i laboratori pratici con gli operatori del Museo Omero di Ancona.

La Basilica di Loreto

Museo Pietraia dei Poeti, Arte insieme senza barriere

locandina

16 – 31 Maggio
San Benedetto del Tronto

Dopo il grande successo dello scorso anno, la direzione del «Museo Pietraia dei Poeti» di San Benedetto, dello scultore Marcello Sgattoni, annuncia la collettiva «Arte Insieme, cultura senza barriere», evento che la Fondazione Pietraia dei Poeti, in attesa dell’apertura della sua quarta stagione, organizza dal 16 al 31 maggio.

La manifestazione si svolgerà negli spazi del Museo Pietraia dei Poeti, località Colle Barattella, in collaborazione con il Museo Tattile Omero di Ancona e l’Unione Italiana Ciechi. «Con la stessa finalità per cui abbiamo aderito a tale manifestazione afferma il direttore dottor Pizza rilanciamo con forza il messaggio di sensibilizzazione verso le tematiche della diversità, ancora troppo spesso dimenticate, e riteniamo che proprio attraverso l’arte, in tutte le sue manifestazioni, si realizzino le migliori occasioni di incontro e di dibattito».

E’ bene ricordare che il Museo Pietraia dei Poeti ha realizzato un percorso, sulla sommità della collina, che permette ai non vedenti di godere dell’arte attraverso il tatto.

Vuoi sostenere le attività del nostro Museo? Dona il tuo 5 per mille

5 per mille

Appello rivolto agli amici del Museo Omero

Se ti piacciono le iniziative del Museo Omero ed ami la filosofia che le ispira, se partecipi alle sue attività e fruisci dei suoi servizi e credi che questa struttura meriti sostegno e promozione, puoi darle una mano in un momento difficile per tutte le attività culturali, costrette a subire tagli pesanti nelle loro dotazioni finanziarie.

Puoi farlo senza alcun costo per te, destinando il 5 per 1000 delle tue imposte – che comunque devi pagare – al sostegno delle attività del nostro Museo.

In che modo?

Esiste un’associazione di volontariato senza scopo di lucro denominata “Per Il Museo Tattile Statale Omero – Onlus”, sorta appositamente per aiutare il Museo fornendogli volontari e risorse finanziarie per le sue attività.
Ad essa puoi destinare il tuo 5 X 1000 in occasione della tua dichiarazione dei redditi, firmando nell’apposito riquadro sui modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730, ovvero apposita scheda allegata al CUD per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione) in corrispondenza dello spazio relativo al sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

Indica nell’apposito riquadro il numero di codice fiscale della Associazione stessa 93114220424

ATTENZIONE: è consentita ogni anno una sola scelta di destinazione del cinque per mille; essa, tuttavia, e quella dell’8 per mille non sono in alcun modo alternative fra loro (quindi, possono essere effettuate entrambe).
Ecco un modo semplice e per nulla costoso con cui i nostri amici ed i loro amici potranno aiutarci a realizzare i nostri progetti, primo fra tutti l’allestimento di una struttura sempre più bella, più efficiente e più moderna nella cornice prestigiosa della Mole Vanvitelliana di Ancona dove il Museo Omero si accinge a porre la sua sede definitiva.

Se condividi questa iniziativa, gira questo avviso alla tua mailing list.
P.S. Se non ti basta offrire il tuo Cinque per Mille e vuoi aggiungere una donazione, detraibile per il 19% dalle tue imposte, invia un Bonifico a:
Associazione “Per il Museo Tattile Statale Omero ONLUS”.
c/c bancario presso Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana,  Filiale Ancona 1, Via Martiri della Resistenza 62
IBAN:  IT 53 P 06140 02600 CC0170030899

Causale: erogazione liberale a favore delle attività della Associazione.

Allo scopo, è necessario che le donazioni per l’Associazione “Per il Museo Tattile Statale OMERO – ONLUS”, siano effettuate mediante versamento bancario (bonifico), ovvero mediante assegni bancari e circolari.

Grazie.

Università, Disabilità, Beni Culturali, Verso un’educazione senza barriere

locandina

Venerdì 8 maggio 2009
Napoli, Università Suor Orsola Benincasa

Il Museo Tattile Statale Omero partecipa al Convegno “Università, Disabilità, Beni Culturali” organizzato dal Servizio di Ateneo per le Attività degli studenticon Disabilità (SAAD) dell’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”.

Andrea Socrati, responsabile dei progetti speciali del Museo Omero, interviene presentando i lavori del progetto “Arte dentro L’Arte”: un progetto per avvicinare l’architettura ai non vedenti che ha permesso di collocare all’interno di alcuni grandi Monumenti della Regione Marche il piccolo Monumento da toccare, realizzato dai ragazzi degli Istituti d’Arte delle città coinvolte: Porta Pia di Ancona, Battistero di Ascoli Piceno, Cattedrale di Fermo, Rocca Costanza di Pesaro.

Il convegno vuole essere una feconda occasione di dialogo fra associazioni, mondo della ricerca e istituzioni al fine di promuovere una riflessione condivisa sulle possibilità di fruizione dei Beni Culturali, nei fatti ancora difficilmente accessibili alle persone con disabilità, e non solo per la presenza di barriere architettoniche.

L’obiettivo più generale è quello di contribuire in maniera significativa alla diffusione di una cultura della inclusione.

Programma

Venerdì 8 maggio ore 9,30
Indirizzo di saluto
Francesco De Sanctis
Rettore dell’Università degli Studî Suor Orsola Benincasa

Introduce e coordina
Ornella De Sanctis.
Delegata del Rettore alla Disabilità.

Interventi:

  • Lucio d’Alessandro, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione;
  • Piero Craveri, Preside della Facoltà di Lettere;
  • Diana De Feo, VII Commissione Cultura del Senato;
  • Eugenio Mazzarella, VII Commissione Cultura della Camera;
  • Corrado Gabriele, Assessore Istruzione e Formazione / Regione Campania;
  • Nicola Mazzocca, Assessore Università e Ricerca / Regione Campani.

Relazioni

  • Elisa Frauenfelder, Ordinario di Pedagogia generale e sociale, Università degli Studî Suor Orsola Benincasa,
    L’accesso alla cultura come strumento di formazione ed integrazione della persona con disabilità;
  • Maria Antonella Fusco, Docente di Didattica museale, Università degli Studî Suor Orsola Benincasa
    Disabilità sensoriali e educazione al patrimonio culturale;
  • Andrea Pane, Dipartimento di Storia dell’Architettura e Restauro, Università di Napoli Federico II
    Accessibilità dei luoghi di interesse culturale;
  • Emilia Napolitano, Presidente DPI (Disabled Peoples’ International) Italia onlus
    L’accessibilità nella prospettiva della Convenzione Internazionale dei diritti delle persone con disabilità;
  • Ciretta Brunetti, SAAD
    Tempo libero e disabilità;
  • Carmela Pacelli, SAAD
    Le iniziative promosse dal SAAD;
  • Maria Grazia Gargiulo, SAAD
    Presentazione Guida all’Accessibilità.

ore 14,30

  • Pasquale Gentile, Presidente dell’Associazione albergatori Napoli
    Turismo inclusivo e accessibilità degli alberghi;
  • Patrizia De Socio, Centro per i servizi educativi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
    Il progetto Cassio;
  • Annalisa Porzio, Responsabile servizio educativo / Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Napoli e provincia
    Un’esperienza di metodo: la sala DAI di Palazzo Reale di Napoli;
  • Maria Rosaria Iacono, Responsabile servizio educativo / Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Caserta e Benevento
    Il Servizio di Accoglienza, orientamento e introduzione alla visita del Parco per gli utenti disabili (SAP) nella Reggia di Caserta;
  • Andrea Socrati, Responsabile progetti speciali / Museo Tattile Statale Omero
    L’arte dentro l’arte. Un progetto per avvicinare l’architettura ai non vedenti;
  • Vito Bardascino, Responsabile Aerea Integrazione Progetto Scuole Aperte / Regione Campania / Assessorato Istruzione Formazione Lavoro
    Dal Progetto Scuole Aperte al progetto di Vita dei ragazzi con disabilità;
  • Ennio Paiella, Fondazione ASPHI onlus
    ‘Accessibilità dei siti web’ come pari opportunità di accesso all’informazione e alla cultura;
  • Antonella Guidazzoli, Responsabile Laboratorio Vis IT / CINECA
    Rosita Bacchelli, Responsabile Laboratorio UXlab / CINECA
    Esperienza ponte inclusiva: dalla grafica immersiva al portale.